LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sull'inglese tolleranza zero Chi difende l'italiano?
Beppe Severgnini
Corriere della Sera, 20/01/2005

Domanda secca: perché gli inglesi e gli americani sono tanto interessati a come parlano e scrivono, e noi no? I libri sulla lingua, di là della Manica e dell'oceano, diventano best-seller: dai noi vengono accolti con stracche recensioni. Ho un sospetto: noi italiani siamo convinti che la lingua non si amarsi usa. E poi succeda quel che deve succedere. L'Accademia della Crusca, com'è noto, non è d'accordo, e mette in campo degne persone. Ma sventolare quel nome agreste - lo dico con affetto - vuoi dire partire in salita: quattro quinti della nazione non hai mai visto il frumento, figuriamoci se s'appassiona alla crusca. L'inglese, invece, sembra provocare reazioni sanguigne: più aumentano quelli che lo maltrattano (all'estero, e non solo) più si eccitano quelli che lo difendono. La notizia del successo di «Eats, Shoots and Leaves - The Zero Tolerance Approach to Punctuation» è arrivata anche in Italia: l'autrice Lynne Truss, come dice il sottotitolo, propone «tolleranza zero» in materia di punteggiatura. Non riesco a immaginare qualcosa del genere in Italia, dove il punto e virgola, pur così sexy, è stato abbandonato; e molta gente ha ceduto al ricatto dei telefonini, scrivendo «un pò» (accento) invece di «un po'» (apostrofo).
C'è ovviamente di peggio. Invece di portare la lingua quotidiana sui monumenti, abbiamo accettato che la lingua dei monumenti conquistasse la vita quotidiana. In pubblico, la gente dice lustri e non cinque anni, volto e non faccia, ventre e non pancia. Presenta omaggi, e non fa regali. Molti esordiscono con Chiarissimo scrivendo a professori universitari specialisti in manovre oscure, e tutti chiudono le lettere con Voglia gradire i più distinti saluti. Chi li distingue, quei saluti? Nessuno. Ma il mittente si sente tranquillo. Ricordo Silvio Berlusconi, al tempo degli ostaggi in Iraq: il presidente del Consiglio non diceva «Continuiamo a parlare...», ma «Abbiamo un'interlocuzione continuativa...». Il movente psicologico è lo stesso che lo spinge a usare «Mi consenta...»: un'insicurezza verbale di fondo, che attraversa la società italiana come una corrente (da Palazzo Chigi alle case popolari). Il linguaggio come polizza di assicurazione. Anzi: come vestito buono da indossare per le fotografie, e poi rimettere nell'armadio. Non è solo la lingua ufficiale a comportarsi così. I nostri discorsi sono disseminati di segnali di cautela e d'incertezza. «In Veneto - mi diceva un veneto - molti iniziano le frasi dicendo Con rispetto parlando... Quando chiedono nome e cognome, a Venezia e a Padova c'è chi risponde: "Mi saria Tonon Giovanni..", Io sarei Giovanni Tonon: ma potrei essere anche qualcun altro, se risultasse necessario». Lo stesso, universale, italianissimo «ciao» deriva da Schiao (pronuciato sciao). In dialetto veneto: schiavo, servo suo. Un esordio umile, poi si vedrà.
Avete letto fin qui? Buon segno: vuoi dire che, sebbene pochi scrivano di queste cose (lode a due veneti, Paolo Marchi e il nostro Giulio Nascimbeni!), i lettori sono interessati. Ed è bene che sia così. La Lingua cattiva è poco efficace, e spesso è fraudolenta. Lo sosteneva George Orwell nel 1946 («Politics and the English Language»), e resta vero. Chi difende la buona lingua non difende la noia, né rifiuta le innovazioni. «Palloso», per esempio, è un neologismo fascinoso, utile per descrivere i discorsi di chi non sa parlare e i testi di chi non sa scrivere.
E' irritante invece l'uso di «assolutamente sì» al posto di «sì» (perché sprecare sei sillabe?) e la confusione tra «attitudine» (che vuoi dire «predisposizione») e atteggiamento (che significa «disposizione»): certo, in inglese «attitude» vuoi dire «atteggiamento», ma che c'entra? Confondere i due vocaboli è un errore. Fatelo notare, alla prima occasione, ma senza esagerare. Scrive Richard Jenkyns, professore (non palloso) di Oxford: «In materia, la regola è semplice: resistere finché si può, ma quando la battaglia è perduta, arrendersi». Mi sembra l'attitudine giusta. Scusate, l'atteggiamento. www. corriere, it/severgnini



news

26-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news