LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PALERMO - Centro storico: Va all'operazione risanamento - Centro storico nove milioni i per strade e palazzi del Comune
Alberto Bonanno
La Repubblica, ed. Palermo, 21/01/2005

Palazzo delle Aquile recupera le somme non utilizzate dai privati e le destina agli edifici di sua propriet


IL PRIMO round della scommessa sul centro storico lo vincono i privati. Il boom tutto in mano loro, basti vedere il numero di concessioni edilizie rilasciate dal Comune che in dieci anni aumentato del 485 per cento: dai 35 interventi autorizzati nel 1994, si arrivati ai 170 del2004. E la crescita d'interesse da attribuire solo in parte ai finanziamenti a fondo perduto concessi per le ristrutturazioni: sui 170 cantieri autorizzati l'anno scorso, solo 71 sono destinatari di fondi pubblici. Ma proprio sull'uso delle risorse Palazzo delle Aquile ha appena dato l'ultima stretta: tutte le somme stanziate e che i privati non hanno utilizzato saranno revocate e reimpiegate in nuovi cantieri da aprire nei quartieri storici. Dal fondo del barile sono saltati fuori 9 milioni 394 mila euro, che l'amministrazione utilizzer per risanare edifici di sua propriet e per riqualificare strade e piazze. Sala delle Lapidi ha votato il provvedimento l'altro ieri notte.
A languire, almeno dal punto di vista della visibilit, sono invece le opere pubbliche. Il bilancio dei lavori ultimati nel 2004 dal Comune nel centro storico si chiude con il recupero dell'ex convento di San Francesco d'Assisi e con il risanamento di due lotti di edilizia residenziale al Capo.
Nel 2002 i cantieri portati atermine furono dieci, nove l'anno dopo. Ma il dato non impensierisce il sindaco Diego Cammarata (che ha mantenuto per s la delega al centro storico), che nell'aprile 2003 present il suo piano sul centro storico, con interventi per 425 milioni di euro in cinque anni. I lavori ultimatinel2004sonopochiper-ch per quasi tutti gli interventi abbiamo dovuto procedere a nuova progettazione spiega il sindaco adeguando i progetti esecutivi alle nuove normative. Sono pronti otto progetti importali ti, che andranno in gara subito, tra i quali il restauro della chiesa dei Santi Euno e Giuliano a piazza Magione, Palazzo Fiumetorto Giallongo all'Albergheria, il giardino dell'ex Fonderia, il parco urbano del Castellammare, che uno dei progetti pi ampi. In fase di progettazione ci sono ancora 11 interventi, pi altri tre che riguardano otto padiglioni dei Cantieri alla Zisa. Aggiunge Cammarata: I lavori sono in corso in otto cantieri di edilizia monumentale, tra cui Villa Giulia, i palazzi Galletti, Natale, Gule La Rosa, la Biblioteca comunale, il Convento di San Biagio, e quattro sono i cantieri di edilizia pubblica. Il 2005 sar l'anno dei lavori a cielo aperto, su piazze e arredo urbano, mentre andranno in gara anche i parcheggi, che determineranno un forte incremento dei fondi privati. Tutte queste opere, insieme agli interventi nelle abitazioni private e agli investimenti, come quelli su alberghi e parcheggi, avvicinano il cerchio alla chiusura. Quella del centro storico una scommessa vincente. Dal 2002 a oggi per la riqualificazione abbiamo impegnato pi di 100 milioni di euro.
Altri interventi arriveranno con i fondi appena recuperati: 6 milioni e 266 mila euro serviranno per rifare l'impianto elettrico e di illuminazio-ne dello Spasimo, per restaurare l'androne di accesso e l'altare del Gagini della cappella Anzalone, per Palazzo delle Aquile e in altri immobili comunali, e per l'arredo urbano in via Mongitore, nel giardino dell'ex Oratorio dei Bianchi, in piazzetta Brunaccini e piazza Sant'Onofrio, dove previsto uno degli interventi pi impegnativi. Altri 3 milioni e 128 mila euro serviranno invece a finanziare interventi di arredo urbano e riqualificazione nel centro storico e su immobili comunali e di interesse monumentale, alcuni dei quali gi individuati dalla commissione Urbanistica, che ha in programma i sopralluoghi all'ex Convento della Sapienza, che attualmente ospita le suore di Madre Teresa di Calcut-ta. e al Convento dell'Assunta. Piazza Papireto tra le prime che potrebbero essere riqualificate. Resta invece in mano al ministero delle Infrastrutture il finanziamento del recupero delle facciate degli assi viari monumentali (via Maqueda e Cassaro) : nell'agosto 2003 il governo si impegn a reperire i 25 milioni di euro necessari. Ma dei soldi non c' ancora traccia.

Via a catene alberghiere e gruppi immobiliari
NON sono solo i privati cittadini che investono nel centro storico con acquisti immobiliari. Il recupero di palazzi antichi pu essere un ottimo affare anche per le catene alberghiere, come la Framon di Pietro Franza che controlla la societ che ha condotto in porto l'operazione Palazzo Costantino e Palazzo Di Napoli, ai Quattro Canti, che diventeranno hotel a 5 stelle. Gli alberghi autorizzati finora sono in tutto nove, uno dei quali nella sede della ex Cassa di Risparmio, in piazza Borsa.

Pi cantieri aperti aumentano gli abusi
CON il boom di ristrutturazioni nel centro storico crescono anche gli abusi. Il 2004 ha segnato il record delle ordinanze di demolizione per opere eseguite senza autorizzazione o concessione: ben 69, rispetto alle 18 del 2002 ealle24del 2003. Sulla crescita del dato pesa indubbiamente la stretta impressa dal capo della polizia municipale, Maurizio Pedicone, sul fenomeno degli abusi edilizi. Nel centro storico opera una piccola task torce di vigili urbani che tiene sotto controllo cantieri vecchi e nuovi.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news