LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

GRANDI OPERE INUTILI - Disastro in progress a Firenze
Alberto Ziparo
il manifesto 2012.03.03 - 04 ITALIA



Da novembre via agli scavi per il supertunnel Tav. Una realt ad alto rischio Cresce l'opposizione sociale a un progetto costoso, dal forte impatto su ambiente e patrimonio artistico
Monna Lisa dal Louvre si proietta su Firenze sotto forma di mostro. Si chiama beffardamente cos, infatti, il "Super Talpone", la megafresa che da novembre dovrebbe scavare il super tunnel Tav di attraversamento della citt: le ultime resistenze - almeno istituzionali - sono cadute con la firma del protocollo tra ferrovie, ministero, regione, provincia e comune lo scorso 4 agosto. Renzi, fin l riottoso, ha alla fine ceduto alle insistenze di Moretti, Rossi e Matteoli - e soprattutto agli interessi diffusi legati alla costruzione - accettando opere di compensazione per 80 milioni di euro - peraltro gi previste - in cambio del "via libera" al megaprogetto da 3 miliardi di euro.
Avanzano a testa bassa
Gravissimo, proprio in questa fase, specie se si pensa che legato a un'opera inutile, in quanto l'alta velocit transita gi da Firenze e il nuovo passante si potrebbe realizzare a 1/10 dei costi, come vedremo. In realt, le lobby dei costruttori - che in questo caso vedono come capofila le cooperative e condizionano fortemente le governance regionali e locali - avanzano a "testa bassa" in un'operazione a grande dotazione finanziaria (sia pure in gran parte ancora da reperire).
Gli accordi sulla tratta Tav Bologna-Firenze si presero con Bersani e Chiti presidenti delle due regioni, ci hanno spiegato vecchi militanti del Pci, figuriamoci se intendono ridiscuterli oggi che i due dirigono il Partito democratico. Ci spiega il "muro di gomma" del Pd locale di fronte alle grandi e crescenti perplessit sull'operazione sollevate da studiosi dell'universit fiorentina - specie di Ingegneria e Architettura - e da esperti locali. Se mai iniziasse, infatti, il megascavo per la doppia galleria di 7.5 chilometri rischierebbe seriamente di non essere concluso per i rischi di disastro legati all'operazione, analizzati in uno studio di tre anni e che adesso diventato un libro, Tav sotto Firenze: Impatti, Problemi, Disastri, Affari e l'Alternativa Possibile, in uscita a settembre per l'editore Alinea.
Cominciando a scavare, si effettua in pratica una sperimentazione pericolosissima perch ad alto rischio di effetti di crollo, alluvione, dissesto, inquinamento, congestione. Le pi grandi obiezioni sollevate da analisti ed esperti riguardano il rischio alluvione o essiccamento rispettivamente a monte e a valle dei punti in cui la galleria Tav intercetta le falde; con problemi affatto risolti, quando c' addirittura da intubare e sifonare uno dei pi grossi torrenti del sistema Arno, il Mugnone. Il rischio di danni e crolli legato pure alle caratteristiche dei suoli, con granulometrie assai variabili e alla quantit di volume di terra sotterranea spostata e "persa". Questo investe direttamente parte del patrimonio artistico (Fortezza da Basso, Arco dei Lorena, Porta del Belgio) e sfiora l'enorme dotazione del centro. Coinvolge purtroppo centinaia di edifici di un patrimonio edilizio storico - costruito tra l'Unit e la Prima Guerra Mondiale - che subirebbe i maggiori danni legati all'impatto del cantiere dello scavo, la cui durata prevista di circa un decennio. Altri problemi sono legati ai disagi quotidiani (rumori, polveri) dovuti alla cantierizzazione , all'ulteriore esasperazione del traffico pesante sui gi congestionati viali attorno al centro storico, all'effetto "barriera" in alcune parti della citt.
Manca la Valutazione d'impatto
Impatti e rischi sono enormemente accentuati dalla presenza della nuova megastazione sotterranea ai Macelli, un progetto i cui profili tipomorfologici sono stati firmati da Norman Foster, ma che manca totalmente dell'elaborato pi importante: la Valutazione di Impatto Ambientale (Via). Un problema tutt'altro che solo procedurale - come hanno sostenuto gli avvocati difensori di Tav nella causa per danno presunto intentata da centinaia di cittadini -. La mancanza di Via per la nuova stazione - che rende di fatto abusivi i relativi lavori, allorch inizieranno - occulta una serie di problemi non lievi: innanzitutto la mancanza di elaborati esecutivi idonei ad essere sottoposti a verifica, quindi la mancanza, gravissima, di adeguate analisi sismologiche; ancora, il tentativo di nascondere grossi impatti, come gli inquinamenti atmosferici, acustici e anche solidi - legati alla produzione in situ del cemento occorrente: di fatto un cementificio "a cielo aperto" nel centro di Firenze! -. Oppure il rischio dell'"effetto alluvione" nell'area immediatamente esterna ai cassoni che dovrebbero proteggere il "vascone" della stazione sotterranea. Altra questione non lieve - e tuttora irrisolta - legata alla posa degli oltre 3 milioni di metri cubi di terra di scavo - spesso inquinata e alterata - che dovrebbero far posto al sistema tunnel e megastazione. Si pensava di usarla per la ristrutturazione di un'area di Cavriglia- S.Barbara, per il recupero di ex cave, ma la classificazione dei materiali di scavo quali rifiuti speciali richiede discariche ad hoc, oggi non presenti in alcun progetto.
La Tav sotto Firenze rischia di essere un disastro che scopriremo "in progress", giorno per giorno, all'avanzamento del cantiere.
Il passaggio in superficie
Per ovviare a tutto questo lo stesso gruppo di studio Universit- tecnici locali, che ha studiato gli impatti, ha riproposto il passaggio in superficie (a suo tempo abbandonato per problemi di impatto ambientale, salvo prospettare una soluzione mille volte pi impattante!) che si pu realizzare facilmente, con piccoli aggiustamenti, nelle aree gi di pertinenza ferroviaria e tempi e costi infinitamente minori della Sotterranea. Tra l'altro il gruppo dell'universit ha proposto una nuova stazione che recupera le infrastrutture dismesse a Statuto-Circondaria e si rapporta davvero con la stazione attuale di Santa Maria Novella. Il nuovo blocco-stazione, denominato Firenze Novella, progettato in maniera tale da inserire la stazione Tav nel tessuto urbanistico e architettonico di Firenze, in modo da valorizzare e rendere nuovamente funzionali importanti strutture, ormai da archeologia infrastrutturale e industriale. L'esatto contrario del sottoattraversamento che si abbatte sul centro cittadino con impatti e dissesti pesantissimi.
Se la governance locale condizionata dagli interessi finanziari speculativi, mediatico-imprenditoriali, che ruotano attorno alla Tav, l'opposizione sociale si allarga grazie al lavoro del Comitato contro il Sottoattraversamento (vedi box su iniziativa di oggi, ndr), cui aderiscono centinaia di fiorentini, dalle associazioni ambientaliste - in primis Italia Nostra - ad associazioni ormai radicate nel tessuto socio-culturale toscano come Idra.

http://www.ilmanifesto.it/area-abbonati/ricerca/nocache/1/manip2n1/20120303/manip2pg/04/manip2pz/318993/manip2r1/artistico/


news

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

16-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 agosto 2019

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news