LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Beni archeologici, cambio di soprintendente
Gianni Caverai
16 GEN 2005 Unit Firenze & Toscana


Angelo Bottini lascia Firenze per Roma, al suo posto come reggente arriva Carlotta Cianferoni. Valzer di poltrone in altre sedi regionali


FIRENZE Quella delle soprintendenze in Toscana sta diventando una vera giostra. Alle nomine di pochi giorni fa si aggiunta quella di Angelo Bottini che ha ricevuto ieri mattina a Roma dal Ministro Urbani l'incarico di sostituire Adriano La Regina alla Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Roma.
Resta cos vacante l'incarico di soprintendente archeologico per la Toscana e viene data per sicura la nomina, in qualit di reggente, di Carlotta Cianferoni, curatrice del Museo archeologico nazionale di Firenze ed ispettrice di zona per Siena e Firenze per la stessa soprintendenza.
Adriano La Regina, personaggio non sempre comodo, che ha "governato" con decisione Roma, o almeno il suo cuore antico, entrando pi di una volta in contrasto netto con i sindaci e i ministri che si sono succeduti nei 28 anni della sua direzione, ha ricevuto, come Anna Maria Petrioli Tofani per gli Uffizi, un rifiuto alla domanda presentata per restare in carica altri 3 anni, fino al raggiungimento dei 70 anni.
Uomo e funzionario certamente pi appartato e riservato Angelo Bottini, che solo nel maggio scorso era stato confermato per 2 anni, reduce dall'essersi trovato in mezzo nella faccenda della loggia di Isozaki essendo gli scavi archeologici di piazza del Grano uno dei motivi addotti dal Ministro per la non realizzazione del contestato progetto dell'architetto giapponese.
La geografia delle soprintendenze particolarmente complicata. In soli 6-7 anni a Firenze, esclusa quella archeologica, sono passate da 2 a 4, senza che sia aumentato il numero di chi ci lavora dice amaramente un dipendente.
Con la costituzione del Polo museale fiorentino al quale furono assegnati i pi importanti musei statali della citt e alla cui guida rii nominato Antonio Paolucci, quella che era la Soprintendenza al patrimonio storico artistico ed demoetnografico conflu in quella dei beni architettonici e paesaggistici: nacque cos la cosiddetta soprintendenza mista di settore con a capo Domenico Valentino.
Adesso la soprintendenza mista stata di nuovo divisa recuperando quella ai beni architettonici e del paesaggio e dando vita alla soprintendenza al patrimonio artistico etnografico ( nel frattempo si perso il demo, potenza dei nomi) alla quale stato appunto nominato Bruno Santi.
Quindi a Firenze siamo a 4 compresa la soprintendenza regionale trasformatasi nel frattempo in direzione regionale che, in ogni regione, ha il compito di svolgere, in nome del decentramento, alcuni dei compiti prima appannaggio del Ministero. In Toscana, manco a dirlo, l'incarico andato ad Antonio Paolucci, che colleziona ancora anche quello al Polo museale e per il quale qualcuno parla di una prossima direzione ad interini anche della Galleria degli Uffizi in procinto di diventare orfana di Anna Maria Petrioli Tofani con la quale Paolucci ha avuto negli ultimi anni pi di un motivo di dissenso.
A Siena e Grosseto in sostituzione di Santi stato nominata Lucia Fornari, ad Arezzo arriva Giangiacomo Martnes gi soprintendente ad Udine, per le province di Lucca e Massa Carrara nasce una nuova soprintendenza, che si distacca da quella di Pisa - Livorno, alla quale, nominato in qualit di reggente, va Luigi Ficacci.
Tutto questo giro di nomine ha lasciato, in qualit di reggente, Paola Grifoni alla soprintendenza fiorentina ai beni architettonici e paesaggistici che fu di Valentino.
Insomma tutto un giro di sedie e di incarichi che, almeno per Firenze, non cambiano la sostanza delle cose: personale insufficiente e difficolt a trovare anche solo i locali per i nuovi uffici.
E tutto a costo zero, o quasi, l'unico costo vero deriva dal moltiplicarsi dei dirigenti che assumono il ruolo di soprintendente, costo che ormai regolato, a quanto pare, da una sorta di trattativa privata che stabilisce la durata del contratto, ultimamente di 2 anni, ed il compenso. La direzione regionale avrebbe anche il potere di trattare questi contratti.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news