LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Galleria trova una casa dopo cent'anni da ospite
Sergio Troisi
18 gennaio 2005, La Repubblica, ed. Palermo


CERCHIATE in rosso sul calendario la data del prossimo primo ottobre: se non ci saranno intoppi, sempre possibili nei rush finali, quel giorno la grande mostra dedicata a Francesco Lojacono inaugurerà la nuova sede della Galleria d'arte moderna, nel convento di Sant'Anna, ai Lattarini.

Un evento storico per le istituzioni culturali cittadine: si tratta, infatti, del primo nuovo museo ad aprire i battenti a Palermo dopo oltre mezzo secolo, dal lontano 1954 quando venne inaugurata la Galleria regionale della Sicilia a Palazzo Abatellis; ma anche, per scrupolo di filologia, questa sarà la prima vera sede della Galleria visto che i locali del Politeama furono considerati temporanei sin dall'originaria collocazione del 1910, in attesa di nuova e più adeguata sistemazione delle raccolte appena iniziate. Sono passati, invece, novantacinque anni, quasi fisiologici in una città dove nulla è più immobile di ciò che nasce come provvisorio; quasi un secolo, in cui la Civica Galleria ha svolto il suo ruolo di conservazione museale facendo i conti con spazi angusti, magazzini di fortuna per sistemare le opere non esposte, carenza di finanziamenti.
La decisione di trasferire la Galleria al Convento di Sant'Anna la Misericordia (monumentale edificio-cerniera tra le due splendide piazze di Sant'Anna e della Croce dei Vespri) si deve all'assessorato alla Cultura allora guidato da Francesco Giambrone, ed è quindi l'iter finalmente bipartisan seguito dalla giunta Cammarata che taglierà il traguardo nei prossimi mesi.
MA PER decenni sulla nuova sede della Galleria sono fioriti dibattiti e polemiche, ipotizzandone di volta in volta la sistemazione a Palazzo De Seta, all'Albergo delle Povere, a Palazzo Ziino, persino nei locali già dell'Ars Nova in via Dante. Discussioni non pretestuose, che anche sul versante architettonico investivano un dilemma di fondo: se la Galleria d'arte moderna dovesse cioè impegnarsi — nell'incremento delle raccolte, nell'attività espositiva — anche sul contemporaneo o al contrario concentrare la propria fisionomia istituzionale su quella stagione tra Otto e primo Novecento su cui si fondano i nuclei fondamentali delle collezioni.
La scelta è caduta infine su questa seconda ipotesi: una separazione tra moderno e contemporaneo che trae del resto giustificazione dal mutato panorama dello stato dell'arte negli ultimi decenni — peri materiali, le tecnologie, gli ingombri, la stessa natura fisica e concettuale delle opere — e che ritaglia il ruolo futuro della Galleria come terreno privilegiato di indagine di quella stagione cruciale, con-traddittoria e irrisolta, che vede la nascita dell'identità moderna della città. Come è del resto avvenuto da tempo nei musei di mezza Europa, dove l'Ottocento è stato riscoperto senza complessi di inferiorità come momento di una cultura accademica più internazionale di quanto possa apparire sull'onda di una vulgata stereotipa.
La mostra dedicata a Francesco Lojacono sarà quindi il primo tassello, e il primo banco di prova, di una attività di indagine e valorizzazione della storia culturale cittadina che la direttrice Antonella Purpura intende sviluppare in relazione a quelle coordinate nazionali e internazionali in cui la vicenda isolana trova la propria naturale collocazione.
La nuova galleria si svilupperà per circa cinquemila metri qua-
drati suquattro livelli: ilpiano terra con il piccolo cortile porticato [dove saranno ubicati i servizi aggiuntivi, biglietteria, bookshop e caffetteria) e i tre piani superiori dedicati alla collezione permanente che potrà finalmente essere valorizzatasianelrespiro espositivo, sinora asfittico, che nel recupero di opere custodite nei magazzini: tanto Ottocento, certo, da Patania a Leto a Catti, ma anche tanto primo Novecento, sino a quella stagione tra le due guerre quando (con l'ingresso di opere di Casorati, Cagli, Sironi, Pirandello, Campigli, ma anche di Rizzo, Lazzaro e Greco) il museo conobbe il suo ultimo, importante e organico incremento.
I progetti, tuttavia, non si fermano qui: collezione permanente e mostre temporanee non sempre potranno convivere, e la vecchia sede del Politeama, a restauri ultimati, potrebbe diventare un rinnovato spazio espositivo. Con un auspicio finale, che è comunque una necessità improrogabile se si vuole davvero il funzionamento a pieno regime della nuova struttura: un nuovo statuto che assicuri alla Galleria autonomia di bilancio per acquisizioni, mostre, iniziative didattiche, sottraendola alla forche caudine spesso imprevedibili sino all'ultimo momento delle delibere comunali.



news

22-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news