LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Topi e abusivi nel monumento nazionale, la scuderia De Montel
Libero, 15 gennaio 2005

Lo scorso luglio il ministero dei Beni Culturali ha proclamato la scuderia De Montel monumento nazionale. E' difficile per pensare che dietro le transenne poste dal Comune in via Fetonte, a due passi dall'ippodromo del galoppo, ci possa essere qualcosa di valore artistico: quella che un tempo era una elegante scuderia e diventata una struttura abbandonata, sporca e fatiscente.
Ovunque sono ammassate immondizie e i topi circola -no in totale libert. Il posto insomma impraticabile tranne che per un gruppo di extracomunitari che l'ha eletto come dimora: nonostante la pericolosit, come dimostrano i puntelli che tengono in piedi le facciate, continuano ad abitare ambienti del tutto invivibili. Tre anni fa Libero denunci lo stato di abbandono in cui versava la De Montel. Da allora cambiato ben poco: sono stati elaborati diversi
progetti che per sono restati sulla carta. A rendere pi lungo l'eventuale recupero di complesso si aggiunge ora la crisi al Comune con le dimissioni dell'assessore al demanio Giancarlo Pagliarini e l'attribuzione delle sue competenze al collega Talamona che sinora non si e mai occupato di beni demaniali.
Per quanto possa apparire paradossale, la decisione del ministro Urbani di decretare monumento nazionale la De Montel non agevola la soluzione di questa vicenda. Il complesso, vasto circa 3 mila metri quadri, gi soggetto ai vincoli del piano regolatore, che prevede la destinazione d'uso per lo sport, e del Parco Agricolo Sud Milano. In sostanza non solo non si pu edificare ma bisogna pure rispettare la conformazione degli edifici ( o di quello che ne resta) e del Verde. Una prospettiva che ha fatto scappare i pochi imprenditori che sinora hanno mostrato interesse: via Fetonte, essendo demanio del Comune, deve essere un luogo aperto al pubblico e non pu diventare riservata ai soci di un club.
Chi in questi anni non si mai rassegnato di fronte al declino e l'Associazione Gruppo Verde San Siro che ha creato anche il sito www.demontel.org. Afferma il vicepresidente Silvana Gabusi: Assieme al quarto anello dello stadio "Meazza" il recupero della De Montel pu essere un fattore di rilancio del quartiere. E' necessario l'intervento dei privati ma dev'essere chiaro che la funzione dev'essere pubblica; abbiamo preparato alami studi, con l'ausilio di tecnici, che ci dicono che questo percorso possibile. Da Palazzo Marino aspettiamo che venga presentato un bando gi annunciato dopo l'estate scorsa. Secondo l'architetto Livio De Carlo, che collabora con il Gruppo Verde, la scuderia recuperabile con costi minimi di 3 milioni di euro, anche se ogni giorno perso un passo avanti verso la completa distruzione.
Diverse sono le ipotesi sul futuro. L'imprenditore Emanuele Sammut, assieme ad un gruppo di lavoro, ne ha presentate tre: Pensiamo ad un edificio articolato in cui in cui si sia spazio per
e il verde. Poi c' il biohotel, un fenomeno assai diffuso all'estero ma quasi sconosciuto in Italia: si tratta di un albergo con un offerta biologica per i clienti. Infine c' la didattica ambientale in cui coinvolgere i pi piccoli. Queste tre attivit possono coesistere e, secondo i nostri calcoli, sono in grado di automantenersi.
C' infine un'altra possibilit. Da tempo la Fondazione Don Gnocchi, che si trova a poche centinaia di metri dalla scuderia, chiede la Cascina Linterno per farne un centro di ippoterapia in Via Fetonte potrebbe essere un alternativa.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news