LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Viaggio per Axum senza ritorno
GIANFRANCO DE TURRIS
L’Indipendente, 13/01/2005

«TUTTI i PROBLEMI sono superati», assicura il sottosegretario agli esteri Mantica. «Non credo che ce la faremo prima di Natale, ma sicuramente tra gennaio e febbraio potremo effettuare il primo volo per il trasporto dei tronconi dell'obelisco», conferma il professor Giorgio Croci» (Corriere della Sera, 17 novembre 2004). «Scambio di battute tra il vicepremier Gianfranco Fini e il ministro dei Beni e delle Attività culturali Giuliano Urbani, davanti alla platea di Azione Giovani. Ha cominciato Fini. «Capisco che la restituzione della stele di Axum ha un carattere storico e politico. Ma la reciprocità...» E Urbani ha risposto, un po' piccato: «Non l'ho mai considerata una restituzione, perché non c'era nessuna ragione per farla...» (Dagospia, 7 dicembre 2004).
Non è grottesco e ridicolo tutto ciò? Un governo di centrodestra che, apprendiamo ora, non era affatto convinto di fare quel che ha poi fatto tra polemiche e mugugni, con un enorme dispendio di denaro pubblico solo per cedere alle pressioni politiche interne e per un progetto di strategia africana (la nostra "presenza" nel Corno d'Africa facendoci "perdonare" il nostro
passato colonialista) che appare più un sogno che una realtà.
Nulla, come ha detto il ministro Urbani che però poi non si è opposto alla decisione, ci obbligava realmente a segare e ha rispedire in Etiopia la stele portata a Roma nel 1937.
Non il Trattato di pace del 1947, perché la "restituzione" della stele venne aggiunta nel 1956. Non motivi di politica internazionale, perché il precedente legittimo capo del governo etiopico, il negus Hailé Selassié, ce l'aveva "donata" in cambio di adeguati risarcimenti che effettuammo (costruzione di un ospedale e di una centrale idroelettrica), come ha testimoniato per ben due volte sul Corriere della Sera il duca Amedeo d'Aosta.
Non una questione storica, religiosa, etnica, perché la stele fa parte di una civiltà, di una cultura e di una religione precedenti di secoli l'attuale etiopica. Non una questione archeologica, perché la stele trasportata in Italia non è un unicum, ma una delle tantissime esistenti a Axum, Si tratta solo e, esclusivamente di una questione politica, alla quale si poteva benissimo dire di no, per rispetto della nostra storia di cui non dobbiamo vergognarci e dei morti di una guerra che fu come non mai sentita dall'intera nazione. Si poteva rispondere con soluzioni alternative, avanzate da molti e di idee diverse: lo storico Franco Cardini, il giornalista Giuliano Zincone, l'ambasciatore Bruno Bottai, il ministro Mirko Tremaglia, fra gli altri. Proporre la realizzazione in Etiopia di opere pubbliche (come peraltro era stato già fatto) o l'invio di aiuti umanitari equivalenti per una popolazione in perenne stato di carestia. Si consideri infatti come la spesa per tutta l'operazione che coinvolge la stele sia lievitata ormai a ben dieci milioni di euro. I viaggi aerei saranno quattro: ovviamente sempre che si possa noleggiare un Galaxy o un Antonov, sempre che la pista di atterraggio a 2300 metri di altezza sia agibile, sempre che non vi siano i monsoni, sempre che la situazione politica lo permetta. Intanto i tre blocchi di pietra giacciono dal 23 dicembre 2003 in una caserma della polizia a Ciampino, mentre a Porta Capena davanti al palazzo "
c'è ancora una transenna verde che circonda il luogo dove si alzava la stele, che non è stato ancora neanche asfaltato.



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news