LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sotto Giotto un tesoro di anfore romane
Aldo Comello
il Mattino di Padova 14 GEN 2005

Nel corso di lavori di giardinaggio dietro la cappella degli Scrovegni, all'altezza del sottopasso, i tecnici del settore verde pubblico, impegnati a rafforzare muretti e a impiantumare essenze, hanno rinvenuto un vero e proprio giacimento di anfore romane. E' stato chiamato sul posto l'assessore al verde, Ivo Rossi che ha assistito ai lavori di scavo e di recupero effettuati dalla Soprintendenza archeologica che ha riportato alla luce 350 anfore romane che, ora, estratte con delicatezza dal fango e con cura ripulite, hanno trovato posto nella sezione archeologica del Museo. Ivo Rossi mostrando le immagini dello scavo, 20 metri per 10, quasi un metro di profondit, dice: Come si vede si tratta di oggetti di diversa misura.
I vasi avevano un foro e venivano utilizzati
per il drenaggio del terreno paludoso.
Ci sono anfore vinarie e olearie, pi piccole - continua - e, pi grandi, quelle che contenevano cereali. Secondo un primo screening archeologico gli oggetti hanno pi di 2000 anni, sono infatti databili al primo secolo dopo Cristo. La foggia dei manufatti o eventuali marchi o sigilli, di cui comunque non ho notizia, fanno pensare a provenienze diverse: vino, olio, grano da ogni parte dell'Impero, merci trasportate via mare, dalla Dacia piuttosto che dalla Sicilia o dal Nordafrica. Questo conferma l'importanza di Patavium nel dominio italico di Roma antica, la citt pi grande e prospera del nordest a far da specchio a Mediolanum nell'Italia nord-occidentale. Questa eccellenza patavina tra le citt dell'Impero, risulta sua dagli studi del professor Sante Bortolami che da quelli, meno recenti, ma fondamentali di Cesira Gasparotto. A Padova e nel Veneto c'erano, tra l'altro, importanti allevamenti di cavalli da guerra, preziosi per gli equites romani.
Le merci, come accadde molti secoli dopo durante il dominio veneziano, arrivavano e partivano via fiume e c' da immaginarsi un corso d'acqua molto pi ampio dell'attuale e di maggior portata, pi spostato verso sud a lambire l'area del teatro romano che si estendeva dall'attuale palazzo Zuckermann a via Porciglia. Quindi, forse, sotto l'erba e tra gli alberi del parco ci sono migliaia di anfore romane, ma anche colonne, archi, basolato per la pavimentazione di strade, perch il teatro, con i suoi spettacoli, era il cuore pulsante della civitas. Le anfore, poi, dai romani stessi, erano usate per il drenaggio cio per proteggere le strutture architettoniche dall'acqua. Il fiume, infatti, si insinua in mille rivoli sotto terra fino ad alimentare la falda. Tutta la zona, quindi, tendeva a impaludarsi e, per evitarlo, si utilizzava una stratificazione di anfore, anche sei strati. I contenitori erano tutti forati per cui l'acqua li riempiva e poi veniva rilasciata lentamente: l'assorbimento graduale, centellinato, impediva gli allagamenti.
Chiediamo a Rossi, presente al sopralluogo, se queste anfore avessero tutte il fondo forato: Non mi sembra - risponde l'assessore - alcune, una sessantina, sono perfettamente integre e in buono stato di conservazione e poi ricorda un'altra avventura archeologica vissuta in ottobre, quando, durante i lavori di bonifica bellica al cavalcavia Borgomagno, le trivellazioni portarono alla luce dei frammenti di coccio a conferma dell'esistenza, sotto il piazzale della stazione, di una grande necropoli romana.



news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news