LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Legge 308/2004: Sanatoria paesaggistica e gestione dei rifiuti i punti nodali
http://www.cittadinolex.kataweb.it/


Sono occorsi ben tre anni di lavori parlamentari per arrivare a pubblicare sulla Gazzetta Ufficiale n.302 del 27 dicembre 2004 la tanto attesa legge delega (n.308 del 15 dicembre 2004) in vigore dal 11 gennaio 2005 e mirata a riordinare tutto il settore della legislazione ambientale, sino ad ora regolato da ben 1.148 leggi.

Al governo è affidato il compito, da svolgersi nei prossimi diciotto mesi, di riformulare e coordinare l'intera materia ambientale, creando dei testi unici che rispondano il più possibile alle reali esigenze del territorio italiano e che siano conformi alle linee guida contenute in questo provvedimento.


Queste ultime riguardano vari punti nevralgici quali: la gestione dei rifiuti, la bonifica dei siti contaminati; la tutela delle acque dall'inquinamento, la gestione delle risorse idriche; la difesa del suolo, la lotta alla desertificazione; la gestione delle aree protette; la conservazione e utilizzo sostenibile degli esemplari di specie protette di flora e di fauna, la tutela risarcitoria contro i danni ambientali; la procedura per le valutazioni di impatto ambientale; la tutela dell'aria e la riduzione delle emissioni nell'atmosfera.

Il compito di tracciare la riforma è affidato ad una commissione di ventiquattro saggi (in carica un anno), scelti fra professori universitari, massimi dirigenti di istituti pubblici di ricerca ed esperti di alta qualificazione nei settori e nelle materie oggetto della delega.

Questa commissione sarà assistita da una segreteria tecnica composta da venti persone, coordinata dal capo dell'ufficio legislativo del Ministero dell'Ambiente.

La legge, composta da un solo articolo declinato in 54 commi, detta anche una serie di norme ad applicazione diretta (commi dal 20 al 54) che sono inerenti alle competenze del Ministero dell'Ambiente e contiene delle misure che riguardano determinati aspetti della normativa di tutela paesaggistica ed ambientale (commi dal 32 al 39).

Le maggiori novità concerno soprattutto il tema scottante delle demolizioni.


In particolare questo provvedimento stabilisce che, in caso l'autorità amministrativa preposta alla tutela del paesaggio ed alle demolizioni non provveda d'ufficio entro 180 giorni dall'accertamento di illecito, debba essere il direttore regionale competente a procedere nei trenta giorni successivi.

Riguardo alle somme raccolte tramite questi illeciti, è stabilito che esse vengano impiegate non solo per ripristinare la situazione che vigeva prima dell'abuso, ma anche ad effettuare altri interventi di riqualificazione degli immobili e delle aree degradate, nonché di recupero dei valori paesaggistici.

In particolare, i commi 32, 33 e 34 contengono indicazioni in merito all'annosa questione della lottizzazione selvaggia realizzata in località Punta Perotti, nel comune di Bari.


La legge in questione conferisce al direttore generale per i beni architettonici e paesaggistici del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, una volta verificato che il comune non ha provveduto a demolire il "mostro" già confiscato come stabilito da sentenza penale passata in giudicato, il potere di diffidare il comune stesso a provvedere entro il termine di sessanta giorni, invitando per di più la regione Puglia ad esercitare il potere sostitutivo.


In caso di ulteriori ritardi da parte dei due enti, sarà sempre cura del direttore generale provvedere agli interventi di demolizione, le cui spese saranno pagate attingendo ai fondi incamerati con il recente condono edilizio e con quelli regionali accumulati tramite le sanzioni amministrative degli abusi edilizi.

Il provvedimento contiene anche un inasprimento delle pene per i reati di abuso compiuti a danno delle aree di tutela paesaggistica: da 2 a 4 anni, se gli interventi realizzati abbiano comportato aumenti di volumetria maggiori del 30% o di 750 metri cubi complessivi, oppure abbiano creato nuove costruzioni con volumetrie superiori ai 1000 metri cubi.

E' interessante, comunque, sottolineare che la legge delega pone alcune significative deroghe alla demolizione, anche se gli abusi vengono puniti con multe o sanzioni amministrative ripritinatorie.

In pratica, la demolizione non dovrà più essere effettuata ogni volta che:

1) i lavori realizzati in assenza o difformità dall'autorizzazione paesaggistica non abbiano determinato creazione di superfici utili o volumi ovvero aumento di quelli legittimamente realizzati;

2) i materiali impiegati in difformità dall'autorizzazione paesaggistica siano comunque compatibili con l’ambiente circostante;

3) i lavori eseguiti siano configurabili come interventi di manutenzione ordinaria o straordinaria ai sensi dell'articolo 3 del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380 (testo unico per l’edilizia, articoli 35 e 36).

La sanatoria paesaggistica include inoltre la depenalizzazione dei reati per tutti gli abusi commessi entro e non oltre il 30 settembre 2004 con la realizzazione di edifici in luoghi tutelati oppure per chi ha trasformato il paesaggio, non solo per quelli costruiti senza autorizzazione, ma anche per quelli difformi ai permessi di compatibilità ottenuti.

Il provvedimento stabilisce che il reato venga considerato estinto nei seguenti casi:

1) qualora le tipologie edilizie realizzate ed i materiali utilizzati, anche se diversi da quelli indicati nell'eventuale autorizzazione, rientrino fra quelli previsti ed assentiti dagli strumenti di pianificazione paesaggistica, ove vigenti, o altrimenti, siano giudicati compatibili con il contesto paesaggistico;
2) qualora i trasgressori abbiano già provveduto a pagare:


a) la sanzione pecuniaria di cui all'articolo 167 del decreto legislativo n. 42 del 2004, maggiorata da un terzo alla metà;

b) una sanzione pecuniaria aggiuntiva, determinata dall'autorità amministrativa competente, tra un minimo di 30.000 Euro ed un massimo di 50.000 Euro.

Il secondo punto nevralgico delle legislazione ambientale riguarda i rifiuti. La legge delega stabilisce, tra le altre cose, che occorre razionalizzare tutto il sistema di raccolta e di smaltimento dei rifiuti solidi urbani, soprattutto favorendo forme diverse dalla tradizionale discarica, definendo le norme tecniche da adottare per l'utilizzo obbligatorio di contenitori di rifiuti urbani adeguati, garantendo adeguati incentivi e forme di sostegno ai coloro che riciclano i rifiuti e per l'utilizzo di prodotti costituiti da materiali riciclati e promuovendo gli interventi di messa in sicurezza e bonifica dei siti contaminati da amianto.


E' fondamentale il passaggio che concerne i rottami ferrosi e non ferrosi, nonché gli altri scarti di lavorazioni industriali ed artigianali o provenienti da cicli produttivi o di consumo.

Se essi sono, infatti, destinati ad attività siderurgiche e metallurgiche vengono classificati come materie prime secondarie e quindi non sono più sottoposti al regime dei rifiuti. Stesso destino seguono i rottami ferrosi e non provenienti dall'estero che trovino lo stesso impiego nel nostro paese.

La legge delega, per far sì che avvenga questa sorta di riqualificazione, istituisce una sezione speciale dell'Albo Nazionale delle Imprese, a cui si potranno iscrivere anche quelle di Paesi comunitari e non che operano nel settore del recupero dei rottami di questo genere.
Questa iscrizione, infine, può essere effettuata dalla compagnia estera semplicemente tramite una comunicazione all'Albo stesso, che riporti in allegato un'attestazione di conformità rilasciata dall'autorità competente del Paese di appartenenza. (13 gennaio 2005)



news

26-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news