LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I fondi per lo spettacolo sono già pronti, ma ridotti
Cristina Jucker
Il Sole 24 ore 22/1/2005

MILANO ■ Ammontano a 464,6 milioni di euro i fondi per lo spettacolo (Fus) nel 2005, in calo rispetto ai 500 milioni dei 2004. La ripartizione è stata decisa dal ministro dei Beni culturali, Giuliano Urbani, per la prima volta in gennaio (di solito avveniva in giugno) in modo da consentire in tempi brevi il pagamento di anticipi fino al 50%. Ma per la prima volta dalla nascita del Fus vent'anni fa, il Comitato per i problemi dello spettacolo (di cui fanno parte sia l'Agis sia altri operatori del settore) e al cui voto consultivo il ministro deve sottoporre la proposta, ha bocciato all'unanimità questa ripartizione. «Siamo stati costretti a dare voto contrario — ha detto il presidente dell'Agis, Alberto Francesconi — per ribadire la denuncia dello stato di grave crisi del settore, che va ben oltre il pur devastante taglio degli stanziamenti per il 2005».
Nel corso dell'anno, però, a questo fondi «si aggiungeranno risorse provenienti da Arcus e da altri nuovi strumenti finanziari» ha dichiarato ieri Urbani. Il consiglio dei ministri ha infatti approvato l'innalzamento dal 3 al 5% .della quota destinata alla cultura proveniente dagli investimenti per le grandi infrastrutture. «Questo - ha aggiunto il ministro — consentirà una
nuova disponibilità di più di 100 milioni, e sicuramente una parte verrà destinata allo spettacolo». Dalla ripartizione decisa ieri, intanto, emerge che agli enti lirici andranno 226,57 milioni (tra Fus ed extra-Fus), al cinema 91,6 milioni complessivi, alla prosa 89 milioni, alla musica 68,6; alla danza 8,3 e ai circhi 7 milioni. Sul fronte dei teatri lirici, per i quali è stato riconosciuto lo stato di profonda crisi, il Governo ha anche manifestato l'intenzione di avviare una riforma legislativa
dell'intero sistema delle fondazioni. Questo annuncio, inatteso, è giunto nel corso della prima riunione del "tavolo" tecnico avvenuta mercoledì scorso, presieduta dal direttore generale per lo spettacolo dal vivo, Salvatore Nastasi, e cui hanno partecipato sindaci (presidenti delle fondazioni), sovrintendenti e sindacati. «L'ipotesi di una riforma della legge per noi è una novità — ha detto Walter Vergnano, presidente dell'Anfols (l'associazione dei sovrintendenti) —. Non siamo contrari, ma chiediamo di portare il nostro contributo». I sindacati nazionali, infine, hanno parlato di «esuberi» tra gli organici del settore. Il tavolo tornerà a riunirsi ai primi di febbraio.



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news