LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Basta conflitti, salviamo le chiese
Riccardo Lattuada
IL MATTINO


L'INCENDIO di Sant'Agostino alla Zecca è solo la punta di un iceberg fatto di tanti episodi che punteggiano la quotidiana agonia dei monumenti italiani, non solo a Napoli. L'amaro paradosso è nel fatto che questa volta è in nome di una tradizione, quella dei falò in onore di Sant'Antonio Abate, che è stata distrutta la porta laterale di Sant'Agostino alla Zecca, cioè il pezzo di un'altra tradizione: quella delle vestigia monumentali della città.
Una tradizione contro l'altra, dunque: quella dei fuochi per il santo taumaturgo, guaritore della malattia della pelle per l'appunto detta «fuoco di Sant'Antonio», e quella dell'arte napoletana, che a Forcella ha subito tante di quelle spallate che ormai contarle è quasi impossibile. Sant'Agostino alla Zecca è un monumento sfortunato da oltre trent'anni. Conservo ancora quattro o cinque riggiole del pavimento settecentesco salvate da uno sfratto di demolizione durante uno dei tanti, incredibili «restauri» comminati alla chiesa dopo il terremoto del 1980.
Come è implicito in quanto ha dichiarato Giancarlo Alisio al «Mattino», lo sfascio del tessuto monumentale avviene anche per il braccio di ferro fra due istituzioni sorde ai cambiamenti della storia, che si fronteggiano a colpi di veti. Da un lato la superficialità con cui il mondo laico spesso pensa di usare monumenti che sono pur sempre la storia della devozione cattolica oltre che opere d'arte; dall'altro le istituzioni ecclesiastiche, che da decenni a Napoli preferiscono la devastazione dei monumenti piuttosto che una loro gestione posta anche solo in parte al di fuori della loro destinazione devozionale.
Non fanno notizia temi tecnici come il Concordato tra Stato e Chiesa sulla gestione
del patrimonio ecclesiastico, la politica di conservazione dei monumenti alle prese con i tagli al bilancio del Ministero per i Beni culturali, il passaggio della tutela dal governo centrale agli enti locali o la funzione sempre più vana delle già deboli e inefficienti Soprintendenze, che però erano l'unico presidio sul territorio e che ora sono in ginocchio. E molti deridono il fatto che le Soprintendenze debbano tutelare anche il patrimonio «Demoetnoantropologico», come si legge nella loro denominazione recente. Ma il tema dei fuochi di Sant'Antonio rientra in quest'ambito. In passato la festa era una realtà gestita insieme dal clero e dai poteri locali. Oggi è solo un'orgia di pulsioni incontrollate, i cui protagonisti non sanno più nemmeno perché stanno accendendo i fuochi, e vivono solo un momento di sordida liberazione distruttiva. Poi c'è un vuoto culturale propriamente napoletano. A Verona, la collaborazione tra Diocesi, volontariato e istituzioni civili ha portato da anni all'apertura e alla visita controllata delle più importanti chiese della città. Non viene meno la funzione devozionale dei monumenti, ma si aprono spazi - e anche ricavi - alla fruizione culturale dei monumenti religiosi. Quando, tutto ciò, a Napoli?



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news