LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pubblico e privato nelle fondazioni: chi comander?
ANTONIO PAOLUCCI
REPUBBLICA Firenze 20 GEN 2005

IL FUTURO dei grandi musei italiani sar la Fondazione. Se fanno cos in America perche non dovremmo farlo anche noi? Questo oggi il pensiero dominante. Il ventesimo secolo che stato statalista per la gran parte del suo percorso (con i fascismi, con i comunismi, con le socialdemocrazie) si scoperto iperliberista negli ultimi anni.
Ora, all'inizio del XXI, dobbiamo prendere atto che lo slogan della nostra giovinezza il privato pubblico si rovesciato nel suo contrario, il pubblico deve diventare privato. Quindi ben venga l'ingresso del privato nel museo. Porter gestione pi efficiente, promozione pi efficace, occupazione, sviluppo etc. Questi discorsi li conosciamo, sono condivisi a destra come a sinistra e a poco serve mettere in guardia dalle illusioni, dalle ingenuit, dai pericoli. Non si contrastano le idee dominanti quando la politica, i media e l'opinione pubblica hanno deciso di farle proprie.
Ce lo ha insegnato una volta per tutte Francesco Bacone qualche secolo fa. Adesso il momento delle fondazioni museali. Non si parla d'altro.Tuttile vogliono anche se pochi sanno cosa sono o cosa dovrebbero essere.
Proviamo allora a ragionare in termini concreti pensando alla realt fiorentina e allo scenario prossimo venturo. Cominciamo col definire l'oggetto del discorso. Fondazione s, ma per cosa? Si parlato di Fondazione Uffizi. Sarebbe un errore. A Firenze una eventuale Fondazione museale ha senso solo se comprende tutti gli istituti attualmente raggruppati nel Polo. E una questione di massa critica. I musei della Soprintendenza speciale fiorentina vogliono dire, tutti insieme, quattro milioni e mezzo di visitatori all'anno e circa 23 milioni di entrate. Sono cifre di tutto rispetto che avvicinano il nostro sistema a realt quali il Louvre, il Metropolitan, i musei Vaticani. Dividere gli Uffizi dal resto significherebbe indebolire gli Uffizi e indebolire il resto (Accademia, Palatina, Bargello etc). Faccio un ragionamento puramente aziendalistico, sia chiaro, come se fossi l'amministratore delegato di un cartello bancario o il gestore di una catena di supermercati. Non mi provo neanche, in questa sede, ad accampare le ragioni (pure per lo storico dell'arte decisive) dell'unit collezionistica del patrimonio variamente distribuito nei nostri musei.
Secondo pi importante aspetto della questione. Una volta perimetrato l'oggetto della Fondazione (i musei del Polo ma anche, perch no? Palazzo Vecchio, Forte Belvedere, l'Archeologico) come immaginare l'organo di gestione? Fondazione vuoi dire la presenza dei privati. Ma quali privati?
QUI non siamo in America dove c' una tradizione di mecenatismo capitalista e c', soprattutto, un regime fiscale che incoraggia e premia il mecenatismo stesso. E poi da noi non ci sono i grandi privati. L'ultimo (e il solo) era rappresentato dalla famiglia Agnelli; la quale, dopo la morte dell'avvocato, ha deciso di dismettere il veneziano Palazzo Grassi, solitario fiore, troppo presto avizzito, del mecenatismo capitalista italiano. Da
noi gli unici veri privati (molto sui generis) sono le fondazioni bancarie, bellissima e provvidenziale anomalia italiana. Accetteranno le fondazioni bancarie (Cassa di Risparmio, Monte dei Paschi) di entrare in partenariato con la struttura pubblica per il governo del sistema museale fiorentino? Un sistema che gi gode di una sua autonomia contabile e finanziaria e che pu mettere sul tavolo, ogni anno, 23 milioni di denaro vero? Forse accetteranno, o forse no, staremo a vedere. Ma se accetteranno vorranno avere, come giusto, voce in capitolo. Cos come vorranno averla (ecco un'altra anomalia italiana che sarebbe difficile far capire in America) le rappresentanze politiche locali: Comune, Provincia, Regione, ognuna con la sua frammentazione partitica e le sue alchimie di differenziata rappresentanza. A questo punto, nel disegno di Fondazione museale fiorentina che provo a immaginare, mi chiedo quale potr essere il ruolo e il peso della componente tecnico scientifica. In parole povere potr il soprintendente con i suoi funzionari, decidere in libert su restauri, mostre, pubblicazioni o dovr sottostare alle decisioni di un consiglio di amministrazione che potrebbe vederlo in minoranza?
Avr sulle questioni di merito quella autonomia che nessun ministro, fino ad oggi, gli ha mai seriamente impedito? Dal mio punto divista (mi conforta accorgermi che anche il punto di vista di Urbani) questo il vero nodo da sciogliere quando si parla di Fondazioni museali.



news

17-02-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 febbraio 2020

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

Archivio news