LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PALERMO - Questa citt attonita davanti ai suoi monumenti
Sergio Troisi
La Repubblica, ed. Palermo, 14/01/2005


LA CUBA riapre i battenti, o meglio riconfigura la propria fisionomia museale migliorando le modalit di fruizione e ponendo le premesse di un recupero pi ampio di quello che fu il "solarium" di Guglielmo II; un tassello importante che si aggiunge alla nutrita lista di monumenti che una pi accorta politica di salvaguardia e valorizzazione dei beni storico - artistici ha provveduto a restituire alla cittadinanza nel corso degli ultimi vent'anni. Eppure c' stato un tempo, neppure molto lontano, in cui percorrere strade e piazze di Palermo era come aggirarsi in una delle "Citt invisibili" di Calvino: una geografia di rimozioni e sbarramenti, con interi brani di storia urbana dimenticati e preclusi da implacabili cortine murarie, e una memoria in macerie - reali e metaforiche - per pi di una generazione.
Il primo grande complesso monumentale a essere riaperto -dopo decenni - stato l'Albergo dei Poveri di Corso Calatafimi, acquisito dalla Regione e inaugurato con una mostra di Fernando Botero. Era il 1988, gli anni delle giunte esacolori presiedute da Leoluca Orlando nel clima declinante della Prima Repubblica; nel decennio successivo l'euforia per la riappropriazione della citt dopo i nostri terribili anni di piombo si rispecchi in una entusiasmante catena di recuperi: il teatro Garibaldi e lo Spasimo, il giardino di Villa Trabia, Palazzo Ziino, il Loggiato di San Bartolomeo, sino al teatro Massimo, emblema per eccellenza di quella stagione.
UNA SCELTA irreversibile, si pens allora; e in un certo senso vero, anche perch la gestione della cultura diventata (almeno a parole) uno dei fiori all'occhiello per le amministrazioni di ogni segno e colore, e il palcoscenico della citt-spettacolo un teatro privilegiato della organizzazione del consenso. Tuttavia, se la volont di proseguire questa politica di restauri e recuperi evidente-e basterebbe a testimoniarlo negli ultimi la riapertura oltre che della Cuba dell'Oratorio dei Bianchi o della Stazione ferroviaria di S. Erasmo qualcosa sembra inceppare l'instaurarsi di un reale circolo virtuoso nella fruizione dei monumenti.
Non soltanto per la ricchezza quantitativa del patrimonio palermitano e il dissesto provocato da un abbandono ultradecennale, o per la esiguit dei fondi per il restauro erogati spesso a singhiozzo cosi che al compimento di uno stralcio dei lavori segue spesso un lungo periodo di stasi ( il caso ad esempio della Palazzina alla Cinese di Venanzio Marvuglia e dell'ala nuova della Galleria regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis). Quanto piuttosto per una difficolt della gestione che frutto di una insufficiente e consapevole programmazione a vasto raggio che includa i soggetti detento-ri dei monumenti: soprattutto la Regione, il Comune, la Provincia e la Curia. Pu cosi accadere che alla riapertura della chiesa della Concezione al Capo faccia riscontro, paradossalmente, la chiusura di un altro capolavoro della decorazione barocca a marmi mischi come S. Maria in Valverde, per alcuni anni affidata alla cooperative che ne garantivano la fruizione; che alla riapertura dell'Oratorio dei Bianchi facciano seguito i sigilli apposti all'Oratorio di S. Stefano; che all'inaugurazione del Padiglione a S. Erasmo faccia mesto controcanto lo sbarramento dei Padiglioni ferrovia -ri della Stazione Lolli o che alcuni tra i maggiori spazi cittadini l'Albergo delle Povere, Palazzo Riso -languano vuoti per parecchi mesi dell'anno perch privi di una coerente attivit espositiva.
Il caso pi eclatante in tal senso comunque rappresentato dagli oratori decorati da Giacomo Serpotta e dal figlio Procopio, oggetto lo scorso anno di una campagna promozionale di gran clamore quando la maggior parte di es -si era in realt ancora in restauro e ingombra di impalcature, riaperti in queste festivit per soli tre fine settimana e adesso nuovamente chiusi sino a nuovo ordine. L'accordo tra la Regione e le Forze Armate che, liberando la visuale architettonica dalla barriera di un muro, ha permesso di sbloccare la situazione di stallo che aveva penalizzato il complesso della Cuba pu cosi rappresentare un momento diconvergenza (nonilsolo) da cui ripensare la gestione dei beni culturali.
SERGIO TROISI



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news