LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I tesori delle Marche
Gianfranco Ferroni
Il tempo 14-GEN-2005

E' un patrimonio culturale da rivalutare, quello delle Marche. Da domani, sabato 15 gennaio - e fino al 30 aprile - sarà visibile la mostra "Collectio Thesauri. Dalle Marche: tesori nascosti di un collezionismo illustre" nelle sue due sezioni di Ancona - presso la Mole Vanvitelliana - e di Jesi, presso lo Studio per le Arti della Stampa, a Palazzo Pianetti Vecchio. Un'esposizione promossa e realizzata dalla Regione Marche con il patrocinio del Ministero dei Beni Culturali e le Attività Culturali, in collaborazione con le amministrazioni provinciali delle Marche e con numerosi comuni e biblioteche del territorio. Il progetto della mostra presenta 370 opere - principalmente provenienti da 17 biblioteche storielle marchigiane e dalla Biblioteca Apostolica Vaticana - di cui 310 opere esposte nelle sale della Mole Vanvitelliana - edificio costruito come lazzaretto della città nel 1733 dall'architetto Luigi Vanvitelli - e 60 volumi a Palazzo Pianetti Vecchio, ex refettorio delle Clarisse e biblioteca della famiglia Pianetti. Ad Ancona - sede centrale della mostra l'esposizione si snoda lungo le sale del primo
piano della Mole e del corrispettivo soppalco. Il percorso espositivo materializza un ideale itinerario attraverso le biblioteche storiche delle Marche, incontrando grandi personaggi, collezionisti, bibliografi e bibliofili. In una successione cronologica, dalle raccolte più antiche di origine altomedievale e monastica, proseguendo per itinerari rinascimentali. I grandi collezionisti dell'epoca barocca e dell'Illuminismo accompagneranno il visitatore nel rimanente percorso; è infatti fra la metà del XVII e la fine del XVT1T secolo che si costituiscono le grandi raccolte bibliografiche e si concretizza la nascita delle biblioteche pubbliche. Alle 18
sale dedicate alle biblioteche seguiranno due grandi spazi dedicati ad esposizioni tematiche: l'arte grafica e la musica, da cui emergerà con chiara evidenza la preziosità delle raccolte marchigiane.
Saranno visibili 180 opere fra codici, volumi antichi ed edizioni rare; 100 opere di arte grafica, fra disegni e stampe; 35 documenti musicali, fra cui antifonari, salteri, documenti rari e manoscritti a partire dal X secolo.
La sezione jesina di Collectio Thesauri si svolge negli ambienti dello Studio per le Arti della stampa. Le opere sono allestite nell'antico Palazzo Pianetti, oggi sede del Museo della Stampa. Qui è possibile, contestualmente alle edizioni in mostra, ammirare anche un monumentale torchio settecentesco e altri strumenti in uso nelle tipografie locali fra XLX e XX secolo. Si ripercorrerà, per là prima volta, la storia della tipografia marchigiana fin dal secolo XV, di cui esempio di grande valore è costituito dall'opera di Ottaviano Petrucci, che in quegli anni realizzò il sistema per la stampa della musica con i caratteri mobili. Le edizioni più antiche in mostra, come quelle quattrocentesche di Federico de' Conti, saranno allestite in quel gioiello barocco che è la cappella di famiglia prospiciente il museo e dedicata a San Bernardo.
Alcuni pezzi straordinari renderanno l'evento-mostra unico nel suo genere, come i celeberrimi globi del XVI e XVII secolo (quello acquerellato realizzato da Vincenzo Coronelli, ha una circonferenza che supera i 3 metri). La grande acquaforte di Nicolaus Hogenberg, conosciuta come il Trionfo di Carlo V, del 1530, che nei suoi 12 metri di lunghezza "racconta come in un film" la fastosa incoronazione dell,imperatore Carlo V d'Asburgo a Bologna nel 1530.
I sei codici, provenienti dalla Biblioteca Apostolica Vaticana ed appartenuti alla libreria di Federico da Montefeltro, che per la prima volta ritornano nelle Marche - straordinariamente ricchi di miniature (ne sono esempio quelli di Francesco Rosselli e del Ghirlandaio). I preziosi atlanti acquarellati di Mercatore, Ortelio, Kaerius e Blaeu, che rappresentano la migliore produzione cartografica d'uso mai realizzata nell'Europa del Nord.
Nella sezione di arte grafica, ecco una selezione dalle più importanti raccolte marchigiane di disegni spesso preparatori di ben noti dipinti di Raffaello, Guido Reni, Barocci, Cecco Bravo, Canova, solo per citarne alcuni, e di maestri contemporanei come Rosai, Guttuso, Cagli; le stampe di Carnìcci, Rembrandt, Duerer, Callot, Piranesi, Stefano della Bella.
L'esposizione, curata da Mauro Mei ed allestita dall'architetto Pierluigi Cervellati, ha richiesto 5 anni di preparazione, la collaborazione ai prestiti di 26 fra Biblioteche, Musei, Monasteri e Pinacoteche.



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news