LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SARDEGNA Governo eolico business - Roma impugna anche legge salva-paesaggi
Costantino Cossu
Il manifesto


Oltre alla legge che tutela le coste, Palazzo Chigi ricorre alla Consulta anche contro la norma regionale che frena la speculazione sull'energia eolica

CAGLIARI
L'intento del governo anche quello di bloccare la norma che impedisce che la Sardegna diventi la piattaforma eolica del Mediterraneo. La Sardegna sta facendo abbondantemente la sua parte e non pu essere obbligata a fornire da sola la quasi totalit della produzione eolica italiana. Questo stava accadendo prima che noi lo impedissimo. E' un passaggio dela risposta di Renato Soru, il presidente della giunta regionale sarda, alla decisione del consiglio dei ministri di impugnare davanti alla corte costituzionale la legge che, per un anno, impedisce di costruire in una fascia di due chilometri dal mare, approvata nell'agosto scorso. Davanti alla Consulta, infatti, il governo di Silvio Berlusconi ha mandato, insieme alla legge salvacoste, anche il provvedimento della giunta Soru che ha fermato in Sardegna i cantieri per la costruzione di un numero impressionante di centrali eoliche: ottantotto. L'impatto per il paesaggio sarebbe stato devastante, alcuni dei luoghi pi belli sarebbero stati irrimediabilmente deturpati. I motivi del boom dell'eolico in Sardegna li spiega Antonio Canu, dirigente nazionale del Wwf, responsabile del settore aree protette: Noi siamo favorevoli all'energia eolica, da sempre. Il fatto che in Sardegna l'eolico rischiava di essere introdotto nella maniera sbagliata, fuori da ogni criterio serio di programmazione e di tutela del paesaggio. L'eolico incentivato da massicci finanziamenti europei. Molti comuni, alle prese con bilanci disastrati, hanno fornito le licenze per l'apertura dei cantieri solo per incamerare i soldi. In questo modo, dice Canu, l'aspetto prevalente non quello dell'introduzione di una fonte alternativa d'energia, ma quello dell'attivazione di un meccanismo in cui ad essere premiati sono i profitti delle imprese. Tra le aziende che si sono buttate nel business dell'eolico sardo ci sono l'Enel, due gruppi privati italiani e uno spagnolo.

Anche ieri sono piovute reazioni negative alla decisione del governo d'impugnare la legge salvacoste. Tra le altre quella di Francesco Rutelli: Mentre nove milioni di italiani sono a piedi, il premier e il governo cosa fanno? Bocciano la legge urbanistica della Sardegna che mette argine alla cementificazione. Invece servirebbe il massimo di innovazione tecnologica e scientifica per garantire il massimo della conservazione dell'ambiente e della natura.

Per la segreteria nazionale dei Ds si fatto sentire Valdo Spini, ieri a Cagliari per il congresso provinciale della Quercia: La politica del territorio da sempre di competenza delle Regioni, a cui la riforma del titolo quinto ha aggiunto la competenza sul paesaggio. Allo Stato rimasta la tutela dei beni culturali, ma l'atto del governo Berlusconi tutt'altro che tutela, la messa in pericolo delle coste stesse. Si aggiunga che la legge sarda si pone nel solco di tutta quella legislazione, dalla Galasso in poi, che ha individuato nelle coste un bene da tutelare. Uno in pi o uno in meno, di conflitto, non cambia molto. E', comunque, un provvedimento che fa riflettere.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news