LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palermo. Tour tra rovine alla ricerca delle radici
la Repubblica, 16 gennaio 2005

L'isola dei tesori una mappa di preziose rovine, testimonianze del passaggio di pi popoli che hanno lasciato reperti, teatri, templi, brandelli di citt. L'archeologo Patrizio Pensabene, scopritore di un villaggio medievale a Piazza Armerina, in quest'intervista ci guida in un itinerario che da Selinunte e Segesta, passa da Mozia, Solunto, Morgantina, Siracusa, per arrivare a Taormina e a Tindari, alla scoperta delle radici pi antiche della Sicilia. Vale a dire, le tappe obbligate di ogni viaggio nell'isola.


FIN dalle origini la storia della Sicilia e della sua evoluzione urbanistica assai complessa. I due gruppi etnici indigeni, Elimi e Sicarii, insediati nelle aree interne, e i due popoli arrivati dall'esterno, punici e greci, alla ricerca di nuovi tenitori e sbocchi commerciali, hanno dato vita a una serie di sommovimenti che hanno impresso cambiamenti spesso frenetici. Amicizie, inimicizie, guerre, invasioni, distruzioni, ricostruzioni, in un continuum quasi senza tregua, che ha finito con il sovrapporre tante Sicilie una sull'altra.
L'archeologo Patrizio Pensabene, docente dell'Universit La Sapienza di Roma, che recentemente ha scoperto un villaggio normanno-medievale a cinquanta metri della Villa romana del Casale a Piazza Armerina, ci fa da guida in un tour archeologico alla ricerca delle nostre radici.
La Sicilia si pu suddividere in tre aree ben distinte, ognuna delle quali ha avuto uno sviluppo diverso dalle altre: occidentale, centro-meridionale e orientale. Nella prima c' da vedere
la citt greca per eccellenza, l'unica in questa parte dell'Isola rimasta a diretto contatto con il potere punico: Selinunte, distrutta nel V secolo avanti Cristo dalla grande antagonista di Segesta con l'aiuto dei cartaginesi. Oltre alla collina dei templi, patrimonio mondiale dell'umanit, c' un pregevole santuario dedicato alle divinit orientali della tradizione punica, realizzato dai fenici.

I reperti degli elimi, padroni di questa parte dell'Isola dove si possono vedere?
A Entella, sul Monte Jato, dove attualmente sono in corso importanti scavi, e a Segesta. Questo territorio nel periodo normanno stato occupato dagli arabi cacciati da Palermo. Infatti, proprio a Segesta, si pu ammirare l'unica moschea del periodo normanno scoperta finora. A caratterizzare la Sicilia occidentale sono per le reminiscenze puniche. Dove si trovano?

A Mozia, dove recentemente grazie alla traduzione delle poesie di Pindaro si potuta attribuire un'identit alla statua di auriga rinvenuta tempo fa da Gioacchino Falsone: si tratterebbe, infatti, di un famoso conducente del carro dei tiranni di Agrigento durante i giochi di Olimpia e di Delf. A Palermo nella caserma dei carabinieri di corso Calatafimi, dove stata scoperta una necropoli punica e tanti vasi di grande interesse artistico, che per non ancora aperta al pubblico. E poi al museo archeologico di Palermo e a Solunto, una intera citt punica, che si presenta nella forma assunta dopo la conquista romana, a meno di venti chilometri da Palermo. Sempre nella costa occidentale, tra Cefal e Sunto Stefano di Camastra, c' anche Alesa, una citt indigena, poco conosciuta.

Nella parte centro meridionale da dove cominciamo?
Da Piazza Armerina ovviamente. Oltre alla celebre Villa romana del Casale si pu ammirare il villaggio medievale, d'et normanna, scoperto l'estate scorsa dalla mia quipe in collaborazione con la Sovrintendenza ai Beni culturali di Enna. Un centro molto esteso che forse era la vecchia Piazza Armerina distrutta nel XII secolo da re Guglielmo. Si pu proseguire nelle colonie greche: la Valle dei templi di Agrigento e Gela, dove c' un pregevole museo. A Enna si pu visitare la montagna groviera dedicata alla dea Demetra. Senza dimenticare di fare tappa a Montagna di Marzo, dove stato rinvenuto un centro indigeno ellenizzato e a Morgantina, citt conquistata prima dai greci, poi dai romani dopo infinite peripezie.

Ed eccoci nel versante orientale dell'Isola
Dove spicca la grande capitale dell'et greca, Siracusa. I templi, l'anfiteatro, le catacombe, il ginnasio romano e il museo Paolo Orsi, meritano pi giorni di attenzione. Il museo, in gran parte dedicato al periodo di formazione della civilt greca in Sicilia, curiosamente meno ricco di reperti sulle epoche bizantine e romane, che pure da queste parti hanno avuto grande importanza. Nella zona meritano una puntata anche le tombe bizantine scavate nelle pietre di Pantalica e a Palazzolo Acreide il santuario nella roccia in memoria della dea Cibele e il teatro greco.
A Catania?
Il teatro romano nel cuore della citt e il museo a Castello Ursino sono davvero di primaria importanza. Peccato che il museo attualmente sia chiuso. Ultima tappa? Il Messinese. A Taormina, oltre al famoso teatro greco-romano, si pu ammirare il poco conosciuto ginnasio Ninfeo. Il sito archeologico di Taormina il pi visitato in Sicilia insieme a quelli di Segesta e di Selinunte. Anche Messina con il suo museo merita una- sosta. Fine del viaggio al teatro romano di Tindari, da dove si pu ammirare lo spettacolo mozzafiato delle isole Eolie.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news