LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Veltroni: Adriano La Regina deve restare al suo posto
Alessandra Rubenni
l’Unità – Roma, 13/01/2005

Sale la preoccupazione per il futuro della Soprintendenza Archeologica di Roma e ancora una volta c'è anche il sindaco della Capitale al fianco di Adriano La Regina. Non più Soprintendente uscente, come sembrava alla fine dell'estate, quando prossimo alla pensione fu poi trattenuto in servizio, in virtù di un'apposita legge, fino ai 70 anni e dunque sino al 2007, ma Soprintendente già sollevato, d'improvviso e in modo davvero assurdo, dai suoi uffici, per le disposizioni del governo Berlusconi, attento solo ad arginare le spese. Perché per pagare i dirigenti in regime di proroga non ci sarebbero i fondi.
«Mi auguro che si risolva presto la questione del Soprintendente La Regina», ha detto Walter Veltroni nel corso di un incontro pubblico al Caffè Greco, pur senza entrare nella questione che Ora si trovano a dirimere il ministro dei Beni Culturali e quello della Funzione Pubblica Baccini. Il suo pensiero, però, è chiaro. Per il sindaco, Adriano La Regina resta una figura di grande rilievo, che ha vigilato con grande competenza sul più grande patrimonio archeologico del mondo e ha saputo coniugare la tutela di questo bene inestimabile con la modernità. E confermata la stima più volte dimostrata nei confronti del Professore, con il quale la collaborazione
è sempre stata sotto il segno di una grande sintonia. Veltroni ora spera che si trovi un modo per farlo restare al suo posto per altri tre anni, come del resto aveva deciso lo stesso Urbani.
Sollevato lo scandalo, anche il ministro Baccini si dice pronto a cercare una soluzione. Anche se le precisazioni che arrivano dal suo portavoce smentiscono in parte le notizie apprese dal Ministero dei Beni Culturali: la revoca del Soprintendente, infatti, sarebbe una conseguenza diretta della Finanziaria 2005 e non della direttiva «meramente applicativa» emessa dalla Funzione Pubblica. In ogni caso, la sostanza non cambia: visto che mancavano risorse, dal 29 dicembre la Soprintendenza è senza una guida.
E non tramonta la possibilità che, chissà quando, non si arrivi a una sostituzione dell'ultima ora di La Regina. Il problema, poi, rischia di riproporsi per l'incarico del direttore generale del Patrimonio Storico e Artistico, dato che Mario Serio a marzo arriverà alle soglie della pensione.
Ieri anche Luciano Marchetti, direttore regionale del Lazio, ha espresso il suo rammarico: « Il ministero per i Beni culturali perde un funzionario di grande valore scientifico e amministrativo: è davvero una grave perdita. Ammesso che non si trovi una soluzione, ci sia almeno la possibilità che il ministro Urbani gli dia un incarico come consulente, perché il bagaglio della sua esperienza non vada perduto». Indignato, invece, il tono di Giovanna Grignaffìni, capogruppo Ds nella Commissione Cultura alla Camera, per «la scriteriata politica di tagli del centro destra» che oltre a mette a rischio il patrimonio culturale e impoverisce le professionalità della tutela. A lanciare un nuovo appello ai ministro e alla Presidenza del Consiglio perché si esca dall'impasse, è anche Libero Rossi, responsabile nazionale dei"Beni Culturali della Cgil. «Sarebbe grottesco - afferma invece l'associazione Italia Nostra - se la Soprintendenza archeologica più importante del mondo restasse bloccata per una questione di spiccioli». Nel frattempo molti funzionari e archeologi della stessa Soprintendenza sembrano piombati nel più completo smarrimento, «Ci sentiamo orfani, speriamo che si risolva, ma non possiamo nascondere il disappunto perché questa scelta rivela come è considerata questa Soprintendenza, che non è -commentano alcuni - quella di una città qualsiasi, così come il Soprintendente non è una persona qualsiasi, anzi è proprio unico».



news

26-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news