LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SARDEGNA - E Matteoli cancella il parco - Il ministro annuncia: toglier i vincoli del Gennargentu
Giuseppe Farris
Il Manifesto, 13/ 01/ 2005


NUORO
De profundis per il parco nazionale del Gennargentu. Altero Matteoli ieri ha annunciato che il governo canceller il decreto legge istitutivo dell'area protetta, nata quando il dicastero all'Ambiente era coperto dal verde Edo Ronchi. Il ministro ha reso nota la decisione dell'esecutivo ieri mattina, dopo un incontro, a Roma, con in sindaci di centrodestra dei comuni compresi nell'area del parco. Avrebbero dovuto esserci anche i sindaci di centrosinistra, ma hanno annullato le prenotazioni dei voli per la capitale quando il ministro ha fatto sapere che Renato Soru, il presidente della giunta regionale sarda che doveva partecipare al summit, non era ospite gradito. Soru ha spedito una lettera di protesta al sottosegretario alla presidenza del consiglio, Gianni Letta. Quello di Matteoli un comportamento, ha dichiarato, che non tiene nel dovuto conto il rispetto dei ruoli reciproci. Credo che, pi che con il parco, quest'atteggiamento abbia a che fare con la campagna elettorale. E' un metodo che non pu essere tollerato. Solo nella tarda serata di ieri Matteoli ha fatto sapere che incontrer Soru mercoled della prossima settimana. Evidente l'intenzione di attribuire il merito della cancellazione del parco, e dei vincoli che questo comporta, esclusivamente ai sindaci e non a Soru, considerato e trattato da un ministro della repubblica pi come avversario politico che come titolare di una carica istituzionale.

Sul parco la polemica rovente da diversi giorni in Sardegna. Il centrodestra, a Roma come a Cagliari e in Barbagia, sempre stato contrario all'istituzione dell'area protetta. Ma anche i sindaci sardi di centrosinistra non la vogliono. La differenza che il centrodestra vuole completa mano libera nella gestione del territorio da parte delle comunit locali, senza vincoli di sorta, mentre il centrosinistra punta alla creazione di un parco regionale, magari dai confini pi ristretti e soprattutto gestito direttamente dai comuni insieme alla giunta regionale. Quest'ultima posizione stata fatta propria da Renato Soru e dalla sua maggioranza (un centrosinistra allargato a Rifondazione comunista e alla rete dei movimenti). I vincoli previsti dalla legge Ronchi sono entrati in vigore il 1 di gennaio. Da allora contro il parco partita una campagna che ha portato alla decisione annunciata ieri da Matteoli. Una decisione che accontenta tutti, centrodestra e centrosinistra. Ora per si tratta di vedere come sar riempito il vuoto.

Un vuoto pericoloso, ha denunciato il Wwf attraverso la voce di Fulco Pratesi. Perch se il parco muore, poi non affatto certo che rinascer sotto altre forme, come vorrebbero Soru e il centrosinistra. La destra, infatti, far di tutto per bloccare anche il parco regionale. La partita complicata. Il parco arriva sino alle coste. E sulle coste, nonostante il vincolo imposto dalla giunta regionale che impedisce per un anno, solo per un anno, di costruire entro una fascia di due chilometri dal mare, i cementificatori non hanno smesso le loro mire, politicamente coperti dal centrodestra. E poi c' il problema dei territori comunali adibiti ad usi civici, un retaggio del feudalesimo sopravvissuto alla modernizzazione.

In passato, il comunale era diviso tra le famiglie del paese-villaggio, che lo utilizzavamo per il pascolo delle greggi. Oggi, in molti centri della Barbagia e dell'Ogliastra controllato, spesso con la violenza, da pochi occupanti abusivi, che resistono con i fucili e con la dinamite a qualsiasi tentativo di regolamentazione dell'uso del territorio. All'origine delle tensioni e delle violenze che segnano la vita di molte comunit del centro Sardegna sta il conflitto per il controllo dei terreni comunali. Dai piccoli signori della guerra che sinora hanno imposto con la forza i loro interessi illeciti, l'istituzione del parco del Gennargentu, nazionale o regionale che sia, vista come un pericolo. Dietro la difesa dell'autonomia delle comunit locali, usata in funzione antiparco, sta in realt la volont di chi controlla e occupa abusivamente il territorio di perpetuare il proprio inconstrastato dominio. Con la copertura politica del centrodestra.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news