LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Un tarlo minaccia gli antichi organi nelle chiese europee
Alfredo Gasponi
Il Messaggero 22/1/2005

Senza le maestose sonorit organistiche della Marcia nuziale di Mendelssohn, a un matrimonio in chiesa mancherebbe qualcosa. Ed il rischio che si corre in molti templi europei. Una malattia, per certi aspetti ancora misteriosa, minaccia gli strumenti antichi che riempiono di musica sacra e impreziosiscono basiliche e chiese. E' un "tarlo silenzioso" che corrode le canne degli organi fino a bucarle, portando lo strumento al collasso. E "Collapse" il nome di un progetto, sostenuto dall'Unione europea e che coinvolge l'Italia con la facolt di chimica industriale dell' Universit di Bologna, in cui scienza ed arte organaria si sono alleate per individuarlo e sconfiggerlo.
Collapse nato nel 2003 su iniziativa dell'Organ Art Center dell'Universit di Goeteborg. che era a conoscenza di un problema specifico di corrosione nell'organo della chiesa di San Jakobi a Lubecca - dice la ricercatrice Carla Martini, metallurgista, dell'ateneo bolognese-. Un problema cos grave che alcune canne avevano perso la voce. La richiesta di aiuto venuta da Lubecca ha generato un discorso di studio pi ampio dedicato alla corrosione delle canne a base di piombo, fenomeno che investe tutta l'Europa. Basta pensare che in Italia gli organi storici sono migliaia. Vengono colpite anche le canne in stagno, che per ora non rientrano nell'indagine perch le cause del degrado sono diverse: ma speriamo di occuparcene in futuro.
Abbiamo selezionato diversi stmmenti in Europa e stiamo studiando sia l'ambiente in cui sono collocati sia il materiale delle canne, continua Martini. L'unit operativa italiana si occupa dei materiali; il dipartimento di chimica inorganica ambientale dell'Universit tecnologica Chalmers di Goeteborg cura l'altro aspetto. Noi cerchiamo di capire quali siano i parametri tipici del materiale che a parit di ambiente danno luogo al degrado. In particolare il contenuto di stagno nella lega di piombo correlabile alla resistenza alla corrosione: maggiore questo contenuto, minore sembra essere l'incidenza dei fenomeni corrosivi. Uno dei fattori pi importanti il legno usato negli strumenti, che emette acidi organici. Ma la cause del degrado vanno anche ricercate nel microclima in cui sono situate le canne, nei fenomeni di variazione di temperatura e umidit.
La situazione in Italia? In generale non cos drammatica come a San Jakobi, ma bene che gli organi vengano protetti il pi possibile. L'allarmismo sarebbe inopportuno, per in diversi casi se non si interviene il rischio di un deterioramento irreversibile esiste. Il buco lo stadio finale: bisogna agire prima, quando il problema si manifesta con la formazione di prodotti di corrosione nella superficie interna al piede, ovvero la base della canna.
A Bologna con gli scienziati collaborano i costruttori e i restauratori di organi, specialmente quelli delle nuove generazioni, aperti alla tecnologia. Come il restauratore Marco Fratti di Modena, che dice: Fino a pochi decenni fa c'era una diversa cultura del restauro: adesso non lo si intende solo come un recupero funzionale della macchina sonora ma anche un'indagine sullo strumento. Si tiene conto degli interventi precedenti e si raccolgono dati per i restauri successivi. Gli organi su cui stiamo osservando i fenomeni di corrosione erano stati restaurati con questi criteri per cui disponevamo gi di una gran quantit di dati ora utili nella ricerca. Le cause del degrado sono in via di identificazione; fase successiva sar lo studio di rimedi, protezioni, interventi sull'ambiente per fermare il processo di corrosione. Gli organi in pericolo sono soprattutto quelli costru-



rio antico sugli strumenti d'epoca.
Conclude il maestro: Tra pochi giorni sar inaugurato lo straordinario organo a 3 tastiere di San Nicola l'Arena di Catania, del XVIII secolo. Aveva subito il degrado del tempo e vandalismi. Grazie all'impegno del Comune, la ditta Mascioni riuscita a salvarlo. Il restauro non fa parte delle ricerche di Bologna, ma i Mascioni hanno prestato orecchio a quello che si sta facendo l: anche questo un risultato, sia pure indiretto, del Collapse.

I restauri da fare
Alcuni organi coinvolti nel progetto Collapse o comunque bisognosi di restauri

ITALIA
Organo della chiesa della Madonna di Campagna a Ponte in Valtellina (Sondrio), costruito nel 1518 da Marcantonio Bizzarri con interventi successivi di Antegnati (1589) e Carlo Prati (1657). Presenta fenomeni di corrosione relativamente llimitati Organo della Basilica di S. Maria di Collemaggio (L'Aquila), della met del 600, attribuito a Luca Neri da Leonessa. Presenta problemi di corrosione significativi.

Di prossimo restauro: organo di Luca di Bernardino Boni da Cortona ( 15 47) della chiesa di S. Domenico in Cortona. Fenomeni di corrosione di entit media.

ESTERO
Organo Stellwagen della chiesa di S. Jakobi a Lubecca, costruito su un nucleo gotico del. 1467. Gravissimi problemi di corrosione e disgregazione. Organo Cavaill-Coll (seconda met dell'800) della chiesa dei Gesuiti di Heverlee (Belgio). Scarsi fenomeni di corrosione



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news