LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il nuovo sacco di Babilonia - Distruzioni incalcolabili da occupazione militare, accusa un rapporto del British Museum
Manlio Dinucci
Il Manifesto


Saccheggiata dagli ittiti nel 1595 a.C., distrutta dagli assiri nel 689 a.C., Babilonia, una delle più famose città del mondo antico, riuscì a risorgere lasciandoci una eredità archeologica di incalcolabile valore. Fino al 2003 d.C., quando gli americani l'hanno saccheggiata e in gran parte distrutta. Lo documenta il rapporto redatto dal Dr. John Curtis del British Museum, di cui The Guardian ha pubblicato ieri ampi stralci. Il nuovo sacco di Babilonia è iniziato quando, nell'aprile 2003, l'esercito statunitense, una volta occupato l'Iraq, ha impiantato un campo militare proprio in questo sito archeologico. Esso è stato costruito dalla Kellog, Brown and Root, una delle filiali della Halliburton, la società diretta da Dick Cheney prima di divenire vicepresidente degli Stati uniti, la quale non a caso ha ricevuto i maggiori contratti per la «ricostruzione» dell'Iraq. La decisione di costruire proprio qui un campo militare di 150 ettari per 2 mila soldati è stata motivata dal comando Usa con la necessità di difendere questo prezioso sito archeologico dai saccheggiatori.

In realtà sono stati proprio i militari Usa e i tecnici della Halliburton a saccheggiarlo. Come documenta il rapporto di Curtis, monumenti di inestimabile valore sono stati gravemente danneggiati o distrutti per asportare mattonelle con bassorilievi, come quelle che decoravano la famosa porta di Ishtar. Anche se Curtis non lo dice, ciò è stato fatto non solo per procurarsi dei souvenir: esiste infatti un vasto mercato clandestino in cui reperti archeologici di tale valore possono essere facilmente venduti.

Al saccheggio si è aggiunta la distruzione provocata per costruire il campo militare. Come documenta sempre Curtis, che ha visitato il sito archeologico, la copertura originale in mattoni del VI secolo a.C. della grande strada processionale, in cui si celebravano le festività del capodanno babilonese, è stata sbriciolata dai veicoli militari pesanti. Vaste aree, contenenti reperti archeologici unici, sono state scavate fino a 2 metri di profondità per ricavarne migliaia di tonnellate di materiale da costruzione. In mucchi di detriti Curtis ha trovato pezzi di antichi mattoni con inscritto il nome di Nabucodonosor. Non contenti, i «costruttori» hanno ricoperto una grande area con migliaia di tonnellate di materiali trasportati da altri luoghi. Si è resa così estremamente difficile, se non impossibile, qualsiasi futura ricerca archeologica. Ulteriori danni, probabilmente irreparabili, sono stati provocati dai carburanti fuoriusciti dai serbatoi per il rifornimento dei veicoli militari, che hanno impregnato profondamente il terreno.

Dopo aver provocato tali danni, l'esercito statunitense ha passato la base al contingente polacco. E questo, con tutta probabilità, ha continuato a saccheggiare e distruggere ciò che restava. Infine, ieri, il sito dell'antica Babilonia è stato ufficialmente restituito alle «autorità irachene». «Ma ciò che esse ereditano - scrive The Guardian - è una collezione di disastri». Per questo, al termine del rapporto, Curtis chiede che sia «promossa una inchiesta internazionale a tutto campo sui danni provocati al sito archeologico di Babilonia durante la sua occupazione da parte delle forze della coalizione». Il sito, infatti, non appartiene solo all'Iraq ma all'intera umanità che, a causa di quello che The Guardian definisce «vandalismo culturale», perde una parte inestimabile della sua cultura e della sua storia.

Sarà promossa l'inchiesta che chiede Curtis? Quando nel marzo 2001 i talebani distrussero in Afghanistan antiche statue di Buddha, vi fu a livello internazionale un'ondata di proteste contro quello che venne giustamente definito un crimine contro l'arte e la storia. In tale campagna si distinse per i suoi toni indignati l'amministrazione Bush, che già stava affilando le armi per occupare l'Afghanistan. Ora che vi è la prova che un crimine ancora più grave contro l'arte e la storia è stato commesso dall'amministrazione Bush in Iraq, quale sarà la reazione internazionale? Saranno denunciati i talebani di Washington?



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news