LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ue, l'Italia non tutela l'ambiente - Violate direttive su acqua, clima, parchi, inquinamento, e Valutazione impatto ambientale
A. D'Argenzio
il manifesto - 19 Gennaio 2005


BRUXELLES
Tra sentenze non rispettate, deferimenti alla Corte di giustizia della Ue e minacce di finirci: l'Italia si merita di gran lunga la palma di paese meno ambientalista dell'Unione.

Roma arriva infatti a sommare ben 15 procedimenti di infrazione, infrange un po' d'appertutto. Un record.

In Italia abbiamo differenti casi, grandi e piccoli. C' una diversit di infrazioni, ed sconvolgente, riassume la portavoce del Commissario all'ambiente Stavros Dimas.

Errare errare umano ma perseverare diabolico, il commento di Roberto Della Seta, presidente di Legambiente, facendo eco al Wwf che sottolinea i gravi i richiami all'Italia.
L'assoluta disattenzione con la quale questo governo gestisce la politiche ambientali - accusa Della Seta - non solo ci fa screditare di fronte all intera Comunit europea, ma ha arrecato e continua a farlo, gravi danni sia all'ambiente che all'economia dell'intero Paese.

Ancora una volta quei comunisti di Bruxelles - accusa ironico il senatore dei verdi Sauro Turroni - portano l'Italia sul banco degli imputati perch il governo Berlusconi, con una dedizione e perseveranza degna di miglior causa, viola o non rispetta tutte le norme comunitarie, nessuna esclusa, in materia ambientale.

Le infrazioni pi gravi commesse dall'Italia dal punto di vista giuridico - sottolineate dalla Commissione europea - sono la mancata definizione delle Zona di protezione speciale per gli uccelli, soprattutto in Sicilia, Sardegna, Lombardia e Calabria, e il mancato rispetto delle norme europee di gestione dei giardini zoologici.

Si tratta di due questioni su cui Roma gi stata condannata dalla Corte del Lussemburgo e, pur condannata, non ancora corsa ai ripari con il rischio di dover pagare a breve grosse multe. Poi ci sono i giudizi in atto, ben dieci.

Si va dalla mancata valutazione ambientale per il megainceneritore di Brescia all'assenza di un impianto per il trattamento delle acque reflue in provincia di Varese (acque che finiscono nell'Olona e quindi nell'Adriatico dando una mano all'eutrofizzazione); dal mancato rispetto della direttiva Habitat (per due strade costruite in Alto Adige e per gli impianti sciistici di Santa Caterina Valfurva, nel cuore del Parco dello Stelvio, che ospiteranno gli ormai prossimi mondiali di sci di Bormio) al mancato rispetto della direttiva Seveso II sugli incidenti rilevanti per la salute umana.

L'Italia non rispetta inoltre un regolamento Ue che limita l'uso di sostanze che riducono lo strato di ozono e non ha dato attuazione alla direttiva sulla prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento che regola gli impianti industriali attivati dopo il 30 ottobre 1999.

Gli ultimi due casi riguardano il mancato recepimento della normativa sulle acque e della direttiva sullo scambio di quote di emissione dei gas a effetto serra, scaduta il 31 dicembre e boicottata con ostinazione dal governo Berlusconi.

Infine ci sono tre avvertimenti scritti finali, inviati dalla Commissione all'Italia e che costituiscono l'ultimo passo prima del deferimento alla Corte della Ue.

Il primo riguarda proprio la mancata presentazione del piano nazionale di assegnazione delle emissioni gassose che doveva permettere alle imprese italiane di partecipare al mercato europeo delle emissioni.
La non stesura del piano produce danni sia all'ambiente che alla competitivit dell'industria nazionale.

L'Italia non ha poi trasmesso i dati del 2002 sull'inquinamento atmosferico in Calabria e ha considerato superflua la valutazione ambientale per un progetto di strada a scorrimento veloce a Imola.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news