LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il peso della cultura nel progresso sociale
Enrico Giovannini*
Il Sole 24 ore - Domenica 18/3/2012

* Enrico Giovannini Presidente Istat

Entro dicembre Cnel e Istat produrranno il primo rapporto sul Benessere equo e sostenbile. Elementi innovativi, il rilievo dato al patrimonio storico, artistico e paesaggistico, e alla ricerca
Il Bes aspira a diventare una sorta di Costituzione della statistica, uno strumento condiviso per definire e valutare gli obiettivi delle istituzioni

Il tema della misurazione del benessere degli individui e delle societ sta trovando ampi spazi di discussione in tutto il mondo. affrontato dai decisori politici, dalla statistica ufficiale e da ampi settori della societ civile nazionale e internazionale. A partire dal 2001 l'Ocse ha promosso diverse iniziative nell'intento di aumentare la consapevolezza sul tema della misurazione del progresso sodale, messe in rete a livello locale, nazionale o internazionale. Il lavoro pi significativo in quest'ambito il Rapporto finale della Commissione sulla misurazione della performance economica e del progresso sociale, de12009, a cura della cosiddetta commissione Stiglitz-Sen-Fitoussi. Vi si propone uno spostamento dell'enfasi dalla misurazione della produzione economica alla misurazione del benessere delle persone. La Commissione raccomanda, inoltre, di misurare il benessere attraverso un approccio multidimensionale che tenga conto anche degli aspetti di valutazione soggettiva dei cittadini e di affiancare alle analisi anche indicatori di sostenibilit, non solo ambientale, ma anche economica e sociale. Tali raccomandazioni hanno il pregio di provenire da una Commissione di eccezionale autorevolezza, potendo contare addirittura sul lavoro di cinque premi Nobel. In questi stessi anni si sono sviluppate numerose iniziative a livello nazionale e locale, come il Canadian index of wellbeing, il Measures of Australia's progress, la misurazione del Gross national happiness index in Buthan, mentre nel Regno Unito nel 2010 l'Office for national statistics ha lanciato il programma Measuring national well-being. Anche in Italia si contano diverse esperienze a scala regionale, provinciale e comunale, tra cui quelle dell'Ires Piemonte e oltre il Pil promossa in Veneto da Unioncamere e l'Universit Ca' Foscari. L'importanza del dibattito sugli indicatori di benessere dipende dal fatto che se gli strumenti di misurazione utilizzati non sono corretti, possono indurre a prendere decisioni inefficaci o sbagliate. La politica ha sempre pi bisogno di una base informativa forte e legittimata ed essenziale che in periodi di crisi le decisioni siano prese con la maggiore cognizione di causa possibile. Ad esempio, il ministero del Tesoro australiano, fin dal 2001, ha elaborato uno schema concettuale basato sul concetto di benessere che considera in particolare i seguenti fattori: le opportunit di cui godono i cittadini; la distribuzione e la sostenibilit delle opportunit; il livello e l'allocazione dei rischi che i cittadini e le comunit devono sostenere; il grado di complessit delle decisioni che cittadini e comunit devono affrontare. Negli Stati Uniti, il General accountability office, la commissione parlamentare con compiti di monitoraggio dell'azione di Governo, in partenariato con l'Accademia nazionale delle scienze, ha promosso la costruzione di un sistema nazionale di indicatori chiave, il Key national indicator system. Il concetto di benessere cambia secondo tempi, luoghi e culture e non pu quindi essere definito univocamente, ma solo attraverso un processo di legittimazione democratica nella selezione degli indicatori. Anche l'Italia chiamata a rispondere all'esigenza di individuare una misura condivisa nazionale del benessere che diventi un riferimento per il dibattito pubblico e che serva a meglio indirizzare le politiche economiche, sociali e ambientali Si noti come il processo che ha portato allo stato di avanzamento odierno del dibattito iniziato in tempi non sospetti di crescita economica, il che induce a pensare che si sarebbe probabilmente giunti a questi stessi risultati anche senza la crisi. Per affrontare la sfida della definizione degli elementi costitutivi del benessere in Italia, il Consiglio nazionale dell'economia e del lavoro e l'Istituto nazionale di statistica hanno costituito un Comitato di indirizzo sulla misura del progresso della societ italiana composto da rappresentanze delle parti sociali e della societ civile. I lavori del Comitato hanno condotto alla fine di settembre 2011 alla definizione di dodici domini in cui si articola il Benessere equo e sostenibile (Bes), cio un concetto che fosse in grado di valutare lo stato del benessere complessivo. II punto di partenza utilizzato dal Comitato stato l'insieme di esperienze gi condotte a livello internazionale, che per non hanno rappresentato un vincolo: la confrontabilit internazionale non infatti uno degli obiettivi irrinunciabili del lavoro. Il Comitato deve rispondere a una definizione di benessere propria del nostro Paese. Dal punto di vista metodologico, il Comitato ha concordato sulla necessit, in taluni casi, di utilizzare indicatori relativi a specifici gruppi sociali, quando si ritenga che i fenomeni analizzati richiamino una valutazione complessiva del benessere nel Paese. Esempi di questo tipo potrebbero essere la disoccupazione giovanile, la povert dei minori, il sovraccarico dei lavori di cura per le donne, o la multicronicit nella salute degli anziani. Una volta definiti i "paletti", la seconda fase dei lavori del Comitato stata dedicata all'individuazione dei temi rilevanti per la misurazione del benessere (cio i "domini"). Uno dei suggerimenti emersi per primi, e innovativi rispetto al dibattito internazionale, stato quello di dare rilievo al patrimonio storico, artistico e paesaggistico del Paese e alla ricerca scientifica, coerentemente con l'articolo 9 della Costituzione italiana, secondo cui La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Rispetto ai domini normalmente identificati in esercizi di questo tipo se ne sono aggiunti cos altri due: paesaggio e il patrimonio culturale e ricerca e innovazione. Partendo da indicazioni fornite dai cittadini e dai risultati delle esperienze internazionali, il comitato Cnel-Istat ha sviluppato una definizione condivisa del benessere della societ italiana, articolata in 12 domini Nove domini misurano obiettivi primari per il benessere individuale e sociale e tre domini misurano fattori che influenzano il contesto sociale in cui vivono i cittadini e indirettamente il benessere sociale e individuale. Le dimensioni individuate sono: ambiente, salute, benessere economico, istruzione e formazione, lavoro e conciliazione dei tempi di vita, relazioni sociali, sicurezza, benessere soggettivo, paesaggio e patrimonio culturale, ricerca e innovazione, qualit dei servizi, politica e istituzioni. Si affrontato, inoltre, il problema di come integrare la sostenibilit nel Bes. La sostenibilit un aspetto fondamentale per stabilire se il livello attuale di benessere potr essere trasmesso alle generazioni future. Come ha sostenuto anche la Commissione Stiglitz,benessere attuale e sostenibilit non possono essere rappresentati dagli stessi indicatori. Di conseguenza, si proceder a individuare dapprima le misure del benessere umano e ambientale dell'oggi, le quali saranno affiancate da altre che, attraverso la misurazione del capitale economico, umano, sociale e naturale e l'identificazione di alcuni fattori di rischio, permettano di misurare la sostenibilit. Nella primavera del 2012 i previsto che la Commissione scientifica licenzi la lista finale degli indicatori. Una volta approvati gli indicatori, Istat e Cnel provvederanno alla produzione - entro dicembre 2012 del primo rapporto sullo stato del Benessere equo e sostenibile in Italia. Per raggiungere una misura condivisa a livello nazionale sulla selezione degli indicatori essenziale un confronto tra i diversi attori rispetto a un'idea di benessere. A questo scopo l'Istat ha realizzato a febbraio 2011 una prima consultazione dei cittadini sull'importanza delle dimensioni del benessere. La consultazione (condotta su un campione di 45mila persone dai 14 anni in poi rappresentativo della popolazione residente in Italia) stata realizzata con l'inserimento nell'indagine multiscopo di un set di quesiti sui diversi aspetti importanti per la vita. stato dunque possibile raccogliere le opinioni di tutti gli strati della popolazione cosicch, da questo punto di vista, tale rilevazione rappresenta un caso unico nel panorama internazionale. Per coinvolgere il pi possibile la societ civile nel processo di selezione delle dimensioni del benessere Cnel e Istat hanno creato il sito www.misuredelbenessere.it, che offre la possibilit di rispondere a un questionario online e/odi collaborare a un blog, consentendo a tutti di contribuire a definire che cosa conta davvero per l'Italia. Durante i mesi che vanno da ottobre 2011 a febbraio 2012, i cittadini sono stati invitati a rispondere online a un questionario per esprimere le proprie opinioni sul set di 12 dimensioni del benessere proposto dalla Commissione, dando l'opportunit ai rispondenti di segnalare eventualmente dimensioni aggiuntive. Il consenso sull'importanza di andare "oltre il Pil" quasi unanime. Le dimensioni del benessere considerate pi importanti dai rispondenti sono la salute (98%), l'ambiente (95,1%), l'istruzione e la formazione (92,4%) e la qualit dei servizi (91,2%). Lavoro e conciliazione dei tempi di vita, ricerca e innovazione, paesaggio/patrimonio culturale e relazioni sociali si trovano in una posizione intermedia, con una percentuale di rispondenti che li considerano importanti che va dal 76% (relazioni sociali) all'89% (lavoro). Molto interessante poi rilevare che alcune dimensioni vengono considerate meno importanti da una quota non irrilevante di rispondenti, quali: il benessere economico (44,8%), la soddisfazione per la propria vita (44,3%), la partecipazione politica e la fiducia nelle istituzioni (37,2%), la sicurezza (30,3%). Un risultato importante della consultazione che le dimensioni finora considerate sono ritenute sufficienti a misurare il benessere dei cittadini. L'unica mancanza che emerge - grazie a un intervento di Slow food - quella di una valutazione della qualit del cibo, ritenuto da molti uno degli aspetti fondativi del benessere del nostro Paese. Il Bes aspira a divenire una sorta di Costituzione statistica perch la riflessione su come misurare il benessere e su quali ne sono le dimensioni anche una riflessione su come la politica definisce i suoi obiettivi e valuta i risultati della sua azione. A breve le misure del Benessere equo e sostenibile (Bes) saranno a disposizione dell'opinione pubblica, del Parlamento e del Governo che avranno l'opportunit di adottarle nei propri processi decisionali. L'adozione di strutture analitiche di valutazione ex-ante ed ex-post dell'impatto delle politiche essenziale al fine di ottenere i risultati attesi. ll tema tanto pi urgente in una fase di crisi durante la quale le risorse sono scarse e non possibile permettersi l'adozione di misure poco efficaci. L'Italia ha l'opportunit di svolgere un ruolo chiave in questo processo, ponendosi all'avanguardia in un nuovo modo di intendere la politica e il rapporto tra quest'ultima, le parti sociali e i cittadini, nel pieno funzionamento di una democrazia moderna nella cosiddetta societ dell'informazione.

77,8% Priorit alla cultura
Questo il valore attribuito dagli italiani al paesaggio e al patrimonio culturale secondo l'indagine Bes (Cnel-Istat)
1,2% Sacrificata l'istruzione
La spesa nominale dei cittadini in istruzione (dato provvisorio 2011) drammaticamente scesa: nel 2010 rappresentava i15,4%
7,24% Musei in crescita
I visitatori sono in aumento: 39,8 milioni di persone, con un effetto sui ricavi di 109,5 milioni ( 5,3%). Brillano i musei civici veneziani (ricavi in crescita del 76,6%)



news

17-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news