LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palazzo Grassi, nessuna garanzia per il personale
S.D.
Il Gazzettino, 24 gennaio 2005

Dal giorno 20 gennaio Palazzo Grassi Spa ha un nuovo amministratore delegato, Filippo Berando di Pralormo, in sostituzione del dimissionario Giuseppe Donegà. È lui che ha avuto il mandato di trattare la cessione del ramo veneziano della società di Casa Fiat di cui fa parte anche la Pinacoteca del Lingotto di Torino che gestisce la quadreria Giovanni e Marella Agnelli, e che è destinata ad essere scorporata dalla compravendita della parte veneziana.
Intanto, il consiglio di amministrazione del Casinò, nelle due sedute di venerdì e di sabato, ha preso tempo per esaminare le modalità dell'acquisto, soprattutto per quanto attiene le offerte dei soggetti privati disposti a rilevare con il Casinò il 51% della società di proprietà della Fiat. Comunque l'operazione dovrebbe procedere con i tempi previsti, con la firma del preliminare d’acquisto già fissata per il 25 gennaio.
Infuria intanto la polemica sulle sorti del personale di Palazzo Grassi, una struttura snella e professionale formata di soli quattordici dipendenti. Sarebbe stato questo il motivo che ha spinto Giuseppe Donegà, amministratore delegato dal 13 ottobre 1984, a rassegnare le proprie dimissioni. Donegà, nel visionare il “piano industriale” redatto dal Comune, ha accertato che «esso prevede oltre a tre persone assorbibili da Casinò spa, la necessità di 12 persone per gestire la predisposizione delle nuove mostre». «Facendo una semplice somma, quindi », osserva Donegà «la nuova organizzazione di Palazzo Grassi dovrà avere 15 unità, cioè più delle 14 attuali. Il costo di queste 12 persone dovrebbe essere "spalmato" sui costi delle mostre, e recuperato dai ricavi, sponsor compresi».
Donegà sostiene che nel preliminare di vendita e in documenti riservati del Casinò si parla invece di soli tre dipendenti che sarebbero destinati a seguire le sorti di Palazzo Grassi. «E gli altri?» si chiede Donegà. «A quanto mi consta, nessuno degli altri è stato ancora licenziato da Palazzo Grassi spa, a meno che a procedere ai licenziamenti non sia la nuova proprietà che se ne assumerà la responsabilità sociale».
«Ne deduco - prosegue Donegà -che sono quei dipendenti, proprio quelli della Palazzo Grassi attuale, che non vanno bene e che si tenderà a ricostituire l'organico della società con altri, presi non si sa da dove». L'ex amministratore delegato si dice «sconcertato ed incapace di comprendere i singolari percorsi lungo i quali si stia definendo questa storia». Dopo aver sottolineato la professionalità e le qualità dell' attuale staff, Donegà si chiede «se davvero questi dipendenti di Palazzo Grassi hanno fatto così male da licenziarli e sostituirli, tutti tranne tre di loro?». «Sono certo - conclude - che la giunta di Venezia e la sua componente di sinistra in particolare, che non può essere indifferente a queste cose, potrà chiarire».



news

21-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news