LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sull'inglese tolleranza zero Chi difende l'italiano?
Beppe Severgnini
Corriere della Sera, 20/01/2005

Domanda secca: perch gli inglesi e gli americani sono tanto interessati a come parlano e scrivono, e noi no? I libri sulla lingua, di l della Manica e dell'oceano, diventano best-seller: dai noi vengono accolti con stracche recensioni. Ho un sospetto: noi italiani siamo convinti che la lingua non si amarsi usa. E poi succeda quel che deve succedere. L'Accademia della Crusca, com' noto, non d'accordo, e mette in campo degne persone. Ma sventolare quel nome agreste - lo dico con affetto - vuoi dire partire in salita: quattro quinti della nazione non hai mai visto il frumento, figuriamoci se s'appassiona alla crusca. L'inglese, invece, sembra provocare reazioni sanguigne: pi aumentano quelli che lo maltrattano (all'estero, e non solo) pi si eccitano quelli che lo difendono. La notizia del successo di Eats, Shoots and Leaves - The Zero Tolerance Approach to Punctuation arrivata anche in Italia: l'autrice Lynne Truss, come dice il sottotitolo, propone tolleranza zero in materia di punteggiatura. Non riesco a immaginare qualcosa del genere in Italia, dove il punto e virgola, pur cos sexy, stato abbandonato; e molta gente ha ceduto al ricatto dei telefonini, scrivendo un p (accento) invece di un po' (apostrofo).
C' ovviamente di peggio. Invece di portare la lingua quotidiana sui monumenti, abbiamo accettato che la lingua dei monumenti conquistasse la vita quotidiana. In pubblico, la gente dice lustri e non cinque anni, volto e non faccia, ventre e non pancia. Presenta omaggi, e non fa regali. Molti esordiscono con Chiarissimo scrivendo a professori universitari specialisti in manovre oscure, e tutti chiudono le lettere con Voglia gradire i pi distinti saluti. Chi li distingue, quei saluti? Nessuno. Ma il mittente si sente tranquillo. Ricordo Silvio Berlusconi, al tempo degli ostaggi in Iraq: il presidente del Consiglio non diceva Continuiamo a parlare..., ma Abbiamo un'interlocuzione continuativa.... Il movente psicologico lo stesso che lo spinge a usare Mi consenta...: un'insicurezza verbale di fondo, che attraversa la societ italiana come una corrente (da Palazzo Chigi alle case popolari). Il linguaggio come polizza di assicurazione. Anzi: come vestito buono da indossare per le fotografie, e poi rimettere nell'armadio. Non solo la lingua ufficiale a comportarsi cos. I nostri discorsi sono disseminati di segnali di cautela e d'incertezza. In Veneto - mi diceva un veneto - molti iniziano le frasi dicendo Con rispetto parlando... Quando chiedono nome e cognome, a Venezia e a Padova c' chi risponde: "Mi saria Tonon Giovanni..", Io sarei Giovanni Tonon: ma potrei essere anche qualcun altro, se risultasse necessario. Lo stesso, universale, italianissimo ciao deriva da Schiao (pronuciato sciao). In dialetto veneto: schiavo, servo suo. Un esordio umile, poi si vedr.
Avete letto fin qui? Buon segno: vuoi dire che, sebbene pochi scrivano di queste cose (lode a due veneti, Paolo Marchi e il nostro Giulio Nascimbeni!), i lettori sono interessati. Ed bene che sia cos. La Lingua cattiva poco efficace, e spesso fraudolenta. Lo sosteneva George Orwell nel 1946 (Politics and the English Language), e resta vero. Chi difende la buona lingua non difende la noia, n rifiuta le innovazioni. Palloso, per esempio, un neologismo fascinoso, utile per descrivere i discorsi di chi non sa parlare e i testi di chi non sa scrivere.
E' irritante invece l'uso di assolutamente s al posto di s (perch sprecare sei sillabe?) e la confusione tra attitudine (che vuoi dire predisposizione) e atteggiamento (che significa disposizione): certo, in inglese attitude vuoi dire atteggiamento, ma che c'entra? Confondere i due vocaboli un errore. Fatelo notare, alla prima occasione, ma senza esagerare. Scrive Richard Jenkyns, professore (non palloso) di Oxford: In materia, la regola semplice: resistere finch si pu, ma quando la battaglia perduta, arrendersi. Mi sembra l'attitudine giusta. Scusate, l'atteggiamento. www. corriere, it/severgnini



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news