LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Municipio abusivo: Urbani non verrà
Giovanni Benvenuti
Gazzetta di Mantova 20/1/2005

CURTATONE. La notizia è clamorosa e dagli effetti deflagranti: il nuovo municipio di Curtatone - che il compianto sindaco Cesare Rubini ha battezzato come Cittadella dei servizi - è stato costruito abusivamente. Lo si è appreso a due giorni dall'inaugurazione, il cui taglio del nastro era affidato al ministro dei Beni culturali Giuliano Urbani, che però ora non verrà. Il Comune non si sarebbe mai premurato di assicurarsi le autorizzazioni per procedere alla trasformazione architettonica dell'edificio.
Il nuovo municipio, entrato in funzione nell'ottobre scorso, è stato realizzato in quella che un tempo era «Corte Spagnola». Una villa storica, dì epoca sei-settecentesca, sottoposta — come tutti i plessi antichi — a vincolo della Soprintendenza. Alla quale bisognava chiedere l'autorizzazione. Che pare non sia mai stata richiesta. Di conseguenza, mancando uno degli elementi fondamentali per poter procedere all'intervento, la costruzione è illegittima.
L'irregolarità è venuta alla luce nei giorni scorsi, per puro caso. A scoprirlo è stata la Soprintendenza stessa a seguito di una richiesta di informazioni inoltrata dalla segreteria del ministro. «Siamo venuti a conoscenza dell'intervento — ha detto il soprintendente Luca Rinaldi — solo pochi giorni fa quando dal ministero ci è giunta richiesta di notizie. A noi agli atti non risulta nulla».
Ma questo benestare della Soprintendenza era proprio necessario per procedere alla ristrutturazione della villa? «Dalla documentazione raccolta — sottolinea Rinaldi — si tratta di un complesso antico, sei o settecentesco. Come immobile di proprietà pubblica era soggetto al nostro controllo e approvazione». Pare però che il progetto realizzato fosse dei privati possessori precedenti all'acquisto comunale. Nonostante ciò, il soprintendente evidenzia che «del progetto faceva parte anche l'insediamento del nuovo municipio nella villa storica, e che quando il complesso è passato in mano al Comune la porzione architettonicamente più significativa doveva essere ancora ristrutturata». Rinaldi aggiunge: «Non so francamente cosa sia rimasto di antico. Non certo i rustici, gli originali sono stati demoliti, e neppure la palazzina centrale, se non forse per la solafacciata. Un'operazione di pura facciata mi pare appunto l'intervento, che mi ricorda l'outlet di Bagnolo». Un intervento quindi illegittimo quello attuato dalla Giunta che rischia di finire in Tribunale. «Per quanto ci riguarda — afferma Rinaldi — se verrà accertato il reato, scatteranno le denunce in Procura, il precedente sarebbe pericoloso. Abbiamo faticato in questi anni a stabilire un rapporto di leale collaborazione con le amministrazioni locali, ma per chi ha osservato la legge, anche, magari, controvoglia, sarebbe una beffa constatare che, mentre facciamo le pulci anche agli abbaini dei tetti, un enorme abuso passa sotto silenzio».

LA SCHEDA
CURTATONE. I lavori del nuovo municipio, ricavato nella storica «Corte Spagnola» di via Ateneo Pisano a Montanara, erano iniziati nei primi giorni di aprile di due anni fa e si sono conclusi nel settembre scorso. Dal mese successivo è entrato in funzione. L'intervento è stato eseguito dall'impresa «Costruzioni Perregrini» di Sondrio, che si era assicurata l'appalto cori un ribasso dell'1,53%. L'opera è costa complessivamente 4.693.500 euro.
L'area complessiva è di 16 mila metri quadrati ed ospita parcheggi, oltre ad una zona verde. La villa rurale trasformata - come detto - in municipio è ricordata dalla storia. E' citata, infatti, nella battaglia del 29 maggio 1848, quando a difesa del paese si schierarono i volontari toscani e napoletani. L'edificio, già proprietà dei marchesi Zanetti, dagli inizi del'900 era appartenuto alla famiglia Marocchi. Di fronte al nuovo municipio sta sorgendo il quartiere «Spagnola».



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news