LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Competizione continua tra il centro e la periferia su infrastrutture, urbanistica e condono
Giorgio Santilli
Il Sole 24 Ore 15-GEN-2005



Territorio, devolution senza pace
Nel vuoto gli appelli alla leale cooperazione della Consulta su legge obiettivo e sanatoria
■ Tante sono le impugnazioni di leggi regionali dopo la riforma del Titolo V della Costituzione. Di queste ben 135 erano questioni di legittimit, mentre le restanti sette riguardavano le rispettive competenze
■ Dal 2002 a oggi le Regioni hanno fatto ricorso alla Consulta il 20% in pi di quanto abbia fatto lo Stato nei loro confronti. Delle 169 impugnazioni, 127 erano di legittimit costituzionale, 42 erano conflitti di attribuzione dell'Esecutivo

I successi dei Governatori
■ Tra le impugnazioni che hanno visto lo Stato come promotore, questo il numero di quelle arrivate a sentenza. In 36 casi, poi, la Consulta ha individuato gli estremi per l'abrogazione delle leggi regionali
■ La Corte costituzionale ha emesso pi sentenze sui ricorsi presentati dalle Regioni rispetto a quelle del Governo. Di queste, ben 49 sono state di illegittimit. Tute ci anche se le autonomie hanno minore possibilit di impugnazione
ROMA ■ Il ministro per gli Affari regionali, Enrico La Loggia, ha detto iri che l'impugnazione della legge salva-coste della Sardegna (la numero 8 del 2004) costituisce una strada obbligata. D Governo ha spiegato non poteva fare diversamente che impugnare la legge, cos come si fatto per qualunque altra materia e per qualsiasi altra Regione di qualunque colore.
Pi nel dettaglio, ma restando su un profilo strettamente tecnico, le due pagine con i motivi dell impugnazione stilati dal Dipartimento degli Affari regionali evidenziano come gli articoli 3 e 4 dello Statuto della Regione Sardegna le attribuiscano la competenza primaria in materia di urbanistica ed edilizia, ma che sulla materia della tutela paesaggistica, la Regione invece vincolata alle disposizioni statali in materia di cui al decreto legislativo 41/2004. Si tratta del Codice dei beni culturali e del paesaggio voluto dai ministro Urbani. Oltre alla violazione delle competenze esclusive dello Stato, il Governo accusa gli articoli l e 2 della legge Sardegna l dove impongono un divieto di realizzare nuove opere soggette a concessione o autorizzazione edilizia nelle zone costiere fino ai due chilometri di contenere nonne illogiche e completamente irrazionali in quanto non sono tali da soddisfare le finalit di tutela perseguita.
Fin qui gli argomenti tecnici. La linea del Governo quindi quella di aver difeso la propria competenza esclusiva in materia di tutela paesistica. La Regione Sardegna ribatter che il divieto a costruire invece una tipica norma urbanistica, edilizia e di governo del territorio su cui la Regione pienamente legittimata a legiferare.
Spetter alla Consulta dire chi abbia ragione e dove stia il confine fra le due discipline. Certamente il ricorso del Governo contro la legge salva-coste della Sardegna riapre ed estende la ferita non solo istituzionale, ma anche politica del rapporto fra Stato e Regioni su tutta la ampia materia del governo del territorio: in una lunga stagione di tensioni indotte dalle incertezze del modello federalista adottato, stata proprio questo l'ambito su cui si scatenato b scontro pi aspro, con i ricorsi dia Consulta prima sulla legge obiettivo e poi sul condono edilizio, vale a dire due pilastri della politica del Governo Berlusconi, due leggi adottate senza consultare le Regioni e in contrasto con la loro posizione.
Una ferita che ora, con il ricorso sulla legge salva-coste della Sardegna, si estende alle aree di confine fra tutela del paesaggio e urbanistica. Una ferita che, in realt, non si mai richiusa. Appena un mese fa, l'Esecutivo aveva deciso, a sorpresa dopo una tregua durata sei mesi, di riaprire la guerra sul condono edilizio, impugnando prima le leggi della Toscana e dell'Emilia Romagna (10 dicembre 2004), poi (23 dicembre 2004) quelle di altre cinque Regioni, fra cui due governate dal centro-destra, Lombardia e Veneto. L'accusa quella di aver ristretto troppo l'ambito delle costruzioni abusive sanabili. Aveva destato qualche meraviglia che la decisione del Governo arrivasse dopo che la Consulta aveva gi dettato le regole di fondo per la soluzione di un conflitto chiarissimo e lunghissimo da cui tutti erano usciti malconci, ma il gettito atteso dal Tesoro dal condono pi di tutti. E, soprattutto, aveva meravigliato che il Governo impugnasse di nuovo sulla sanatoria dopo che il ministro dell'Economia. Domenico Siniscalco, aveva escluso qualunque possibile riapertura dei termini per il condono, dichiarando morta, almeno ufficialmente, la stagione dei condoni.
Ma la pacificazione fra Stato e Governo non c7 stata. E cadono nel vuoto gli appelli arrivati dalla Consulta che proprio in occasione della sentenza sulla legge obiettivo (303/2003) aveva lanciato la dottrina del federalismo solidale e collaborativo, affermando che le istituzioni non possono funzionare e non pu funzionare il rapporto fra Stato e Regioni se alla base di questi rapporti non si pone un atteggiamento di leale cooperazione. La Corte costituzionale aveva posto l'intesa quadro fra Governo e Regioni proprio al centro della legge obiettivo, imponendo un accordo per la scelta delle opere e dei relativi tracciati. L'impasse sull'autostrada tirrenica che dura ormai da tre anni con il conflitto fra il ministro Lunardi e la Regione Toscana conferma che quella dell'intesa indicata dalla Consulta l'unica via possibile per evitare la paralisi. La dottrina del federalismo solidale e cooperativo era stata poi confermata proprio dalia sentenza della Corte sul condono edilizio (196/2004) che aveva affermato la legittimit del Governo a varare il condono, ma aveva posto pesantissimi paletti sulle tipologie di immobili sanabili. In entrambi i casi la Consulta aveva fatto da arbitro, salvando due leggi nazionali ma imponendo comportamenti pi responsabili all'Esecutivo, nella convinzione che su tutte queste materie lavori pubblici di importanza strategica, condono, urbanistica nessuno abbia competenza esclusiva. Ma l'appello alla leale collaborazione caduto nel vuoto; ora, si apre un nuovo fronte.
GIORGIO SANTILLI



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news