LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palazzo Grassi, affare fatto
Enrico Tantucci
la Nuova Venezia

Patto Costa-Ds per un riequilibrio delle quote fra pubblico e privato. Alla Casinò Spa il 30%, un altro 20% a Marsilio, Elemond e Arteria

VENEZIA. Si avvia a conclusione l'affare Palazzo Grassi. Sarebbe ormai stato raggiunto un accordo fra il sindaco Paolo Costa e i vertici dei Ds per chiudere senza rotture la vicenda dell'acquisizione della maggioranza della proprietà del palazzo di San Samuele da parte della Casinò Spa. Il punto di incontro sarebbe il tetto fissato al 30 per cento - rispetto al 51 inizialmente previsto -della quota sottoscritta dalla Casinò Spa, con l'acquisizione del restante 20 per cento da parte di due o tre soci privati. I privati pronti a entrare sarebbero in primo luogo le case editrici Marsilio, Elemond e l'azienda di trasporti d'arte Arteria, disposta, attraverso il suo presidente Alvise di Canossa, a sottoscrivere circa il 10 per cento della società; ma anche l'altra casa editrice Skira mantiene qualche possibilità.

I privati pronti a entrare sarebbero in primo luogo le case editrici Marsilio, Elemond e l'azienda di trasporti d'arte Arteria, disposta, attraverso il suo presidente Alvise di Canossa, a sottoscrivere circa il 10 per cento della società, ma anche la casa editrice Skira — che è nell'orbita della Rcs come la Marsilio, e dunque alternativa alla casa editrice guidata da Cesare De Miche-lis — mantiene qualche possibilità. La scelta finale dei soci privati è stata comunque demandata dal Comune al presidente della Casinò spa Giorgio Piantini, a cui sono state «passate» le trattative già avviate. In questo modo l'esborso complessivo per la Casinò spa per l'acquisizione della società scenderebbe da 15 a circa 10 milioni di euro e questo sarebbe l'elemento su cui i Ds giocherebbero per giustificare anche il loro via libera alla conclusione dell'acquisizione fortemente voluta da Costa, ma che tanti dubbi aveva suscitato e sta suscitando in città rispetto al ruolo del Comune nella vicenda e ai possibili rischi economici connessi ai costi della futura gestione da parte del Casinò.
I soci privati a cui Comune e Casinò stanno per dare il via libera sono comunque tutti di carattere strumentale e hanno un interesse specifico ad associare il proprio nome a Palazzo Grassi, per la pubblicazione dei cataloghi d'arte legati alla nuova attività del centro espositivo o alla movimentazione delle opere. Resterebbero per ora all'uscio — a meno di sorprese dell'ultima ora — i possibili soci «forti» provenienti dal mondo bancario e industriale, tra cui ci sarebbero la Fondazione di Venezia, che ha manifestato nuovamente il suo interesse, Banca Intesa e alcune compagnie assicuratrici tra cui una straniera di rilievo e le stesse Generali. Ma per questi ci sarebbe posto nei successivi diciotto mesi, per acquisire le quote messe in vendita dalla Fiat, che per ora mantiene formalmente la sua partecipazione nella società al 49 per cento, ma con l'obiettivo di scendere rapidamente al 10 per cento. Su queste basi, il 25 gennaio, il Comune dovrebbe dare il via libera all'operazione di acquisizione, su cui pure restano molte perplessità — e anche all'interno dei Ds non tutti condividono il via libera all'acquisizione da parte del Casinò della maggioranza della società — che si estendono anche alla programmazione culturale.
Di certo c'è finora che il nuovo Palazzo Grassi avrà un direttore artistico che si chiama Jean-Jacques Aillagon, ex ministro della Cultura francese, oltre che già direttore del Beaubourg, che all'incarico tiene moltissimo e che per questo ha detto no all'offerta recente del presidente della Repubblica Jacques Chirac di andare a dirigere una rete televisiva pubblica. Che una serie di imprenditori, da Gucci al gruppo Pinault sono già pronti a sponsorizzare mostre d'arte contemporanea negli anni della Biennale. Che il nuovo Palazzo Grassi dovrà interagire con i musei del sistema museale veneziano — come ancora non si sa — e potrà «attingere» per le sue mostre alle loro opere, oltre che a quelle dei musei statali presenti in città. Sui programmi, però, per ora tutto si è limitato a una serie di titoli legati a mostre su civiltà (ad esempio il Cristianesimo e l'Isiam), all'idea di realizzarne altre su protagonisti dell'arte veneziana e all'annuncio di un uso polifunzionale del nuovo Palazzo Grassi, per tenerlo aperto tutto l'anno. Un po' poco, ancora, per delinearne un futuro promettente.



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news