LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Nuove voragini sul Palatino
Paolo Brogi
Corriere della Sera, 17 gennaio 2005

Rischio crolli per il Palatino, il colle su cui nata e cresciuta la civilt romana, le prime capanne e via via santua-ri, templi, ville della repubblica e poi grandi costruzioni imperiali. La collina di tufo purtroppo ricca di cave, anfratti, crepe. L'ultima conferma viene dalla scoperta inquietante, appena registrata sul fronte delle costruzioni del Velabro, sulla fiancata ovest: una caverna incombe paurosamente proprio sotto gli orti farnesiani. Laggi c' la parte pi antica di Roma che potrebbe sgretolarsi da un momento all'altro. Il Palatino ferito attende di essere messo in sicurezza, ma i fondi scarseggiano. Adriano La Regina aveva calcolato che servivano 100 milioni di euro per gli interventi: un mese fa dal ministero dei Beni Culturali sono stati assegnati, per, al Palatino solo 5 milioni e mezzo.

Crepe e fessure nel terreno tufaceo. Dai Beni culturali solo 5 milioni per gli interventi, mentre ne servirebbero cento
Palatino, pochi fondi e troppe impalcature
Scoperta una caverna sul fronte del Velabro: aumenta il rschio crolli della Domus liberiana
Nuova voragine incombe paurosamente proprio sotto gli Orti Farnesiani
Secondo gli esperti della sovrintendenza la collina una sorta di groviera
II problema inizia subito dopo un vecchio cancello chiuso con un lucchetto che fatica un po' ad aprirsi e chiudersi. I visitatori che si affollano sotto l'Arco di Tito e che salgono pigramente nella parte aperta al pubblico del Palatino si chiedono cosa ci sia oltre. Guardano quel baso-lato che scende verso il basso e che si chiama Clivo della Vittoria. E oltre in-travedono quelle grandi arcate che svettano verso l'alto, disegnando sfondi alla Piranesi.
la Domus Tiberiana, il posto dove si respira ancora l'odore di complotti e lame affilate con cui si ammazzavano imperatori come Caligola.
Laggi c' la parte pi antica di Roma che crolla. il Palatino ferito che attende di essere messo in sicurezza. Il colle su cui nata e cresciuta la civilt romana, le prime capanne e via via santuari, templi, ville della repubblica e poi grandi costruzioni imperiali, questo colle sta male. E sta sempre peggio da oltre vent'anni. L'emergenza fatta di scoperte inquietanti, come quella appena registrata da pochi mesi sul fronte delle costruzioni del Velabro, la fiancata ovest: una caverna che in-combe paurosamente proprio sotto gli Orti Farnesiani.
Si scende a vederla. Ma prima di arrivare laggi, dove il tufo diventa pi poroso e precario, non si possono ignorare le crepe che trafiggono le arcate affacciate sui Fori. Le profonde crepe della Domus vengono annunciate dai sassi e dalle breccole, come i romani chiamano queste pietre irregolari, venute gi dall'alto.
Lo sguardo corre verso sinistra, quasi per trovare conforto di fronte alle parti ferite che a destra affacciano verso il Foro, sopra la Via Nova. Si aprono improvvisi varchi, salgono gli archi di laterizi e pietra verso l'alto, appare di colpo una scalinata fantastica che integra da duemila anni, i gradini usati dai centurioni di guardia agli imperatori e dai congiurati. Pi avanti ecco il fantastico ponticello di Caligola, che mostra ancora gli stucchi origina-ri: una passerella aerea che s'incunea di traverso in scenari profondi in laterizio che s'infossano nelle viscere del colle.
La Domus Tiberiana enorme e fragile. Sotto le alte volte ci sono i mosaici. Ma anche innumerevoli anfratti e caverne, grotte e grotticelle che si sono accumulati in un territorio scosceso. Sopra, nel '500, stato fatto un giardino, l'orto farnesiano, che contribuisce con le radici dei suoi grandi alberi a rendere il tutto pi instabile. Ogni imperatore qua ha fatto avanzare in avanti il tutto, sempre pi in l, fin sopra la Via Nova, a strapiombo: Nero-ne, Domiziano, Adriano, Tiberio...
La caverna stata scoperta dal cantiere che stato aperto sul fronte del Velabro. Ci sono i ponteggi, non c' traccia di operai. Negli ultimi 20 anni la Sovrintendenza archeologica di Roma ha effettuato alcuni interventi: gli ultimi sono stati fatti da poco con soldi del Giubileo e poi nel 2003 con fondi del Piano nazionale dell'archeologia. Ma cos sono stati messi a nudo problemi ancora pi grossi, come questa caverna che si mostra in tutta la sua vuotezza: troppi metri cubi di nulla rischiano di far precipitare la Domus da un momento all'altro.
La collina tutta fessurata e piena di caverne. E' una sorta di grovie-ra, commenta sconsolata Maria Grazia Filetici
della Sovrintendenza. La caverna stata vista recentemente dal direttore del ministero Giuseppe Proietti. Ne usc piuttosto impressionato. Un mese fa il ministero ha ripartito i fondi arrivati dal Lotto: al Palatino sono stati destinati 5 milioni e mezzo di euro. La gara
d'appalto per non stata ancora avviata. E le breccole continuano a cadere. E poi, secondo il conteggio fatto a suo tempo da Adriano La Regina, quando ancora i conti si facevano in lire, al Palatino occorrerebbero almeno 200 miliardi. In-somma, cento milioni di euro. Come eredit per il suo successore, il neo sovrintendente Angelo Bottini, non c' male.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news