LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cecchi, sottosegretario senza deleghe. Ma il vero ministro lui
di Malcom Pagani
"Il Fatto Quotidiano", 4 feb. 2012



Da Verdiglione a Veltroni, lascesa ai beni culturali





Titolo: I beni culturali. Autore il sottosegretario in tema del governo Monti, Cecchi Roberto. Editore, nel 2006 per la casa editrice Spirali, lamico Armando Verdiglione. Il filosofo accusato nel 1985 di bancarotta, tentata estorsione e circonvenzione dincapace per poi arrivare, 7 anni dopo, a patteggiare una condanna a 16 mesi.

Amante delle dimore di lusso, Verdiglione ospit Cecchi in occasione della presentazione del suo libro. Preconizzandogli con lungimiranza un futuro da ministro e ricoprendolo di elogi come in altre analoghe occasioni: Ho capito che su questa materia lunico che potesse fare il volume, assumere lesperienza dei beni culturali e stabilire elementi, ipotesi, direttive per quanto riguarda lavvenire in questo settore.

Cecchi, allora direttore generale per i beni architettonici e paesaggistici ringrazi e inizi a pensarci. Distraendosi. Nella cornice di Villa San Carlo Borromeo, dieci ettari a circondare una meraviglia del XIV secolo, tra quadri e arazzi e lampadari di Murano, Cecchi dimentic di accendere la luce sul fatto che la stessa fosse stata restaurata grazie ai fondi del Mibac.

Lattuale sottosegretario ai Beni Culturali del governo Monti si interess personalmente al caso, con una lettera del febbraio del 2006 inviata alla Direzione generale della Lombardia e alla societ che gestiva limmobile. Nella missiva, Cecchi non disperava sulla concessione di fondi utili alla causa nellottica delle risorse disponibili.

Anni dopo, mentre Verdiglione combatte a Milano per lemissione di fatture false per decine di milioni di euro in riferimento a lavori edili sovvenzionati con denaro pubblico, larchitetto Cecchi prosegue nel sentiero tracciato allora. Dopo aver deciso per il silenzio, laltero toscano a cui il ministro Ornaghi si rifiuta di concedere le deleghe, ha deciso di mettere il naso fuori dal guscio. I detrattori insinuano che non abbia lironia nel dna e alzi poco la voce, ma non si azzardano a dire che non sia loquace.

Sette, il magazine del Corriere della Sera lo ha lungo intervistato. Facendo le domande giuste sul caso Colosseo e ricevendo risposte, per cos dire, interlocutorie. Al centro di due delicate indagini (apertura di un fascicolo a Piazzale Clodio per la concessione dei lavori di restauro del monumento romano a Diego Della Valle e abuso dufficio per aver fatto togliere il vincolo a un prezioso mobile settecentesco in una complicata storia di imprudenze formali intricata come un romanzo) Cecchi non si piega.

Scrolla le spalle anche di fronte allinteresse della Corte dei Conti per lacquisto a oltre tre milioni di euro di un Cristo michelangiolesco di incerta attribuzione. Nellattesa, prova a togliersi dall angolo. Per farlo, ha sacrificato gli amici di un tempo. Dicono che Cristiano Brughitta, ex portavoce del sottosegretario ai Beni Culturali, ad esempio, non sia dellumore migliore. Dopo dieci anni di onorato servizio a casa Cecchi, stato messo alla porta per far spazio a Silvio Di Francia, ex assessore alla cultura di Veltroni al Campidoglio. La sensazione che la nomina di Di Francia non dispiacesse a Walter, pi di unimpressione.

Se chiedi delucidazioni a Di Francia, lui nega, con trasporto: Prendo 2.400 euro al mese, non rubo e non sono un addetto stampa. Offro una consulenza sulla comunicazione a un signore che credo non provenga dalla politica.


Licenziato il giorno di Natale, per Brughitta, il predecessore di Di Francia, solo qualche scatolone di ricordi e una stretta di mano perch per Cecchi, dietro la barba bianca, non pi tempo di sentimentalismi n di epifanie.

Luomo che doveva diventare ministro e si ritrov vice di un signore, Ornaghi, con cui ancora non passato al tu, deve accelerare. Uscire dal fortino del Collegio Romano. Far sapere che esiste, anche al di l di una proverbiale riservatezza. Il professor Cecchi, architetto, gode di disegni celesti, apprezza linstancabile lavorio dietro le quinte e conosce larte della mimsi. Ex comunista duro e puro a cavallo tra i 70 e gli 80, sodale del ministro Giuliano Urbani ai tempi del suo dicastero (sognava di diventare Capo dipartimento, ma la Corte dei Conti seppell lambizione con inusitata durezza) stella polare di Francesco Giro allepoca in cui il Pdl romano propugn e ottenne nel 2010 la sua nomina a Segretario Generale del Ministero. E oggi, con mirabile giravolta, dopo aver valutato il contesto, in scambio di amorosi sensi con il Pd suo principale sponsor nel governo Monti (in una buona e trasversale compagnia, dallarea montezemoliana al parere decisivo del professor Carandini, ottimo amico del presidente Napolitano), Cecchi mette nel mirino la tappa successiva. Lex presidente della scorsa edizione del Campiello, scrittore, anche un buon lettore. Arriva fino in fondo al libro. A patto di leggerlo prima degli altri.



news

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

16-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 agosto 2019

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news