LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ritrovare il primato della cultura senza demonizzare l' economia
Andrea Carandini
21 marzo 2012, corriere della sera



Trattare di cultura in rapporto all' economia sembra agli schizzinosi mescolare la spiritualit dell' umanesimo alle impurit del capitalismo. Ma ogni civilt stata un miscuglio di ingredienti, virtuosi e barbari.

Le civilt possono essere tuttavia migliorate, aumentando le virt individuali (la libert dei moderni) e quelle civiche (la libert degli antichi), combinando merito e uguaglianza. Vi nelle civilizzazioni tuttavia un fondo immutabile: sono sistemi in cui si intrecciano potenza, produzione, credenze e saperi.

Basta guardare al sorgere della modernit in Italia, intorno al 1500, segnata da una combinazione particolare di religione, scienza, esplorazione, commercio, espansione. Ridurre patrimonio e produzioni culturali a merci significa mortificarne la qualit, ma depurare la cultura da qualsiasi nesso imprenditoriale, di servizio e tecnologico altrettanto sbagliato. La vita stata e sar marea fluttuante e imprecisa di alto e basso, bellezza e numero, immaterialit e materialit: il suo bello! Proprio perch le civilt sono sistemi, le cui componenti sono utili l'una all' altra, ogni accentuazione estrema diventa anti-sistema, buona per una ideologia pi che a una politica. Ad esempio, demonizzare banche, imprese e il desiderio individuale di arricchirsi e migliorare il contrario di quel contemperare interessi particolari e generali in cui il segreto delle democrazie liberali. Se tutto speculazione orrenda ne deriva che tutta la politica in eguale misura da condannare: ma vi mai alcunch di uniforme fra gli umani? Si salvano unicamente coloro che si autorappresentano puri da principio e per sempre, maestri nell' autoescludersi dal tutto malefico da loro configurato e nel porsi in un altrove indeterminato e raffigurato incontaminato. un modo subdolo e partigiano di mostrarsi al di sopra delle parti, senza esserlo. Il qualunquismo massimalistico ha una sua ragione d' essere tragica in Italia, dove - per esempio - il culto del mattone e del consumo del paesaggio stato trasversalmente fervido - neppure un piano paesaggistico regionale stato ancora approvato - ma tale ragion d' essere forse anche un rimedio, offre un progetto di sviluppo equilibrato, oppure convalida, suo malgrado, il brutto concreto cui si contrappone, proponendo astrazioni illimitate, salvifiche, impraticabili?

Se tutto il fare parimenti malefico, se la Tav in val di Susa equivale al malfamato ponte sullo Stretto, l' anima si salva ma non si elabora un' idea di sviluppo integrata, innovativa, attuabile. Non tutte le opere pubbliche sono l' inferno. Esse e i lavori privati andrebbero orientati in primo luogo al mantenimento idro-geologico, al miglioramento degli edifici contro il rischio sismico, alla loro riconversione se degradati, a una cura particolare se storicamente e artisticamente rilevanti, per non dire dei paesini di collina e montagna da salvare ripopolandoli, delle ville da riusare, e ci per salvare o riscattare il patrimonio edilizio nazionale, impedendo che altra campagna muoia soffocata nel cemento (in questi campi servono esenzioni fiscali).

Quale potrebbe essere, allora, un' idea di crescita alternativa alla crescita abnorme? Non una crescita quale che sia (come avvenuto), neppure la non-crescita (figlia della disperazione), neanche una crescita in cui il bene comune sia contrapposto per principio al vantaggio di singoli, imprese e banche, come avviene nei regimi autoritari volti a perfezionare le democrazie.

Serve al contrario un contemperamento faticoso e concreto dei diversi bisogni individuali, di gruppo e generali, fra loro combinati, nello spirito della costituzione e delle leggi. Dopo i tagli indiscriminati, bisogna tornare a investire in conoscenza, bellezza, ricerca e scuola. Sono da ricostruire non solo le nostre istituzioni ma anche la cultura.

Verrebbe la tentazione di dire: investiamo soprattutto in cultura, ma purtroppo i mezzi sono e saranno limitati e i bisogni della nostra societ sono multiformi.

Ma le priorit stanno cambiando. Secondo un recente questionario Istat, cui hanno risposto sul web 2.500 italiani, precedono salute, istruzione e servizi (oltre il 91 per cento), in posizione intermedia sono lavoro, ricerca, patrimonio culturale, relazioni sociali (tra il 76 e l' 89 per cento) e in fondo stanno benessere economico, soddisfazione per la vita, partecipazione politica, sicurezza (tra il 30 e il 44 per cento). Il benessere personale giunto sul proscenio e con esso i beni e le produzioni culturali: la Costituzione rivive.

Il patrimonio culturale merita dunque, nell' opinione di questi cittadini, un investimento rilevante in cultura, ricerca e scuola, pari almeno a quello dei pi avanzati Paesi europei come la Francia: una rivoluzione! da sperare che il governo Monti o uno a venire, mi auguro dello stesso genere, osi elaborare un progetto di crescita in cui le varie componenti della nostra civilt si coagulino in un sistema significativo e virtuoso. Avremmo allora finalmente quel progetto innovativo e lungimirante che negli ultimi quarant' anni mancato, degno di una societ oramai post-industriale dalla tradizione produttiva e culturale che il mondo da sempre ammira.

Pensiamo all' Italia romana: costru vie che tagliavano campi e rivi dei valligiani di allora e che ora felicemente percorriamo; all' Italia medievale che rifece e invent le citt; all' Italia del Rinascimento, che fu non in primo luogo culturale, come idealisticamente ancora si crede, ma un laboratorio frenetico e multiforme. Partita doppia combinata a pittura non fu il segreto del nostro primato? Traiamo dunque ispirazione dalla storia passata della penisola, in cui il globo riconosce le ragioni del nostro valore. Tornare a fare contrappunto, armonioso sistema a pi voci: questo si deve. Unire ingegno alla fatica, bellezza ai lavori senza gloria, intransigenza a mitezza, profondit a lievit, dignit al coltivare (colere) in tutti i modi tutti i campi umani un' aspirazione audace e anche possibile. Siamo in attesa, non deve passare troppo tempo, se vogliamo rialzarci.

*Presidente del Consiglio superiore per i Beni culturali

Carandini Andrea



news

31-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 31 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news