LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Scacco Matto ai tombaroli
DANILO MAESTOSI
Il Messaggero, 15 gennaio 2005

IMPETTITI nelle loro divise quattro carabinieri fanno da sentinella a due banconi carichi di cimeli, che tappezzano il salone conferenze del museo etrusco di Valle Giulia. Mai visto un campionario di vasellame antico cos ricco e prezioso: un catalogo di storia della ceramica mediterranea dallet del bronzo allavvento di Roma che potrebbe alimentare una dozzina di musei, gongola la soprintendente dellEtruria meridionale Anna Moretti, nominata custode di questi duecento capolavori e di altri duemila pezzi di inestimabile valore, stipati provvisoriamente in altri due depositi.
E il bottino archeologico rastrellato dal nucleo per la tutela artistica in una serie di indagini che coprono lanno appena trascorso. Il recupero pi importante? Sicuramente quello di un nuovo frammento di un vaso a figure rosse sfornato nel quinto secolo a.C. dalla bottega di Eufronio, il pi illustre ceramista dellepoca, e firmato dal suo allievo Onesimo. Un vaso che il Paul Getty Museum dopo un lungo calvario di rogatorie e denunce ci ha restituito alla fine degli anni 90 spiega il generale Ugo Zottin, indicando un lacerto slabbrato e dipinto sui due lati, su cui si intravedono i piedi e la tunica della Dea Atena. Un tassello che si salda alla perfezione con gli altri ricomposti dai restauratori, che evocano squarci della mitica guerra di Troia. Trovato in mano a un giostraro, un ex zingaro che ha messo casa a Cerveteri - racconta il colonnello Fernando Musella - Probabile che labbia a sua volta rubato ad un collezionista privato, che s ben guardato dal denunciarne la scomparsa, perch nel giro i frammenti di quel vaso sono diventati tab. Cercava di venderlo. Un errore che ha fatto scattare lallarme.
Le preferenze della soprintendente Moretti vanno invece ad una coppa scheggiata in frammenti pi numerosi e leggibili, saltata fuori da unaltra perquisizione Opera di Eufronio anche questa. Importantissima, perch raffigura, in scala ridotta, le stesse scene del mito di Sarpedonte, un eroe del ciclo omerico, raffigurate in un celebre vaso, firmato Eufronio, del Metropolitan di New York. Una prova in pi per ottenerne la restituzione, per cui ci battiamo da decenni.
Sono materiali che facevano parte di corredi funebri. Provengono da sepolcri saccheggiati chiss quando, chiss dove e da chi. Se ne pu indicare approssimativamente il luogo: Etruria, Puglia, Campania, Basilicata. Impossibile ormai ricostruirne la provenienza, la storia, le storie che avrebbero potuto raccontare. Le informazioni che avrebbero potuto fornire. Un monumento agli scempi provocati dagli scavi avidi e frettolosi dei tombaroli.
Un saccheggio e un mercato clandestino a cui i carabinieri hanno inferto - si appreso ieri - il pi grosso colpo mai registrato nellestenuante battaglia per debellare questa piaga. La confisca di oltre duemila reperti antichi, i pi preziosi tra quelli ieri in mostra a Valle Giulia, gi venduti a vari musei o case dasta straniere o in procinto di essere dispersi allincanto. E la condanna del mercante che teneva i fili di questo commercio a dieci anni di galera e a un pesante risarcimento danni allo Stato: dieci milioni di euro. La sentenza di primo grado, emessa dopo rito abbreviato nel dicembre scorso, duna durezza esemplare. A scontarne sin dora le conseguenze, con un sequestro cautelativo che gli ha tolto il possesso di una rombante Maserati, di una lussuosa villa con campi da tennis e piscina alla periferia di S.Marinella, e persino, a garantire la penale, di una serie di pezzi, sfuggiti alle accuse di ricettazione, un personaggio notissimo nellambiente dei tombaroli. Giacomo Medici, 65 anni, modi spicci da romano doc, stemperati da una conoscenza dellarcheologia etrusca da vero intenditore. Professione ufficiale? Antiquario, ha sempre risposto lui, raccontando di aver appreso il mestiere dal padre bancarellaro a Fontanella Borghese, prima di mettersi in proprio, tra i tanti negozi anche uno in via Del Babuino. Lasciandosi alle spalle la puzza di piscio dellorinatoio sotto casa, in piazza del Paradiso, un marchio di miseria da cui sono riuscito a liberarmi facendo fortuna.
Nel campo sono il numero uno. E non solo in Italia, si vantava quando ci venne a trovare nel 1999, protagonista di un clamoroso recupero, la riconsegna di tre frammenti del vaso di Eufronio appena tornato in Italia dal Getty museum. Merito mio che ho scovato e convinto a mollare i reperti un collezionista canadese che li aveva acquistati, aggiunse, senza spiegare come aveva avuto la dritta, sgranando come benemerenze la partecipazione al ritrovamento di altra refurtiva. Parlava come un benefattore, in realt come altri trafficanti presi nella rete, era una sorta di ostaggio costretto a collaborare per cavarsi dimpiccio. Una sorta di pentito. Ma lui si ribellava alla definizione: non sono mica un infame. Mica ho fatto nomi. Mica ho tradito nessuno. I carabinieri avevano appena scovato e sequestrato la camera dei suoi tesori. Un padiglione nel porto franco di Ginevra, stivato di vasellame e sculture antiche dautore, tutti o quasi pezzi trafugati da scavi clandestini. Gli investigatori arrivarono in Svizzera ripercorrendo a ritroso le tracce di 8 cimeli della Puglia, bloccati alla casa daste Sothebys. Poi li aiut un colpo di fortuna: un maresciallo varc la porta del magazzino incuriosito dal fascinoso ondeggiare danche duna cliente in minigonna. Chi gestiva quella miniera di gioielli pronti allesportazione? Giacomo Medici ovviamente, tira le somme il capitano Massimiliano Quagliarella. Era il 1995, ci sono voluti quasi dieci anni per recuperare il maltolto e provare che i titoli esibiti per giustificarne il possesso erano fasulli o mancanti. E chiss quanto ci vorr per inchiodare con una condanna, il presunto complice americano di Medici, un antiquario ottantenne, denunciato e in attesa di giudizio. Un decennio in cui il saccheggio dei tombaroli purtroppo continuato, ammette la soprintendente Moretti. Ma pi sporadico - spiega il colonnello Musella - con sempre maggiori difficolt a individuare tombe - da depredare, per via delle sistematiche perlustrazioni aeree con cui monitoriamo le campagne laziali, e a trovare sbocchi sul mercato del collezionismo, che per sfuggire alla nostra morsa, si indizzato verso altre fonti meno difese. Quali? Gli oggetti darte delle chiese, tallone dachille della rete italiana, 1179 furti nel 2004. E altri siti archeologici stranieri. Come la Cambogia, o il Per da cui viene la rarissima maschera preincaica, trovata a Torno, che sar messa in mostra il 20 gennaio al Quirinale. O lIraq in guerra, dove, muovendoci dalla base della nostra missione a Nassyria, abbiamo recuperato 1579 cimeli babilonesi, trafugati da aree e monumenti in abbandono.







news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news