LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Longo e Pajetta, due garibaldini agli Uffizi
Stefano Miliani
LUnit


La battaglia di ponte dell'Ammiraglio acquistata dal museo fiorentino. Nel quadro anche i volti dei due dirigenti del Pci
Guarda tu dove portano a volte i passaggi della Storia. Decenni fa lo avreste immaginato, un simile scavallamento? Da Botteghe Oscure agli Uffizi. Un dipinto che un trionfo di rossi, che emblema del realismo come lo desiderava il segretario del Pci Palmiro Togliatti nel dopoguerra, entrato nella collezione del museo fiorentino. Portando con s pure i volti di Luigi Longo e Giancarlo Pajetta. Su indicazione di Antonio Natali, responsabile del Rinascimento nonch della pittura contemporanea della Galleria, il consiglio d'amministrazione del Polo museale infatti ha acquisito poco tempo fa per 750 mila euro La battaglia di ponte dell'Ammiraglio di Renato Guttuso, rappresentazione imponente e monumentale delle camicie rosse (dalle tonalit un po' arancioni) spronate da Giuseppe Garibaldi che sopraffanno i soldati borbonici sulla via da Palermo a Messina: nella gestualit concitata, nello spirito indubbiamente retorico, nellinserire ritratti di dirigenti comunisti, secondo la critica il pittore si richiamava a Delacroix, alle battaglie di Fattori, al genere della pittura storica, eppure in quell'anno di esecuzione, il 1951, era evidente che Guttuso metteva anche altro sul piatto, anzi sulla tela di oltre tre metri per oltre cinque: rievocando una tappa del Risorgimento Guttuso da un lato aggiungeva un titolo al fronte del Realismo contrapposto agli artisti che, pi spesso proprio da sinistra, si opponevano a questo modello e guardavano all'astrattismo o all'espressionismo, dall'altro, suggerisce Natali, alludeva ai partigiani e alla Resistenza come valore fondante dell'Italia moderna. Il quadro, esposto alla Biennale di Venezia del '52, and al Partito comunista, poi a novembre la casa d'aste Farsetti lo ha messo in vendita e s' mossa la Galleria degli Uffizi. A scanso di mal di stomaco di una Destra al governo che vuoi far piazza pulita di qualsiasi cosa dissenta dalla propria ideologia in ogni campo del sapere e magari del piacere, l'acquisizione segue un Bianconero di Burri (opera astratta e, tanto per rammentarlo alla suddetta Destra, firmata da un magnifico artista nient'affatto di sinistra) e soprattutto si pone come seguito alla monumentale Battaglia di San Martino del '36 di Corrado Cagli donata al museo nell'83. Con il dipinto di Cagli, che guardava a Paolo Uccello, e ora quello di Guttuso - racconta Natali - intendiamo ricreare l'epopea risorgimentale raffigurata in due capisaldi dell'arte italiana del '900 che, anche per le loro dimensioni, trovano collocazione naturale in un museo. Dapprima Guttuso andr in una sala a pian terreno, a debita altezza dai pericoli di un'eventuale alluvione, poi nell'ex chiesa di San Pier Scheraggio, nel museo, dirimpetto a Cagli. Ma pi che Delacroix o Gericault, come s' fatto - commenta lo storico dell'arte - in questo Guttuso vedo una riflessione umanistica, filtrata, sul Rinascimento. Guardo i cavalli imbizzarriti e mi chiedo se pensare ai disegni per la Battaglia di Anghiari di Leonardo e alle copie di Rubens. Leonardo, Rubens... artisti che, si presume, neppure un don Baget Bozzo potrebbe definire comunisti.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news