LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Citt d'Europa, ora il business la cultura
Valentina Insinna
Il Tempo 22/1/2005

Non solo apparenza se la cultura sempre pi, negli ultimi anni, riesce a conciliarsi con il business. Lo provano i numeri. Giusto la scorsa settimana si conclusa Transatlantici. Scenari e sogni di mare, mostra organizzata a Palazzo Ducale, proprio a Genova Capitale Europea della Cultura per il 2004. Aperta dal 1 agosto 2004 ha avuto 84.016 visitatori paganti. Altro esempio? Oltre 1 milione e 400 mila euro di incasso lordo per L'Et di Rubens conclusasi a luglio scorso. Un costo di circa 2.500.000 euro oltre a 900.000 euro per promozione e comunicazione, col contributo di 2.200.000 della Fondazione Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. 195 mila visitatori per una media giornaliera di 2.000 ingressi. Secondo un'indagine svolta da Consav (Societ consortile incaricata della ricerca sulla valutazione delle ricadute economiche da eventi riconducibili a Genova Capitale Europea della Cultura) il 60% dei visitatori era costituito da turisti mentre il restante 40% era genovese. Si stima inoltre che la mostra sul grande fiammingo abbia generato un indotto, costituito dalle spese sostenute dai visitatori non genovesi durante il soggiorno (albergo, ristorazione, trasporti e altri consumi) superiore ai 15 milioni di euro, con una spesa pro capite giornaliera di circa 80 euro e una permanenza media nella citt di circa 2 giorni.
Dunque, Europa fa rima anche con una industria culturale a gonfie vele. Una sfida vinta - ha dichiarato il Ministro Urbani a chiusura di Genova 2004 -Non solo per i musei statali nei primi nove mesi dell'anno si avuto un aumento pari ai 95 per cento rispetto al 2003. Le presenze nei luoghi d'arte a Genova dimostrano che territorio e istituzioni hanno tratto vantaggio dall'appuntamento.
Ovvio allora che si sia fatto cenno ad una citt dedita all'industria pesante che ritrova slancio grazie a nuove vocazioni turistiche, culturali e nei servizi. Dunque non solo apparenza se le candidate a Capitale europea della Cultura si rifanno il look. Lingua, letteratura, arti dello spettacolo, arti visive, architettura, artigianato artistico, cinema e radiodiffusione sono elementi costitutivi della diversit culturale dell'Europa. Pur appartenendo a una regione o a un paese specifico, essi rappresentano una parte del comune patrimonio culturale europeo. L'Unione europea persegue un duplice obiettivo: tutelare e sostenere questa diversit, e contribuire a renderla accessibile agli altri. Lo dice il Trattato di Maastricht nel 1992, ma gi nel 1985 era partito il programma delle Capitali d'Europa che possono richiedere il sostegno finanziario del programma Cultura 2000. Le somme corrisposte finanziano mostre ed eventi sul patrimonio culturale della citt e della sua regione, manifestazioni, concerti e altri spettacoli, cui partecipano gli artisti di tutta l'Ue. L'esperienza insegna che il programma ha un impatto a lungo termine sullo sviluppo delle citt prescelte. Lille in Francia e Genova in Italia sono state nominate a pari titolo per il 2004, precedute da Graz (in Austria) nel 2003. La citt irlandese di Cork ha gi iniziato a farsi bella chiamando a raccolta le sue industrie (cartaria, elettrica, chimico-farmaceutica) e rinnovando nfrastrutture (l'aeroporto tra quelli che in Europa stanno crescendo pi velocemente). La Grecia con Patrasso sar protagonista nel 2006, Lussemburgo nel 2007, e il Regno Unito con Liverpool nel 2008.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news