LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

DENUNCIA DEL BRITISH MUSEUM Le forze della coalizione hanno devastato i reperti di Babilonia
Il Tempo


LONDRA — La denuncia viene dal British Museum, forse la più autorevole istituzione mondiale nel campo dell'archeologia: le forze della Coalizione internazionale in Iraq, che hanno usato l'antica città dì Babilonia come base militare, hanno arrecato «danni rilevanti» a questo prezioso sito. Confermando in questo modo i timori sollevati prima dell'inizio della guerra, quasi due anni fa.
A citare le accuse, contenute in un circostanziato rapporto stilato da un esperto del museo londinese, è il quotidiano britannico The Guardian, che racconta come . i pesanti veicoli delle truppe americane e polacche stanziate nella zona abbiano frantumato la pavimentazione della città, risalente a 2.600 anni fa, i cui giardini pensili erano considerati una delle sette meraviglie della civiltà antica, e di come i militari non si siano fatti scrupolo di usare frammenti di reperti archeologici per riempire i sacelli di sabbia destinati a creare barriere protettive. Un oltraggio senza limiti alla cultura universale e alla civiltà mesopotamica.
«È come se si fosse installato un accampamento intorno alle piramidi d'Egitto o a Stonehenge», ha scritto nel suo rapporto John Curtis, il responsabile del dipartimento per il Medio Oriente del British Museum, facendo riferimento al famoso sito megalitico dell'Inghilterra.
Invitato a visitare Babilonia dalle autorità irachene, Curtis afferma di aver notato anche le conseguenze di atti di vandalismo e che qualcuno ha cercato perfino di svellere i mattoni decorati che formano il disegno dì un drago sulla porta monumentale della città dedicata alla dea Ishtar.
Il comando statunitense ha allestito una base a Babilonia nell’aprile 2003, subito dopo consegnata alle truppe polacche incaricate di ontrollare la zona centro-meridionale del paese. I polacchi -che hanno ufficialmente riconsegnato oggi la zona di Babilonia al ministero della cultura iracheno - hanno riferito di aver deciso di spostare altrove la base quando si sono resi conto che le attività militari «non costituivano un beneficio» per il sito archeologico.
«Ce ne siamo andati - ha detto il tenente colonnello Artur Domanski - non appena abbiamo avuto l'opportunità di spostarci in un nuovo campo».
Non prima, comunque, di aver «contaminato in modo irreversibile» l'intera area, come ha rilevato Curtis, che ha raccomandato l'apertura di un'inchiesta internazionale per l'accertamento dei danni.



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news