LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Puntellamenti a rischio, crollo all'Aquila
Michela Corridore
Il Centro 6/2/2012

I danni del maltempo. Cedimenti in pi zone. A Santa Maria Paganica vola via parte della copertura
L'assessore: niente fondi
Centro storico chiuso, da neve e infiltrazioni il colpo di grazia al patrimonio architettonico
Impossibile avviare le verifiche tecniche, appello al ministero

L'AQUILA. L'abside del Duomo colma di neve, come anche palazzo Carli, ex sede del rettorato dell'universit, e una vasta area dell'interno della chiesa di Santa Maria Paganica. Lo stesso manto bianco che sembra coprire le ferite dell'Aquila terremotata, dopo giorni di precipitazioni straordinarie, si infiltrato nelle crepe, nelle fessure e nelle voragini aperte del patrimonio storico del capoluogo, mettendolo fortemente a rischio. Intanto, l'assessore comunale alla ricostruzione dei beni culturali Vladimiro Placidi, nei giorni scorsi, ha contattato anche il ministro Lorenzo Ornaghi. Nessuna rassicurazione: Ci stato ribadito che i soldi non ci sono, dice l'assessore. Di questo passo rischiamo di perdere per sempre i nostri tesori. La situazione del centro storico, insomma, si aggravata ulteriormente.
COPERTURE A RISCHIO. Molte le coperture che non hanno retto al peso della neve, soprattutto nei palazzi gi provati dal sisma del 2009, mentre i puntellamenti stanno perdendo a mano a mano la loro efficacia. E la situazione potrebbe peggiorare nei prossimi giorni quando la coltre bianca si trasformer in ghiaccio e poi in acqua. Intanto, da venerd scorso interdetto l'accesso al centro storico e probabilmente lo sar ancora per diverso tempo, fin quando il Comune non potr monitorare la situazione.
VERIFICHE. Appena termineranno le precipitazioni faremo i controlli, spiega l'assessore Placidi. Poi chiederemo ai vigili del fuoco di intervenire nelle zone soggette a maggiore pericolo e solo in seguito potremo riaprire il centro alla popolazione. La straordinaria nevicata dei giorni scorsi, infatti, ha reso impossibili le verifiche.
L'ORDINANZA. Lo scorso 2 febbraio l'assessore ha disposto a nome del sindaco la chiusura al transito veicolare e pedonale sui seguenti assi stradali del centro storico cittadino: da piazza Battaglione Alpini a corso Federico II; da piazza San Bernardino ai Quattro cantoni; da piazza Regina Margherita a corso Vittorio Emanuele II. Il centro storico, in questi giorni, pericoloso, continua l'assessore. Nelle abitazioni inagibili, certo, la situazione peggiorata. Lasciare le strade e i vicoli aperti avrebbe rappresentato solo un rischio. L'iniziativa di escludere parti del centro dalla zona rossa stata dettata, a mio parere, pi da motivi emozionali che dalla razionalit, ma oggi la situazione va controllata. Una circostanza delicata, soprattutto dopo questi giorni di intemperie. I curiosi sono andati lo stesso a vedere il centro innevato, ma noi abbiamo fatto il possibile per evitare qualsiasi pericolo.
PUNTELLAMENTI. Nonostante la messa in sicurezza del centro terminata gi tempo, infatti, molti edifici hanno difficolt statiche. I puntellamenti tengono in piedi l'esistente, continua Placidi, ma non ci sono soldi per monitorarli. Per un periodo lo hanno fatto le imprese realizzatrici Poi, per, sono rimasti l senza controlli. Un problema da non sottovalutare, soprattutto in considerazione del fatto che la maggior parte dei puntellamenti (specie quelli di legno) hanno una durata prevista di massimo tre anni e sono stati realizzati da oltre due. Quelli di legno sono soggetti a modifiche anche per le sole escursioni termiche, spiega l'assessore. Le mantovane che servono a riparare dalla caduta dei materiali dall'alto adesso si sono riempite di neve. Ci vuole cautela.
I DANNI. II deterioramento del patrimonio giornaliero. Ci sono stati crolli di tetti anche prima di questa emergenza. Molti si reggevano appena, normale che sotto il peso della neve siano collassati, continua Placidi. Al palazzo del rettorato gi mancava met copertura, figuriamoci cosa pu essere accaduto adesso. Per i monumenti questi giorni sono stati drammatici. La neve entrata nel Duomo. La cupola e la calotta absidale della chiesa principale della citt forse non li vedremo pi. A Santa Maria Paganica il vento ha portato via un pezzo di copertura. Le chiese di San Biagio, dell'Addolorata, di San Francesco di Paola e di San Giuseppe dei Minimi sono a fortissimo rischio. La neve si scioglier tra un mese. Lentamente le infiltrazioni danneggeranno quello che era rimasto integro dal terremoto.
FINANZIAMENTI. E per questo motivo che l'assessore, qualche giorno fa, ha parlato con il ministro per i Beni culturali Ornaghi. Vorremmo un piano di finanziamenti a breve-lunga scadenza per i simboli della citt, dice Placidi Ma non stata fatta neanche una deroga per L'Aquila. Non sono previsti finanziamenti. Dobbiamo arrangiarci con i pochi fondi ordinari della direzione regionale. Rischiamo di perdere un patrimonio irripetibile.



news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news