LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. «II disagio generale dei Beni culturali»
Alessandro Rubenni
Unità, Roma 16 gennaio 2005

«Adriano La Regina lo conobbi sul finire degli anni '60, in Molise, quando si occupava di italici. Lue era un funzionario e io non ancora». I ricordi scorrono veloci, mentre Angelo Bottini, milanese di nascita e fino a venerdì sera Soprintendente archeologico della Toscana, si prepara in fretta per venire a Roma, catapultato in quattro e quattr'otto al vertice della Soprintendenza Archeologica più importante del mondo, al posto di La Regina.

Professore, con la sua nomina si chiude una vicenda nata da un pasticcio amministrativo che ha suscitato molte polemiche. Lei cosa ne pensa?

Sicuramente è una conseguenza imprevista. Si è cercato di ottenere un risultato senza una valutazione completa degli aspetti economici, lo ho l'impressione che l'amministrazione dei Beni Culturali sia stata colta di sorpresa e questo ha determinato la rottura dì un progetto che era diverso. E su tutto ciò non esprimo giudìzi. Di certo si legge un disagio generale.

Quando entrerà effettivamente nei suoi nuovi uffici?

Conto di essere a Roma dalla metà della prossima settimana. Avrò bisogno di qualche giorno, per chiudere la gestione della Soprintendenza Archeologica della Toscana, i tempi tecnici minimi per predisporre un ordinato passaggio dì consegne. La decisione è stata improvvisa, soltanto il 30 dicembre avevo firmato il rinnovo come Soprintendente archeologico della Toscana per il biennio a venire. Fino a giovedì pomeriggio non avrei mai immaginato di venire a Roma. Questo è un Paese complicato, pieno di sorprese.

Qui a Roma lei sarà a capo di una soprintendenza speciale, ha già un'idea di cosa la aspetta?
Il mio arrivo non coinciderà con l'operatività immediata. Per questo a chi mi chiede notizie su temi specifici non posso rispondere. Per ora non ho alcun programma se non quello di prendere atto della situazione. Gli uffici riprenderanno il loro funzionamento in pochi giorni, ma la piena consapevolezza di una, realtà nuova si raggiunge dopo un lasso di tempo più lungo. È come un'auto in corsa: si afferra il volante e solo dopo sì decide la direzione da prendere. Ci sono progetti già impostati dal mio predecessore, che motivatamente sì aspetta che vadano avanti. Ma in generale è un momento un po' di emergenza, perché questa sostituzione non era preventivata.
Non la preoccupa un po' prendere il posto di un personaggio come Adriano La Regina, che ha segnato così profondamente la storia di questa città con le sue inflessibili battaglie per la tutela?

E innegabilmente una sfida molto alta per chi lo succede. Ma è una sfida che stimola a non far perdere all'archeologia la centralità che Adriano La Regna ha saputo conferire a Roma.
Non posso però nascondere il senso di soddisfazione che si prova con un riconoscimento di questo genere, a cui si aggiunge la preoccupazione e la consapevolezza di inserirsi in una situazione che il collega stava conducendo in una certa direzione e che si è interrotta. È chiaro che per un certo periodo di tempo Adriano La Regina costituirà un costante elemento di raffronto, ma spero nell'appoggio di tutti, amministrazione, funzionari e tecnici, che sono il fulcro delle nostre strutture. L'importante poi è tenere alto il livello delle cose che si fanno. A Roma il grande tema è l'integrità del patrimonio archeologico, inevitabilmente intrecciato con la forma e lo sviluppo di una città viva. Lei come si pone di fronte a una questione così complessa? Anche se in piccolo, la loggia di Isozaki a Firenze, doveva essere il segno della modernità, interrotto per la presenza di reperti nel sottosuolo...



news

22-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news