LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Grande Brera. Primo passo importante
Carlo Bertelli
Corriere della Sera - Milano 24/3/2012

Quanti anni sono passati da quando la mostra di Burri a Palazzo Citterio sembrò indicare la svolta decisiva per Brera e aprì gli animi alle speranze? All'incirca trenta. Poi subentrò un silenzio interrotto da frequenti litigi fra gli utenti del palazzo, soffocati dalle ristrettezze di spazio, e i piani di fattibilità che si succedettero non riuscirono a sopirli. Finalmente nuove speranze furono accese dalla inattesa possibilità di acquisire per l'Accademia un'intera caserma. Non si poteva uscire da una situazione penosa benché intorno la città si stesse muovendo. Nasceva il Museo del Novecento, s'inauguravano le Gallerie d'Italia della Banca Intesa, ma mancava alla ripresa di Milano quella struttura essenziale che era stata da sempre Brera. Era necessaria una mossa decisiva da parte del governo e questa mossa non poteva consistere in altro che un forte investimento finanziario. Certo, i milioni che arrivano non saranno sufficienti a risolvere tutto, ma già incominciano a essere un segnale di volontà e di mobilitazione. Nel senso che sarà la società civile milanese a interessarsi al destino di Brera con programmi che coinvolgeranno iniziative private accanto a quelle dello Stato. Anche in questo Milano saprà dare un segnale di rinnovamento, in una prospettiva che avrà valore non soltanto per la città, ma per l'intero Paese. Detto queste riflessioni da Strasburgo, dove il museo d'arte costituisce una delle più raffinate collezioni di opere italiane in Europa. E’ un museo le cui scelte furono operate da un grandissimo storico dell'arte tedesco, Wilhelm Bode, quando la città era tedesca. A Bode successe il dottor Stoll, che continuò la politica del museo ancora quando la città divenne francese. Nella nostra storia europea vi sono segni forti di continuità che dimostrano come la costruzione di un contesto culturale vada ben al di là dei passaggi politici e, in questo caso, addirittura nazionali. Brera è nata come un'istituzione europea. Europea in tutto: nella Biblioteca, nell'Accademia, nella Pinacoteca. Dovrà essere all'altezza di un confronto europeo. Vi è un appuntamento per Brera molto vicino, che è il 2015, una data in cui Milano si troverà di fronte a un severo giudizio internazionale. Se vi sarà un serio sforzo, dovremo riuscire ad accogliere i visitatori di Milano almeno con la promessa concreta che avranno una Brera degna della propria tradizione e del confronto internazionale. Sono sicuro che una data come questa susciterà le collaborazioni che sono finora mancate perché regnava una grande incertezza su ciò che lo Stato intendeva concretamente fare. Mi piace citare un articolo con cui Giovanni Testori, sul Corriere, salutò la riapertura di Brera dopo una lunga chiusura. Allora Testori scrisse: «Si sono riaperti gli occhi di Milano».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news