LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Tutelare i beni culturali. Per rilanciare e riqualificare l'Italia.
Colloquio con Giulia Maria Crespi di Silvia Dell'Orso
L'Espresso 27-GEN-2005

Il governo non avrebbe dovuto impugnare il decreto salvacoste di Soru: la Sardegna rischia scempi indicibili. Soru avrà pure esagerato a bloccare le costruzioni entro due chilometri dal litorale, ne bastava anche uno, ma era l'unico modo per mettere al riparo dal cemento una terra costantemente minacciata, mentre si preparava il nuovo piano paesistico per l'isola... La presidente del Fai, Giulia Maria Crespi, decana della tutela dei beni culturali e paesaggistici, non ha l'abitudine di nascondere le proprie opinioni. Anche quando si tratta di spezzare una lancia a favore delle sorti del nostro patrimonio culturale, seppure in uno scenario che non è dei più confortanti. Dopo un 2004 nero, l'anno nuovo si prospetta, se possibile, ancora più difficile e avaro dal punto di vista delle finanze; non ci sono più i soldi neppure per mantenere in servizio l'ex soprintendente ai Beni archeologici di Roma, Adriano La Regina. « Le cose che non vanno, purtroppo, le conosciamo bene. Noi del Fai, insieme a Italia Nostra e Wwf, le abbiamo più volte denunciate. Anche a proposito del nuovo Codice dei Beni culturali e del Paesaggio e della riforma del Ministero, che contengono peraltro molti spunti positivi, ci siamo impegnati a farne un primo bilancio a un anno dall'entrata in vigore. Proviamo quindi a guardarci attorno da un altro punto di vista».
Quale?
«Voglio dire che la congiuntura internazionale, certo non favorevole per il nostro Paese, ha fatto in un certo senso realizzare agli italiani quello che da decenni ambientalisti e amanti dell'arte vanno dicendo: il vero oro nero dell'Italia è il patrimonio artistico e ambientale. Basta pensare a città come Genova che si è reinventata all'insegna di nuove architetture, interventi di riqualificazione urbana e grandi mostre; Brescia, che ha creato una società per la gestione e la promozione culturale; o ancora Roma, che sta investendo sull'arte e sull'architettura contemporanea e sta realizzando il museo del giocattolo; o Napoli, che ha rilanciato la Mostra d'Oltremare e sta puntando sul sistema della tourist card. Ma esempi edificanti arrivano anche da piccole città come Siena o Ferrara tenute splendidamente». La parola d'ordine è "valorizzazione". «Ecco, il pericolo è che adesso tutti si buttino sulla "valorizzazione" del nostro patrimonio, vagheggiando chissà quali guadagni e facendo danni a tutto spiano». Il grande tema di questi anni è appunto la redditività dei beni culturali, lei come la vede? « Bisogna andarci cauri, basta guardare cosa succede in Inghilterra o negli Stari Uniti dove i grandi musei, per andare avanti, hanno bisogno di sponsor e di amici affezionati che li aiutino nella gestione. Per non dire del National Trust inglese: su oltre 250 beni custoditi non sono più di 10 quelli che danno reddito e certo non ce la farebbero se non avessero 3 milioni e mezzo di soci e se non potessero contare sui legati testamentari. Nel 2003 hanno ricevuto 62 milioni di euro dai legati: da noi si tocca ancora ferro quando se ne parla! Se i beni sono correttamente gestiti non possono generare guadagni diretti, al massimo arriveranno al pareggio; possono però dare un forte impulso alla produttività del territorio su cui insistono». A proposito di sviluppo attraverso i beni culturali: il ministro Urbani sembra puntare molto su nuovi modelli di gestione pubblico-privati e su Arcus, la società a capitale pubblico creata per promuovere progetti e restauri, gestendo il 3 per cento dei finanziamenti destinati alle infrastrutture.
«Ho incontrato Mario Ciaccia, l'amministratore delegato di Arcus, e mi è sembrato molto coinvolto in questo suo compito. Ci auguriamo che anche il Fai possa beneficiarne per il restauro di Villa Gregoriana a Tivoli. Ma a parte Villa Gregoriana, un bene demaniale che il Fai ha avuto in concessione per 12 anni e che aprirà al pubblico in primavera, Arcus ha programmato molti interventi mirati al rilancio del patrimonio italiano. Mi pare che sia l'inizio di una nuova percezione dei beni culturali e ambientali come settori indispensabili al rilancio delle attività produttive e alla riqualificazione del nostro Paese. A patto, però, che questo non significhi disinvestire sull'amministrazione pubblica dei beni culturali, ma coincida con il potenziamento del sistema delle soprintendenze che ora, affiancate dalle nuove direzioni regionali cui spetta il grosso delle incombenze burocratiche, potrebbero davvero dedicarsi attivamente alla tutela».



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news