LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Patrimonio SpA: Tremonti apre i saldi
Giuseppe Chiarante
L'Unit, 7/3/2003

Quando nell'estate scorsa Silvio Berlusconi rispose con espressioni tranquillizzanti alla lettera del presidente Ciampi che esprimeva allarmate preoccupazioni per le gravi conseguenze che l'istituzione dell'ormai famosa Patrimonio SpA poteva determinare per il patrimonio storico e artistico del Paese, vi fu chi continu a dubitare delle generiche assicurazioni del presidente del Consiglio: ma ritenne che si dovesse dare fiducia alle ripetute prese di posizione del ministro Urbani - un uomo serio, si diceva, al quale non si pu non credere - che tendevano non solo a minimizzare le ragioni di allarme, ma a garantire che si sarebbe fatta buona guardia per escludere in ogni caso avventate alienazioni. Faceva infatti notare Urbani che la stessa legge istitutiva della Patrimonio SpA prevedeva che il ministro dell'Economia dovesse, prima di operare un trasferimento a favore di tale societ, consultare il suo collega per i Beni e le Attivit culturali nel caso che si trattasse di beni di particolare valore artistico e storico. Come si poteva pensare, dunque, che proprio il ministro incaricato di tutelare il patrimonio storico-artistico potesse, al contrario, consentire l'alienazione di parte di qualche importanza di tale patrimonio? Anche giuristi, che in un primo momento avevano manifestato i loro timori sembrarono arrendersi di fronte a questa argomentazione. O, perlomeno, sembrarono dare affidamento a tali promesse.
Appena giunti, invece, alla fase operativa, i fatti hanno subito chiarito che l'allarme era tutt'altro che infondato. In pratica, infatti, non passa settimana senza che i giornali pubblichino documentati articoli (l'altro ieri quello di Salvatore Settis su Repubblica e quello di Maria Serena Palieri su questo giornale) sulla vendita ormai effettuata di numerosi immobili di propriet dello Stato o di enti pubblici fra i quali molti edifci di indubbio interesse culturale. Come pu questo accadere, nonostante le assicurazioni di Urbani e dei suoi colleghi? Come viene aggirata la garanzia contenuta nella legge e sulla quale aveva tanto insistito il ministro?
In realt, nel complesso di disposizioni legislative varate dall'autunno 2001 che sta la spiegazione (gi nell'estate scorso fummo in molti a notarlo) di ci che sta oggi accadendo. Innanzitutto, chi che giudica quando un bene di particolare
valore storico e artistico? Soprattutto, quale criterio oggettivo per esprimere tale giudizio ha il ministro dell'Economia, che solo nel caso di beni dotati di tale valore tenuto a richiedere l'intesa di quello per i Beni culturali? Evidentemente l'unico criterio al quale gli uffici del Tesoro (che non hanno il dovere di essere esperti di arte e di storia) possono attenersi il vincolo: ossia il fatto che un bene sia stato dichiarato di interesse culturale. Ma qui si apre una vera voragine perch, notoriamente, gli immobili di propriet dello Stato e anche degli enti territoriali quasi sempre non sono vincolati in quanto considerati - tanto pi se di et superiore ai 50 anni - per definizione inalienabili.

Per disciplinare questa situazione, dopo che in sede di legge finanziaria un voto approvato con una "maggioranza trasversale aveva genericamente dichiarato vendibili tutti i beni di propriet pubblica, nel 2000 era stato opportunamente varato il decreto 283 che il si era proposto di stabilire una procedura ben definita, la quale prevedeva un'istruttoria e un giudizio in tempi certi delle soprintendenze per distinguere i beni alienabili da quelli non alienabili in quanto di interesse culturale (o alienabili, in quest'ultimo caso, solo in situazioni di degrado e con vincolanti garanzie di recupero e di possibile godimento pubblico). Ma a questo decreto la maggioranza ha rifiutato di fare riferimento nell'istituire la Patrimonio SpA: e sia per l'accelerazione delle procedure e l'abrogazione dei vincoli decisa con la legge 410 del 23 novembre 2001, sia - come giustamente ha rilevato Salvatore Settis - con l'inaudita figura giuridica della dismissione urgente inventata col decreto legge 282 del 24 dicembre scorso, nulla pi facile che anche beni di particolare valore artistico, nella fretta con cui Tremonti sta procedendo per turare qualche buco del bilancio, entrino nel pacchetto dei beni da alienare o da sottoporre a cartolarizzazione.

Ma c', forse, di pi e di peggio. La 410 (la legge madre di quella che ha istituito la Patrimonio SpA) ha partorito anche altri mostri: come la Societ Cartolarizzazione Immobili Pubblici (la cosiddetta Scip), la quale gi prima di febbraio - quando il fatto stato denunciato, sul Giornale dell'Arte da Gaetano Palumbo del World Monument Fund - a porre in vendita 259 immobili, di cui 35 vincolati. Si poi aggiunta la cessione alla Fintecno di un blocco di edifici dell'Ente Tabacchi: ed ora la vendita alla Carlyle di palazzi e ville storiche e monumentali, in un'asta svoltasi il 25 febbraio. Ma c' un ulteriore aspetto (forse il pi assurdo) da sottolineare. Fra i beni venduti vi sono immobili gi adibiti, o che si intendeva adibire, a importanti funzioni pubbliche di carattere culturale: come la monumentale Manifattura Tabacchi di Firenze, che - ci dice Settis - era stata vincolata dal ministero e destinata a cittadella della cultura; o quella di Milano, che avrebbe dovuto ospitare la Scuola nazionale di cinema; o un palazzo di via Balbi a Genova, su cui si puntava per ampliare la Biblioteca regionale ligure; o, a Bari, la sede dell'Archivio di Stato. In forse sarebbe anche la sorte dell'Archivio di Stato di Mantova, situato in un palazzo del '600-700 nel centro della citt, gi sede della Scuola dei gesuiti, rimodernata all'interno con forti spese negli ultimi anni per adeguarlo alle funzioni archivistiche.
Dove conducono operazioni di questo tipo? Il risultato evidente. Servono a ridurre (oltretutto in percentuale molto modesta) il deficit pubblico immediato: ma - poich si tratta di funzioni alle quali si dovr trovare nuove sedi - aumentano gli impegni per il futuro o per acquisti o per affitti, magari prendendo in affitto proprio l'edificio che si e venduto. Il tutto nel massimo dispregio del patrimonio culturale.
Che dire dei ministri che conducono operazioni di questo genere? Penso che Tremoliti vada fiero di questi miracoli di finanza creativa. Ma che un ministro dei Beni culturali dia il suo consenso a questa politica un fatto che supera ogni immaginazione.



news

15-01-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 gennaio 2019

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

Archivio news