LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il ministro: "Chiamerò Isozaki"
Massimo Vanni
La Repubblica – Firenze, 13/01/2005

UFFIZI, il ministro dei beni culturali Giuliano Urbani convocherà Isozaki per il progetto della loggia. E, in pratica, all'architetto giapponese chiederà se intende rinunciare o modificare quanto fino ad oggi disegnato. Davanti al sindaco Leonardo Domenici, agli assessori Gianni Biagi e Simone Siliani, al soprintendente Antonio Paolucci e al governatore toscano Claudio Martini, tutti riuniti ieri mattina nel suo ufficio di via del Collegio romano, il ministro annuncia nuovi e «più interessanti» risultati scaturiti dalle indagini archeologi che di Riccardo Francovich. E per questo, aggiunge, «abbiamo il diritto-dovere di informare Isozaki».
Quali sono le novità? La relazione Francovich allarga il campo di scavo fin sotto la biblioteca Magliabechiana, la chiesa di San Pier Scheraggio e Palazzo Vecchio. «E quello che emerge è molto di più dei rilievi conosciuti al tempi della mia lettera», dice Urbani ricordando il fax inviato al sindaco col quale, a metà ottobre, fece sapere che il progetto Isozaki non sarebbe mai stato realizzato. Parole che suonano così: se la loggia era irrealizzabile allora (quando si parlava solo di un muro medievale), tanto più lo è alla luce dei nuovi rilievi. Mala partita è solo all'inizio.
«Il mio pensiero l'ho già espresso nella lettera, è tutto lì», conferma il ministro sprofondato su un divanetto. Come dire, così com'è la loggia non va. Ma cosa succederebbe se Isozaki, anziché rinunciare e ricorrere per danni (c'è già il contratto firmato), accettasse di modificare il progetto tenendo conto dei nuovi rilievi? Come fermarlo in questo caso?
«Credetemi sulla parola, questa storia è delicatissima, aiutateci ad accendere i riflettori su due aspetti — è la richiesta del ministro —sui lavori dei Grandi Uffizi che vanno avanti e sulla Fondazione che intendiamo creare per tutto il polo museale fiorentino». Paolucci, che in via del Collegio romano ha vissuto per oltre un anno da ministro, scuote la testa: «Tutto questo è l'ennesimo tentativo di trovare una ricucitura politica»». Ma secondo lei si farà o no la loggia? «Se non lo scrive, glielo dico», dice il soprintendente. Risposta eloquente.
Il sindaco Domenici conferma la sua linea davanti al ministro: «Noi siamo per farla». Ma non siamo più allo scontro di qualche mese fa. Per la prima volta Urbani annuncia un proprio intervento su Isozaki. E così facendo si assume la piena responsabilità (giuridica e finanziaria) di ogni decisione. Non solo.
«Isozaki è architetto di fama mondiale, ultra-apprezzato in Italia: uno che studia la pietra serena e le linee delle logge fiorentine merita tutta la mia considerazione», afferma il ministro. Niente da dire insomma sul valore estetico del progetto, fa intendere Urbani prendendo la distanze
dalle campagne alla Oriana Fallaci o alla Vittorio Sgarbi. «Anche rispetto alla posizione espressa nella lettera di ottobre, c'è adesso una valutazione che esprime rispetto per il progetto», dice il sindaco. «Non siamo alla crociata», si associa Urbani. Il punto sono gli scavi, non il giudizio estetico. Della Fortezza e del parcheggio contestato non si parla. Forse ne parlano il sindaco e il ministro, quando per mezz'ora si appartano per un faccia a faccia. «Ci sarà il parere del nostro organo consultivo, non posso esprimermi prima di allora», dice solo Urbani. Si parla invece di servizi integrati per musei e biblioteche e per questo, da ieri, è stato aperto un tavolo ministero-Comune. Si parla anche delle celebrazioni di Galileo, che proprio nell’attuale ministero dei beni culturali, un tempo centro culturale dei gesuiti, fu segregato in attesa dell'abiura. E si conviene che i musei di Firenze avranno la loro Fondazione, aperta agli investitori privati. E' lo stesso Paolucci, un tempo perplesso sull'idea, a chiedere che la Fondazione non riguardi solo gli Uffizi.



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news