LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Perch mi hanno cacciato. Intervista ad Adriano La Regina, rimosso da soprintendente archeologico di Roma
FRANCESCO ERBANI
La Repubblica, 17 gennaio 2005

Roma
Una settimana fa il ministro Giuliano Urbani aveva rassicurato. Professore non stia in ansia, risolveremo questa grana burocratica. Venerd sera, ore 19,46, le agenzie battevano poche righe: nuovo soprintendente archeologico di Roma diventa Angelo Bottino. . cos'i che al ministero per i Beni e le attivit culturali si sono liberati di Adriano La Regina, sessantasette anni, per ventisei custode del patrimonio di antichit della capitale, grande fama in Italia e all'estero, critico inflessibile del alvezzo di considerare un accessorio, peggio, un ingombro, la tutela delle bellezze artistiche e dei paesaggi che le contengono.
Hanno tentato spesso di farlo fuori. Ci prov l'allora sindaco Francesco Rutelli, al quale imped di costruire un sottopasso sul Lungotevere, davanti a Castel Sant'Angelo. Ma Walter Veltroni, che era ministro, lo difese. Urbani lo ha sopportato, facendo mostra di apprezzarlo, ma ingoiando amaro a ogni suo intervento contro le alienazioni di beni pubblici, contro lo smantellamento delle soprintendenze e contro le limitazioni all'autonomia di quella romana. In-somma contro i pilastri della politica ministeriale. E poi dava noia il martellante richiamo ai doveri dello Stato e di chi lo amministra di salvaguardare il patrimonio senza secondi fini, evitando le litanie e le retoriche privatistiche, di salvaguardarlo e basta, che poi i vantaggi, anche economici, sarebbero arrivati eccome se sarebbero arrivati.
domenica mattina, Adriano La Regina non pi soprintendente di Roma all'Istituto nazionale di Archeologia e Storia dell'Arte, di cui dal dicembre scorso presidente e che potrebbe rinnovare i suoi fasti diventando, oltre che serissimo organismo di studi, un presidio contro malversazioni e offese.
Depresso?
No. Se le dico che, personalmente, non mi fa n calde n freddo, lei mi crede?.
Ci provo.
Ero abituato a pensare che la mia testa un giorno o l'altre sarebbe saltata. E l'esperienza di sentirsi sempre in bilico fortifica.
Ma il modo in cui lhanno licenziata.
Be' quello indegno. Ma, prima di parlarle di questo, posso approfittare per fare gli auguri a chi mi succede?.
Faccia pure.
Bottini ha tutti i requisiti per poter compiere un ottimo lavoroformazione, risultati conseguiti, capacit scientfica. D'altro canto trova alla Soprintendenza di Roma un gruppo di funzionari di prima qualit e di impressionante dedizione.
Torniamo al suo allontanamento. Nell'agosto scorso lei sarebbe andato in pensione. Poi usc una legge.
S. Consentiva ai dipendenti pubblici di restare fino a settant'anni, qualora facessero domanda e qualora l'amministrazione fosse d'accordo.
Lei fece domanda. Il ministro cosa disse? Diede parere favorevole.
D'altronde per la sua permanenza si mobilitarono Italia Nostra e al tre associazioni, personalit della
cultura.
Bont loro. Nel frattempo ho firmato il contratto e tutto sembrava filare liscio.
Poi cosa successo?
A novembre stata diramata una circolare secondo la quale le amministrazioni che trattengono in servizio i pro-pri dirigenti non devono sforare il budget previsto. Ed e a questa norma che al ministero si sono attaccati per darmi il benservito.
Il suo stipendio era esorbitante rispetto al budget?
Non questo il punto. Tenga conto che nel frattempo il ministero ha assunto trentanove persone, parte delle quali dopo che avevo firmato il mio contratto.
Ma messi alla porta, oltre lei, sono il direttore della Biblioteca Estense di Modena, Ernesto Milano, e la direttrice degli Uffizi, Annamaria Petrioli Tofani, personalit di grande rilievo. A Milano lo hanno cacciato con una telefonata a mezzogiomo del 31 dicembre.
Il ministero insiste nel sostenere che si trattato di una misura imposta dai colleghi della Funzione pubblica. Invece stata una sclta.
Hanno subito pressioni? Questo non lo so. Ma forse c' qualcosa d peggio: il ministero ha speso tanti soldi per rinforzare i ruoli centrali, quelli amministrativi, a scapito di soprintendenze, archivi, biblioteche e musei.
Pi burocrazia e meno tutela?
E cos'altro se non questo? Si sono moltiplicate le cariche dirigenziali, con manifeste ricadute clientelali. Si ingrossata la testa del ministero inventando capi dipartimento e nuovi direttori generali e si indebolito l corpo, quello che esercita veramente la tutela, protegge il patrimonio, compie attivit di ricerca.' Questa una politica dissennata. Sono state create le direzioni regionali, ammettendo che le guidassero anche personale esterno oppure funzionari amministrativi e non solo architetti o archeologi o storici dell'arte. Si fatto un po' di
centralismo e un po' di federalismo.
Sono diventate direttori generali persone di trentun anni. In Emilia Romagna sono stati sostituiti tutti i soprintendenti storico-artistici con dei reggenti.
Il lavoro delle soprintendenze svilito. Le assunzioni di funzionari sono bloccate e il personale invecchiato. Inoltre si aggiungono complicazioni burocratiche fastidiosissime. Le procedure per mettere un vincolo sono diventate un groviglio ed evidente l'intento di vanificare le pur minime capacit degli uffici. Sa cos'ha detto il ministro?.
Ne ha dette tante. Sentiamo l'ultima.
Ha detto che il nuovo Codice "uccide alla radice il potere monocratco di quelle che talvolta erano vere e proprie sa-trapie, sostituendolo con decisioni prese in modo collegiale".
Il satrapo pi satrapo per lei, secondo l'opinione che circola al vertice del ministero. E' vero che si voleva colpire l'autonomia della Soprintendenza di Roma?
Mi pare indubbio. Questo ministro ha fatto macchina in-dietro rispetto alla sperimentazione inaugurata da Veltroni per noi e per Pompei, due realt che per evidenti motivi fuoriescono dal panorama generale.
Troppo energici nel contrastare abusi, manomissioni ed espansioni edilizie?
Fa parte, come si dice, delle regole del gioco. Cchi vuole trasformazioni e c' chi preposto alla tutela. Ma ora le regole mi sembrano saltate. Si punta a sopprimere i soprintendenti fastidiosi.
Lei ha osteggiato la politica delle alienazioni, la messa in vendita di pezzi del patrimonio pubblico. E' uno dei motivi per cui gliel'hanno fatta pagare?
Non saprei dirlo. In ogni caso il gioco perverso. Da una parte si vilipende il ruolo dello Stato e si cerca di ridurre l'interferenza che lo Stato esercita sul privato. Dall'altro si procede all' arrembaggio dei suoi pezzi migliori, cercando di accaparrarseli per farne fonte di profitto.
di questi giorni la notizia che si sta per mettere in vendita l'edificio del Poligrafico dello Stato, in piazza Verdi a Roma, e quello dell'Istituto geologico nazionale. Che ne stato della sua proposta di trasformare il primo in un museo di numismatica?
Non ne ho traccia. Leggo che al Poligrafico ci faranno un albergo e un centro commerciale, mentre non abbiamo dove sistemare l'enorme collezione di monete del re Vittorio Emanuele. Ma voglio tralasciare ci che pi mi sta a cuore: come si fa a non vedere che tante istituzioni pubbliche soffrono in spazi angusti -le universit, per esempio -mentre edifici pregiati, in luoghi di grande valorizzazione immobiliare, finiscono ai privati?.
Professore, lei ha fronteggiato piccoli e grandi speculatori, ha contrastato palazzinari, si opposto a chi voleva banchetti e festini aziendali nei musei. Ma poi si dovuto guardare anche dagli uomini che guidano il suo ministero.
S, senza alcun dubbio.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news