LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Le idee si pagano
Guido Guerzoni
Il Sole 24 ore - Domenica 4/3/2012

A differenza che in altri Paesi, in Italia la fase progettuale raramente remunerata: eppure l che si concentra il valore aggiunto in termini di innovazione
La professionalizzazione dei nuovi attori creativi passa anche attraverso un pi evoluto rapporto con la committenza

A differenza di quanto accade nei settori professionali in cui la progettazione giuridicamente definita ed economicamente inquadrata, in Italia, nel mondo delle industrie creative e dei beni culturali, questo fenomeno si manifesta, per usare un eufemismo, pi di rado, quasi che progettare il palinsesto di un festival, la stagione di un teatro, il concept di una mostra o lo sviluppo di un museo siano giuochi da ragazzi. Non stupisca il riferimento ludico: opinione diffusa che la produzione d'idee non richieda grandi sforzi, essendo il frutto di generazioni pressoch spontanee, talora fonte di piacere, come accade quando si parla di creazione, disseminazione e crossfertilization. risaputo, infatti, che nelle menti dei creativi le idee si formino per caso, tra una sigaretta e un caff, uno spritz e una chiacchera, un pisolino e un filarino, un happy hour e un dirty weekend, addensandosi in nuvole progettuali i cui piovaschi precipitano sui desktop Apple con la stessa naturalezza con cui a Woolsthorpe Manor le mele si frangevano sul cranio di Isacco Newton. Ma se qualcuno gode e - colpa inescusabile - si diverte pure, lo si dovr pagare, se mancano i calcoli strutturali che hanno orbato dinastie d'ingegneri o gli esecutivi che hanno ingobbito sui tecnigrafi generazioni di architetti? La Cultura una vocazione (per eredi e rentier). Non bisogna lamentarsi se difettano i mezzi del grande e del piccolo schermo (che remunerano le opere dell'ingegno di sceneggiatori cinematografici e autori televisivi), se latitano i profitti della moda e del design (che adottano altri principi di retribuzione e compartecipazione agli utili)e rimangono chimerici gli anticipi riconosciuti agli scrittori di rango. Riassumendo: soldi pochissimi, ma vuoi mettere la soddisfazione di vedere il tuo nome stampato su un flyer in carta riciclata, accanto a titoli che riempirebbero d'orgoglio ogni cuore di mamma: curatela, drammaturgia, soggetto, ideazione, progetto di... Le occasioni non dovrebbero mancare, in un Paese con circa 14mila associazioni culturali, in cui ogni anno vengono imbanditi 2.000 festival, inaugurate 10.000 mostre, organizzate 41.000 manifestazioni all'aperto e allestiti, secondo i dati Siae del 2010,141.000 spettacoli. Eppure, a dispetto di cotante cifre, la progettazione non viene quasi mai pagata, configurandosi il pi delle volte come disinteressato e gratuito anticipo su eventuali future realizzazioni: quattro righe buttate gi per amicizia, senza impegno, per citare una ricorrente formula pre e paracontrattuale, immancabilmente seguita dalla clausola di stile: Poi, se si far, ci metteremo d'accordo. Senza scherzare oltre, doveroso riconoscere che tale abitudine non trova corrispondenza nei Paesi pi civili, dove la progettazione considerata una fase cruciale, il fattore critico del successo di qualsivoglia iniziativa culturale, cui dedicare il giusto tempo e riconoscere un idoneo compenso, con stanziamenti di budget che sull'italico suolo non vengono riservati nemmeno a talune fasi realizzative. Chiedete a un curatore straniero un progetto espositivo o all'ideatore di un festival lo sviluppo di uno spin-off editoriale: di norma non lo fanno gratis, ma esigono la giusta remunerazione del tempo dedicato e il riconoscimento del loro ruolo. Perch l'economia della conoscenza diversa da quella della riconoscenza. Le idee servono e si devono pagare, perch le competenze hanno un valore economico, perch una cattiva progettazione figlia pessime gestioni, perch l'improvvisazione una dote canora ma un difetto caratteriale, perch esistono nuove professionalit che, anche senza la rappresentativit di ordini prestigiosi come quello dei farmacisti, sanno fare bene e seriamente un lavoro assai pi complicato di quanto si pensi. Gli ostacoli che si frappongono alla modernizzazione di un falso e peloso pseudomecenatismo sono molti; per esigenze di spazio ne esaminer due: la moratoria degli accessi/eccessi universitari e l'inadeguatezza della committenza. Ogni anno, nel Belpaese, si laureano migliaia di futuri progettisti culturali, a fronte degli undici iscritti nella classe di Scienze e tecnologie dei sistemi di navigazione (dato che illumina su taluni recenti fatti di cronaca). Siamo forti a santi e poeti, ma scarseggiano i navigatori e sono in via di estinzione gli scienziati: secondo l'ufficio Statistiche del Miur nell'anno accademico 2010-11 erano immatricolati nella classe Biotecnologie industriali 313 studenti, lo 0,006 per cento dei 48.423 arruolati nelle classi di Beni culturali, Conservazione e restauro dei beni culturali; Conservazione e restauro del patrimonio storico-artistico; Scienze dei beni culturali; Tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni culturali; discipline, scienze e tecnologie delle arti figurative, della musica, dello spettacolo, della moda e della produzione multimediale. Sei 756 iscritti a Matematica non hanno pareggiato gli enrolled del minore tra i primi cinque fashion institutes milanesi, c' stato un fisico ogni dieci partecipanti ai casting del Grande Fratello 12 (3.176 vs 30.000), un chimico ogni undici partecipanti alle audizioni di X Factor (4.502 vs 50.000), un biologo ogni dozzina di scienziati della comunicazione (1.956 vs 24.613). Ogni commento superfluo. Rimane il fatto che decine di migliaia di persone sono disposte a lavorare gratis, nella speranza di vincere un giorno il gratta e vinci cultura per sempre. Non meno delicata la situazione della committenza, pubblica e privata. Un progetto noni un capriccio: ha bisogno di committenti consapevoli, esigenti e risoluti. Purtroppo, dopo le scienze della Formazione (s'intende calcistiche: moduli pitagorici, schemi difensivi e percentuali di realizzazione), la progettazione culturale il campo disciplinare in cui l'Italia vanta la maggior concentrazione mondiale di cultori della materia. Dilettanti lenti nel premettere che di contenuti espositivi o palinsesti teatrali non si sono mai occupati in vita loro, ma lestissimi nell'ammollare gragnuole di consigli, suggerimenti, paragoni. Se pochi si sognano di suggerire a un architetto, un editore, un regista come progettare un edificio, una collana editoriale o un lungometraggio, chiunque progetti un museo trover centinaia di interlocutori pronti a spiegargli, in cinque minuti, come farlo diversamente e meglio; chiunque progetti un festival ricever centinaia di segnalazioni riguardanti oratori imperdibili e temi imprescindibili, quasi che dialogare pazientemente con decine di soggetti assai eterogenei e coordinare le tante professionalit e mentalit che gravitano attorno a simili iniziative fosse la cosa pi facile e semplice del mondo. Ma non forse vero che la cultura, sul patrio suolo, si diffonde per simpatia? Che per progettare con senso e seriet in campo culturale basta andare in viaggio di nozze in una delle tante citt d'arte: cinque giorni di furore, tra una copula e una cupola, per far vedere ai parenti che nessuno in Italia, anche il pi somaro, pu rimanere insensibile al fascino delle sue eterne belt? Nel dubbio si pu sempre pescare nelle acque della televisione, in cui galleggiano naufraghi e pirati di ogni sorta: se viene da l d maggiori garanzie di professionisti con curricula di trenta pagine. Per fortuna alcune imprese, le pi avvedute e innovative, hanno capito che solo riconoscendo dignit e valore all'opera progettuale di questi nuovi soggetti, allergici alle etichette ma capaci di saltare gli steccati sterili dell'iperspecializzazione, possibile portare idee e vita in campi altrimenti condannati all'asfissia.



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news