LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Anna Maria Petrioli Tofani va in pensione. L'addio di Lady Uffizi: Mi aspetta l'America
Letizia Cini
NAZIONE - Carlino GIORNO, 24 gennaio 2005

FIRENZE Ha diretto gli Uffizi dal 1987 a oggi e nonostante la sopraggiunta et pensionabile, si sempre dichiarata disponibilissima a occuparsi della sua Galleria. Eppure, dal febbraio prossimo venturo, qualcun altro prender il suo posto: inutile chiedere nomi, per ora il soprintendente speciale per il Polo museale fiorentino, Antonio Paolucci, non parla. Dal canto suo, ci ha sperato fino all'ultimo la professoressa Petrioli Tofani, donna tutta d'un pezzo, con idee non sempre in linea con le scelte dei superiori. S, speravo di poter continuare a svolgere l'attivit per la quale ho investito tempo, risorse ed energie, conferma la storica dell'arte.
Con quale risultato, professoressa Petrioli Tofani?
Purtroppo nessuno, nonostante sia previsto per legge.
In che senso, scusi?
Il ministero non ha accettato il prolungamento di permanenza richiesto e cos, alla fine di gennaio, mi vedr costretta, mio malgrado, ad andarmene in pensione per raggiunti limiti di et.
Rimpianti?
Mi dispiace lasciare un lavoro al quale ho dedicato tanta parte della mia vita. Ma sono soprattutto dispiaciuta di non poter vedere la conclusione del progetto dei Nuovi Uffizi, al quale ho lavorato dall'inizio del mio direttorato.
Con lei sono state messe in atto le stesse procedure usate per l'ex soprintendente archeologico di Roma, Adriano La Regina, e per il direttore della Biblioteca Estense di Modena, Ernesto Milano: cosa pensa delle reazioni del collega romano?
Sono sostanzialmente d'accordo con lui.
Sotto quale punto di vista?
La Regina ha ragione quando dice che sono aumentati i passaggi tra il momento decisionale e quello attuativo della normativa: ma, soprattutto, non si provveduto a imprimere una svolta reale per dare autonomia a grandi istituzioni come lo sono alcuni importanti musei nazionali.
Quali motivazioni hanno addotto nel rifiutarle il prolungamento dell'incarico?
Il motivo che non ci sono i soldi per continuare a pagarmi lo stipendio. Rilevo per, che dovranno comunque pagarmi la pensione.
Dopo tanti anni in Galleria, a lottare con i cronici problemi di organico e i soldi che non bastano, cosa far Anna Maria Petrioli Tofani?
Continuer a seguire, ovviamente a livello scientifico, l'attivit del Gabinetto disegni e stampe, di cui sono stata direttrice dal 1981 al 1987 e, soprattutto, mi dedicher al nuovo incarico di Kress professor alla National Gallery di Washington, dove sono stata chiamata a fornire consulenze basate sulla mia esperienza museografica.
E si toglier ancora tantissime soddisfazioni grazie all'apprezzamento di cui gode all'estero. Ma come spiega il suo attaccamento viscerale agli Uffizi?
Forse perch quella notte del 26 maggio 1993, quando la citt fu sconvolta dall'attentato che cost la vita a cinque persone, io c'ero.
Lei era l, a fare il bilancio delle ferite inferte dalla bomba dei Georgofili al patrimonio della Galleria...
Ferite che oggi si sono rimarginate, lasciando come cicatrici indelebili dipinti irrimediabilmente perduti, o recuperate grazie all'impegno dell'associazione Amici degli Uffizi: un esempio, L'adorazione dei pastori dipinta dal fiammingo Van Honthorst. L'opera stata in parte restituita ed tornata nella Sala 38 della Galleria simbolo di una rinascita, testimonianza tangibile che possibile volgere in positivit la negativit di un gesto sconvolgente come quello perpetrato ai danni di Firenze.
Dopo quel terribile attentato rester impresso nella memoria di molti il velocissimo recupero della Galleria, grazie al suo schierarsi in prima linea. Lei si mai sentita turbata dalle critiche mosse per il suo atteggiamento, ritenuto ostinato, o per le carenze degli Uffizi?
Gi, le critiche. Eppure, ogni anno, la Galleria accoglie circa 1 milione e 500mila visitatori, con picchi di 6mila presenze giornaliere. Un dato di evidente rilievo economico, un aspetto da non valutare solo in termini di biglietti staccati o articoli venduti dal book-shop, ma tenendo conto di tutto l'indotto che questo produce.
Eppure la Finanziaria ha stabilito una riduzione del 25% per le spese di funzionamento di musei, tanto che il ministro Urbani tempo fa pavent una chiusura parziale o totale degli Uffizi.
I beni culturali in Italia sono un argomento centrale; se giusto ridurre la spesa, serve tagliare dove ce n' bisogno. Tagliare poco in un settore delicato come i beni culturali, significa il collasso.
Soluzioni?
Gli Uffizi potrebbero anche farcela da soli, qualora avessero una reale autonomia gestionale, visto che incassano i soldi provenienti dalla vendita dei biglietti. Esistono per musei e soprintendenze che non hanno il reddito da biglietti che abbiamo noi e che sarebbero sicuramente costretti a tagliare la luce o a chiudere.
E la chiusura degli Uffizi ipotizzata dal ministro?
Si trattava solo di una provocazione, ma mi trovo d'accordo con Urbani quando rivendica pi attenzione per il settore da parte del Governo: la riduzione dei fondi rappresenta una mazzata per l'intero settore della tutela e della conservazione dei beni culturali, che gi non vive una condizione brillante sotto il profilo finanziario. Vorrei inoltre ricordare che le nostre strutture museali non hanno solo una valenza locale, per le citt in cui si trovano, ma sono un fiore all'occhiello per l'immagine del nostro Paese nel mondo, e una risorsa fondamentale per l'economia legata al turismo. E, di questo, il Governo deve tenere conto.
Altrimenti?
La riduzione dei fondi porterebbe come conseguenza avere meno personale di custodia, cio personale di ruolo responsabilizzato e con professionalit adeguata, indispensabile per tenere aperto un museo.
L'augurio di Anna Maria Petrioli Tofani al suo successore?
Traghettare gli Uffizi all'autonomia: la situazione attuale a dir poco... penalizzante.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news