LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA - Vanno definitivamente in soffitta le aree entrate nel toto-discarica per il dopo-Malagrotta.
IL TEMPO 29/03/2012



Accantonate le sette sorelle, adesso caccia all'ottava.


Una discarica che, con ogni probabilit, nascer come temporanea per poi divenire definitiva. questo l'orientamento dei tecnici del ministero dell'Ambiente. L'idea che in futuro dovr essere sempre meno la quantit di rifiuti che finisce sotto terra. Il 20% del totale entro il 2014. A quel punto, la discarica che sostituir Malagrotta, potr continuare ad accogliere l'immondizia anche negli anni avvenire. Se il sistema funziona - ha detto il ministro Clini - potrebbe essere anche la discarica di servizio residuale per le attivit a pieno regime. La parola residuale non scelta a caso, dal momento che l'opzione discarica sar l'ultimo anello della catena e la meno utilizzata. Prima verranno la raccolta differenziata, gli impianti di trattamento meccanico biologico, le strutture di compostaggio e le linee di termovalorizzazione. Sul tavolo c' anche l'ipotesi di utilizzare i poligoni del ministero della Difesa, ma resta un'alternativa lontana. Ma andiamo a vedere le motivazioni che hanno portato i tecnici del ministero a bocciare i sette siti che la Regione aveva individuato. Lo stop era gi nell'aria, bastava mettere in fila i pareri negativi espressi dall'Autorit di Bacino del Tevere e dai Beni culturali. Il Ministero innanzitutto pone l'attenzione sui siti che hanno evidenti problemi di natura idrogeologica. Si tratta di Corcolle (VIII Municipio), Quadro Alto e Pian dell'Olmo (Riano). I primi due sono proprio quelli su cui era caduta la scelta del prefetto Pecoraro, il quale aveva gi avviato i sondaggi preliminari alla costruzione degli invasi. La realizzazione, si legge nel rapporto, appare non compatibile, fatta salva la preventiva ed effettiva dimostrazione di realizzabilit, stabilit e convenienza anche economica di barriere impermeabili ingegnerizzate idonee nel superare nel lungo termine qualsiasi ipotesi di eventi tali da pregiudicare la qualit dell'ambiente nelle aree limitrofe, con danno alla salute dell'uomo. Per quanto riguarda Corcolle, inoltre, i problemi sono anche di altra natura: Una soluzione inopportuna vista anche la prossimit con il sito archeologici di Villa Adriana. Una vittoria per i centinaia di residenti che in questi mesi si sono aggrappati con tutte le forze all'antica dimora dell'imperatore come deterrente alla costruzione della discarica. I tecnici del ministero non hanno risparmiato nemmeno le altre aree. Il sito di Monti dell'Ortaccio presenta delle caratteristiche geologiche favorevoli e capacit di abbancamento di rifiuti adeguata stante anche la presenza ed esercizio di due impianti di Tmb e gassificazione, a fronte di fattori di inopportunit connessi al grado di sovraccarico ambientale gi insistente sull'area. La scelta, in questo caso, di buon senso: costruire una discarica in questa zona, proprio accanto a dove oggi sorge Malagrotta, sarebbe stato davvero troppo. C' poi il sito di Fiumicino, quello di Pizzo del Prete, che nel piano della Regione avrebbe dovuto ospitare la discarica definitiva tra tre anni. Avrebbe dovuto ispirarsi alla discarica di Peccioli, in provincia di Pisa, dove la stessa governatrice Polverini si recata in visita per studiarne le caratteristiche. In questo caso, il ministero ritiene che presenti caratteristiche compatibili salvo la tempistica di realizzazione degli scavi e le opere viarie che si renderebbero necessarie. Lapidaria, infine, la considerazione sulle altre due aree, quella di Osteriaccia e quella di Castel Romano: Presentano manifeste criticit e l'esistenza di fattori escludenti. La palla passa nelle mani del prefetto Pecoraro che, in veste di commissario per l'emergenza rifiuti, dovr scovare l'ottavo sito. Quello idoneo. La Provincia ha detto che se ce ne sono di disponibili me li far conoscere - spiega Pecoraro - tutto questo deve avvenire in tempi molto brevi perch se entro giugno non c' un progetto il commissario, o chi per lui, non in grado di fare un'ulteriore proroga di Malagrotta. Come avevo detto i sette siti proposti dalla Regione erano e sono problematici. Spero ci siano altri siti disponibili. Intanto Malagrotta resta al suo posto, di proroga in proroga. D.M.




news

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

26-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

Archivio news