LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE - Diagnosi cercasi per il male oscuro dellAnnunciazione
GAIA RAU
GIOVED, 09 FEBBRAIO 2012 LA RTEPUBBLICA Firenze


"Ci sono tre strati di vernici ritenute un tempo protettive che danneggiano la pittura originale Dobbiamo capire come"
AllOpificio i pi moderni esami cercano di capire perch il dipinto incompiuto sta degenerando fin quasi a svanire "Rischiamo di perderlo definitivamente"


Da quasi tre mesi un paziente deccezione ricoverato allOpificio delle pietre dure. Intorno a lui, nei laboratori della Fortezza, si muovono i restauratori pi esperti dellistituto fiorentino, ma anche gli scienziati dellIno, dellIfac, dellInfn, dellEnea e degli atenei di Bologna, Firenze, Perugia e Pisa. Con le tecnologie pi sofisticate, e lattenzione speciale che si riserva a un capolavoro. LAdorazione dei Magi, il grande incompiuto di Leonardo Da Vinci custodito agli Uffizi, gravemente malato. Le indagini in corso dal 18 novembre su quella che giudicata una delle opere pi rappresentative dellartista, iniziata nel 1481 per i monaci di San Donato a Scopeto e mai terminata a causa della sua partenza per Milano, stanno confermando quanto gli studiosi, a cominciare dal direttore della Galleria Antonio Natali, sostenevano da tempo, e in parte era gi emerso da analisi condotte nel 2002. Con la differenza che oggi, a dirlo, sono strumenti infinitamente pi evoluti, che poco margine lasciano allincertezza.

Radiografia, fluorescenza uv multispettrale, uv riflesso e in falso colore, riflettografia a infrarossi, e ancora fluorescenza X, riflettanza Fors, spettroscopia Raman. E infinita la lista degli esami e dei macchinari impiegati, fra i quali spicca un prototipo di scanner realizzato dallIstituto nazionale di Ottica in grado di acquisire e ricomporre immagini in 14 lunghezze donda. Si tratta, per il momento, di tecniche non invasive spiega Marco Ciatti, direttore del laboratorio restauri dellOpificio Se tutte convergeranno verso lo stesso risultato, potremo dirci sicuri. Se invece rimarr qualche dubbio, procederemo come ultima ratio a un numero limitatissimo di prelievi che, rispetto agli altri sistemi, hanno un vantaggio di chiarezza, in quanto possono essere fatti in maniera stratigrafica.

Vogliamo comprendere continua il direttore come fatto il dipinto e qual la sua patologia, ovvero come il materiale pittorico utilizzato da Leonardo interagisce con vernici e colle aggiunte successive. Anche grazie a ricerche di archivio spiega poi abbiamo individuato almeno tre interventi eseguiti sul quadro: due nel 700, uno allinizio del 900. Non siamo stupiti perch era tipico, nelle collezioni granducali fiorentine, procedere con continui trattamenti di manutenzione che si pensava rinforzassero i dipinti. Questo spiega la marea di materiali sovrapposti sullAdorazione, la cui alterazione provoca un problema non soltanto estetico, ma di leggibilit dellopera, offuscando il disegno e nascondendo, probabilmente, figure importanti. Il secondo problema di carattere strutturale: dalla parte inferiore del dipinto manca una traversa di controllo che tenga insieme le tavole verticali di cui composto. Il risultato che queste si muovono, e il colore rischia di cedere e staccarsi. E impossibile che il quadro sia nato cos. E successo qualcosa che stiamo cercando di ricostruire, forse unoperazione di adattamento a scopo espositivo.

Di questi primi risultati si parlato poche settimane fa alla National Gallery di Londra, in un convegno in occasione della grande mostra su Leonardo appena terminata, al quale lOpificio ha contribuito con tre relazioni. Per le conclusioni definitive, invece, si dovr attendere marzo: Formuleremo una proposta ai responsabili dellopera, Soprintendenza e Uffizi, e valuteremo il da farsi. La necessit di intervenire sembra, per, quasi scontata. E il rischio il riaccendersi delle polemiche che, dieci anni fa, videro in prima fila il critico James Beck (scomparso nel 2007) il quale, con la sua Artwatch, promosse una campagna internazionale contro lipotesi di restauro, alla fine accantonata.

E assurdo che a polemizzare sia una realt anglosassone come Artwatch ribatte Ciatti In Italia vige una concezione del restauro estremamente rispettosa: per pulitura delle opere intendiamo sempre un assottigliamento dei materiali non originari, mai una loro completa rimozione. La scuola anglosassone, invece, sostiene interventi molto pi radicali. E cos fin dalla "cleaning controversy" che vide protagonista Cesare Brandi negli anni 50.



news

24-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news