LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il Governo contro la Sardegna - Impugnata la legge salva-coste
MARINO MASSARO
15-GEN-2005, Il Sole 24 Ore




II Governo ha impugnato la legge della Regione Sardegna che vieta le nuove costruzioni entro due chilometri dalla riva del mare.. Roventi le polemiche sull'ennesimo scontro tra Esecutivo e Regioni. Sono gi oltre 300 i ricorsi pendenti davanti alla Consulta.

Fino all'approvazione del Piano paesaggistico regionale e per un massimo di 18 mesi vietai costruire o rinnovare lottizzazioni entro 2.000 metri dalla linea di battigia marina (500 metri nelle isole minori), anche per i terreni elevati sul mare e entro i compendi sabbiosi e dunali.
Le contestazioni del Governo
II divieto di realizzare nuove opere nelle zone costiere e le deroghe previste sono illogiche e manifestamente irrazionali. Secondo il Governo, i criteri adottati non trovano giustificazione in alcuna valutazione paesistica e non soddisfano le finalit di tutela perseguite,
Sotto accusa il blocco delle costruzioni in una fascia di 2 Km dal mare
L'opposizione replica: cos si favoriscono interessi privati e speculazioni edilizie
ROMA ■ Si riaccende lo scontro tra Stato e Regioni. E Consiglio dei ministri ha deciso ieri di impugnare di fronte alla Corte Costituzionale la legge salva-coste della Sardegna, il provvedimento che vieta temporaneamente (al massimo 18 mesi) ogni attivit edilizia in una fascia fino a 2 chilometri dalla linea di battigia marina.
La legge della Regione Sardegna (la n. 8, intitolata Norme urgenti di provvisoria salvaguardia per la pianificazione paesaggistica e la tutela del territorio regionale) era stata approvata il 25 novembre corso, non senza code polemiche.
Polemiche che ieri sono puntualmente riesplose. Verdi e ambientalisti, oltre che le forze politiche del centro sinistra accusano il Governo di voler "salvare" la villa del premier e di voler favorire la speculazione edilizia. Polemiche strumentali e becere replica il ministro per gli Affari regionali, Enrico La Loggia.
E Governo ha detto il ministro non poteva fare diversamente che impugnare la legge, cos come si fatto per qualunque altra materia e per qualsiasi altra Regione di qualunque colore.
Abbiamo fatto ha proseguito La Loggia un'analisi molto scrupolosa di decisioni della Regione che presentavano evidenti aspetti di illegittimit perch sforavano di molto le competenze dello Statuto regionale della Sardegna.
Il ricorso al giudizio della Corte costituzionale solo lultimo (per ora) capitolo di una vicenda che si trascina da tempo. La giunta di centrosinistra che regge ora la Regione Sardegna aveva l'esigenza di riempire il vuoto determinato dall'annullamento da parte del Tar e del Consiglio di Stato di 13 dei 14 Piani paesaggistici territoriali (lunico che si salvato quello del Sinis nellOristanese).
Per questo motivo la nuova disciplina (approvata dopo un mese di maratona in consiglio regionale e tra roventi polemiche) prevede che la Giunta regionale adotti, entro un anno, il Piano paesaggistico regionale che dovr fare da cornice agli analoghi piani dei singoli Comuni.
Nel frattempo valgono le misure di salvaguardia con il divieto di realizzare nuove opere soggette a concessione ed autorizzazione edilizia, nonch di approvare, sottoscrivere e rinnovare convenzioni di lottizzazione nei tenitori costieri compresi nella fascia entro i 2.000 metri dalla linea di battigia marina (500 metri per le isole minori).
I sindaci di centro destra (tra cui quelli d Olbia e Cagliari) hanno accusato il governo regionale di voler affossare il turismo e l'economia dell'Isola, senza contare le lamentele per la mancata concertazione. E hanno scritto direttamente al presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, sollevando la questione di illegittimit costituzionale.
Con il "caso Sardegna" va dunque ulteriormente allungandosi la lista delle liti tra il Governo e le Regioni che dopo la modifica del Titolo V della Costituzione sono esplose quasi in forma epidemica. A novembre dello scorso anno lo Stato aveva impugnato oltre 140 leggi regionali, mentre le Regioni avevano presentato circa 170 ricorsi. Un bilancio che cresciuto e crescer per effetto della contestazione alla Finanziaria 2005. Le Regioni pi combattive sono quelle di centro sinistra (Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Campania), ma le Province autonome di Trento e Bolzano, con una trentina di ricorsi, sono nella fascia alta della classifica.
Il maggior numero di conflitti riguarda, non a caso, materie come l'ambiente, l'edilizia, l'urbanistica. Ambiti dove il pasticcio della definizione di "legislazione concorrente" utilizzata per la riforma costituzionale del Titolo V crea oggettivamen-te incertezze e motivo di contrasto.
In questo particolare caso della legge della Sardegna, secondo il Governo, il divieto di realizzare nuove opere nelle zone costiere e le esclusioni e deroghe previste risultano illogiche e manifestamente irrazionali in contrasto con gli articoli 3 (pari dignit e eguaglianza dei cittadini davanti alla legge) e 97 (imparzialit della pubblica amministrazione) della Costituzione. Secondo il Governo, i criteri adottati non trovano giustificazione in alcuna valuta-zione paesistica e non soddisfano le finalit di tutela perseguite, sia per i limiti fissati nel divieto di realizzazione nuove opere, sia per le deroghe e esclusioni previste.
Contestato anche il divieto di realizzare, fino all'approvazione del Piano paesaggistico regionale, impianti di produzione di energia eolica. Questa disposizione secondo il Governo eccede le competenze dello Statuto sardo, ponendosi in contrasto con la competenza esclusiva dello Stato in materia di tutela dell'ambiente e dei beni culturali.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news