LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lady Uffizi lascia e va in Usa: La burocrazia uccide la cultura
FABIO ISMAN
Il Messaggero 21-GEN-2005

DOPO ben 40 anni, primato italiano di durata nella medesima struttura, "Lady Uffizi" saluta e se ne va. Se l'Italia sa far senza la direttrice del suo museo pi antico (i Medici aprono la Tribuna nel 1591) e pi frequentato (un milione e mezzo di visitatori l'anno), gli Stati Uniti sono pronti a soffiarne al Belpaese le capacit e l'esperienza: Compio 67 anni il 24 gennaio, dice Anna Maria Petrioli Tofani, e non far nessuna festa; dal giorno dopo, lavorer, gratis e come volontaria, al Gabinetto dei Disegni, dove c' ancora tanto da schedare; e, da settembre, andr a Washington: un contratto, per adesso un anno e poi vedremo, al Centro di Studi avanzati della National Gallery; mi daranno l'ufficio e una segretaria: non ci sono abituata. Insomma, un altro capitolo della "fuga di cervelli"; anche se, stavolta, non imberbi. "Lady Uffizi" la chiamano anche "Sua Scomodit": non le ha mai mandate a dire, e non lo fa nemmeno adesso.
D'estate avevo chiesto al Ministero di restare fino ai 70 anni. Non m'hanno neppure riposto, come usa tra persone ben educate. L'altro giorno, l'Ufficio pensioni di Firenze m'ha detto che una fonte certa, nulla di scritto, ha confermato il mio pensionamento. Quanto mi daranno? Dopo 40 anni, dal 1987 direttore generale della Galleria pi prestigiosa nel nostro Paese, duemila euro al mese. Io non ho figli, e mi bastano; ma se fosse l'unico stipendio che entra in casa, e magari avessi due figli, non saprei come campare. Se ne va senza aver visto l'ampliamento della "sua" Galleria: Se ne parla dal 1950; io ho steso un progetto nell'89: approvato. Poi, una commissione nominata da Antonio Paolucci quand'era ministro, formata da dirigenti e docenti nessuno dei quali aveva lavorato un solo giorno in un museo, l'ha stroncato, per senza redigerne uno nuovo; l'allora direttore generale Roberto Cecchi ne ha stilato un altro, che in buona parte ripete il mio; tra breve faranno la gara d'appalto. Quando si finir? Non lo so: io vado in pensione. Le brucia la burocrazia: Non dare autonomia a un museo come gli Uffizi, significa non farlo fruttare quanto potrebbe, e impedirgli di essere competitivo rispetto agli altri grandi musei del mondo. Non c' nemmeno una pianta organica: la mattina, si vede quanti custodi sono al lavoro, e si decide quali sale aprire e quali invece tener chiuse. "Sua Scomodit" non ha
rapporti facili con i superiori; epiche le liti con Antonio Paolucci. Entrambi anche candidati al consiglio comunale di Firenze: lei per l'allora Psi, e lui (poi, ministro nel governo Dini) con la Dc; ma lui, stato anche eletto. Il giorno peggiore della direttrice , logicamente, quello della bomba del 1993; si ricorda che strapp un permesso di Paolucci a un mio fotografo, e poi lo riscrisse lei stessa? Io badavo alla sicurezza del museo, lui ai rapporti con la stampa. E ancora: Io Vengo dal museo, lui dal territorio; siamo diversi in tutto; io fin troppo diretta, lui invece non si capisce mai che cosa pensa. Ma se questo Stato cos ingeneroso le regalasse un dipinto degli Uffizi, quale mai sceglierebbe? Nessuno: perch ognuno di loro, stando qui, aumenta di senso e significato. E' un valore aggiunto che deriva dal contesto e dalla storia. Ma ce ne sar pure uno preferito, no? E' una scelta molto sofisticata la Madonna dal collo lungo di Parmigianino; forse perch Giotto, Botticelli, Caravaggio, Tiziano e compagnia dipingente, per non dire di Duccio e Martini, Masolino e Paolo Uccello, le sembrano un po' troppo alla portata di tutti. Il Ministero ormai talora pare non esistere pi; per anni ho dovuto tenere a interim la direzione del Gabinetto dei Disegni, il massimo in Italia e uno dei quattro maggiori al mondo, per evitare che Roma mi mandasse chi non ne capiva nulla; la burocrazia va forse bene per gli uffici postali, ma certo non per la cultura. La commissione per l'ampliamento, aveva deciso di svuotare il corridoio vasariano dei dipinti esposti, renderlo un passaggio tra gli Uffizi e Pitti; 700 metri senza uscite di sicurezza: ma dotavamo i visitatori di paracadute e salvagente?; ora hanno creato il Polo museale (diretto da Paolucci): Una perdita secca, vera follia.
Se ne va, e agli Uffizi, per sei mesi all'anno, le code dei visitatori durano anche delle ore; si discute in che modo proteggere il David, esposto nelle Gallerie dell'Accademia, e si lascia all'aperto il Perseo di Cellini, esposto a ogni intemperia; in che Paese siamo, se in mezzo secolo non si riesce ad ampliare la massima Galleria?. Oggi gli Uffzi espongono 800 dei 1.500 autoritratti che possiedono ( la pi vasta collezione al mondo), e 400 opere d'arte delle 5.000 che detengono", 1.200 in tutto: si potrebbe arrivare a duemila senza che la qualit ne scapiti; una mostra per Natale espone dei "mai visti": anche autori e dipinti di prima grandezza, io me ne vado: buona fortuna a tutti.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news