LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Siena: apre per la prima volta palazzo Chigi scrigno dell'arte
Mara Amorevoli
La Repubblica – Firenze, 20/01/2005

IL PALAZZO della musica di Siena, sede dell'Accademia Chigiana, da sabato prossimo fino al 15 giugno apre al pubblico i suoi tesori d'arte dopo due secoli. Salotti, aule e stanze completamente riallestite con precisione filologica secondo il gusto del collezionismo tardo settecentesco, sedici «camere delle meraviglie» arredate con gran parte dei 12 mila pezzi di dipinti, fondi oro, statuette, ceramiche, sarcofagi etruschi, maioliche, mobili, oggetti di preziose manifatture in avorio e porcellane cinesi della collezione appartenuta a Galgano Saracini. Il monumentale castello neogotico, con torre e trifore su Via di Città, dimora della famiglia Saracini, e in seguito a varie vicende ereditarie passato ai Chigi (fu il conte Guido Chigi a fondare nel 1932 l'Accademia musicale), era già stato per pochi eruditi e appassionati d'arte «vago e superbo museo» aperto «al pubblico godimento» nel 1806 dal nobile, colto e raffinato illuminista Galgano, vissuto tra il 1752 e il 1824.
Un invito a palazzo con visita inedita anche per i senesi stessi, per ammirare dopo quasi 20 anni di studi, ricerche e catalogazioni, i locali restaurati e allestititi con opere e arredi recuperati dai depositi e dalle soffitte della dimora. Il pubblico troverà al piano terreno la biglietteria e il bookshop, e quindi salendo al piano nobile - accanto al Salone della Musica dove ancora oggi si tengono i concerti dell'Accademia Cliigia-na - potrà accedere al "salotto del Sassetta", con tre capolavori dell'artista senese, risistemato come era nell'800. «Grazie ad una relazione-inventario del 1819, salotti e aule dove si tengono le lezioni di musica hanno recuperato gli arredi originari, l'80 per cento degli oggetti è tornata nella propria collocazione» spiega Enrico Colle che con Carlo Sisi ha curato il recupero delle stanze e dei tesori di Palazzo Chigi Saracini. Dettagli studiati e curatissimi, dalla tenue illuminazione che crea un clima da dimora d'epoca, alla tappezzeria di damasco rosso, alle tende ricamate (originali), fino alla disposizione dei quadri,
di mobili a intarsi, consolle e poltrone, che testimoniano stratificazioni del gusto dei proprietari della sontuosa dimora, in cui le foto mostrano ospiti illustri come D'Annunzio, e grandi musicisti come Toscanini, Rubinstein, Casals. Dal "salotto Botticelli" con un tondo attribuito all'artista, si passa a quello del "Brescianino" dove troneggia un prezioso altare portatile dipinto dall'artista allievo di Beccafumi, quindi a quello di «Sano Di Pietro» che accoglie un pianoforte pare appartenuto a Liszt, sotto ai soffitti affrescati da Antonio Castelletti con glorificazioni della dinastia Saracini, e tra vetrine con terrecotte barocche e bozzetti di Bernini. Fino a restare stupiti nella camera dove soggiornò anche la regina Elisabetta del Belgio, dalla perfezione dei mobili creati da Agostino Fantastici. Tocca poi alle sei aule della musica mostrare i tesori di arredi e dipinti di scuola senese e non.
Infine al piano terreno sarà allestitala mostra curata da Riccardo Spinelli «Oltre la scuola senese. Dipinti del '600 e '700 nella collezione Chigi Saracini» con i capolavori di Salvator Rosa, Bernardo Strozzi, Simone Pignoni, Sebastiano Conca, mentre per la prima volta saranno accessibili alcune residenze private con affreschi e arredi della Siena del tempo. E per approfondire la conoscenza del collezionismo senese tra '700 e '800, basterà spostarsi a Montepulciano, e visitare al Museo civico la raccolta di 200 dipinti appartenuti a Francesco Crociani, primicerio della cattedrale poliziana. Tutto il progetto è opera della Banca e della Fondazione Monte dei Paschi (che ha stanziato 1.200.000 euro per restauri del Palazzo e allestimenti), oltre che della Fondazione Accademia Chigiana, con il patrocinio del Comune e della Provincia di Siena. Fino al 15 giugno, aperta tutti i giorni dalle 9 alle 19.30, ingresso 9 euro, info e prenotazioni 0577246928/ 0554275315-www.chigiana.it.



news

26-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news