LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palermo: alberghi nei palazzi storici. Via libera alle varianti per 5 edifici del centro
Carmen Vella
Sole 24 Ore, 12/01/2005



Nel centro storico di Palermo nasceranno nuovi alberghi di lusso. Il Consiglio comunale ha dato il via libera alle varianti del Piano particolareggiato esecutivo del centro storico per cinque palazzi che saranno destinati a strutture alberghiere di lusso. A dicembre sono state approvate le cinque delibere che danno il via libera ad altrettante varianti per il cambio di destinazione d'uso degli immobili dalla condizione attuale a quella turistico-alberghiera. Via libera che arrivato dopo i pareri positivi di Asl, Genio civile, Sovrintendenza ai Beni culturali e assessorato regionale al Territorio.
Via libera per palazzo Di Napoli e palazzo Costantino, che si trovano tra via Maqueda, corso Vittorio Emanuele e Vicolo dei Mori. La richiesta di variante era stata presentata pi di un anno fa al Comune dalla Quattro canti, una societ costituita dal Gruppo Franza di Messina tramite la propria controllata Fratne invest e da Roberto Bilotti Rugg D'Aragona, un nobile palermitano residente da anni a Roma proprietario dei due immobili. I due palazzi (che sorgono l'uno accanto all'altro), saranno ristrutturati con un investimento complessivo di 10 milioni di euro e sono destinati a diventare un'unica struttura ricettiva a cinque stelle con 75 camere che dovrebbe essere completata, una volta ottenute tutte la autorizzazioni, entro due anni dalla posa della prima pietra. Si tratta per noi spiega Pietro Franza di un investimento importante, in una citt come Palermo capoluogo dell'isola e incrocio di mille culture. una cosa prestigiosa alla quale tenevamo tanto e per la quale abbiamo tanto lavorato.
Con un'altra delibera a dicembre il consiglio comunale di Palermo ha approvato la variante al Piano particolareggiato esecutivo del centro storico per il cambio di destinazione d'uso di palazzo de hrancisci. fra via Buteia. vicolo Martinez e vicolo Lo
presentata dall'Immobiliare Mediterranea. Cambio di destinazione d'uso anche pei palazzo Butera e palazzo Piraino, in via Butera (la richiesta di variante al Comune era stata presentata dalla societ immobiliare Piraino). Stessa sorte per palazzo ex Satris, che si trova tra corso Vittorio Emanuele, via dei Bottai e via del Parlamento. La richiesta di cambio di destinazione d'uso (per residenza collettiva) stata presentata dalla societ Italia Immobiliare.
Non sono mancate le polemiche invece per l'approvazione della variante d'uso di palazzo Villafranca. del 15 dicembre la delibera con cui l'Aula ha autorizzato l'utilizzo per attivit alberghiera. L'immobile, che si trova tra piazza Bologni, via Panormita e vicolo Castelnuovo, di propriet della Curia arcivescovile di Palermo, frutto di una donazione da parte di una famiglia nobiliare, e per il quale sono in programma due linee di interventi: la ristrutturazione, che prevede la spesa di cinque milioni di euro e il restauro dell'archivio storico e della biblioteca diocesana per una spesa di tre milioni, la met dei quali dovrebbe arrivare da un finanziamento della Regione che la Curia ha gi chiesto. Nel corso della seduta del consiglio comunale la commissione consiliare urbanistica ha presentato un emendamento, integrato con un sub-emendamento, che ha escluso dalla variante il piano nobile del palazzo, per il quale resta confermata come unica destinazione d'uso quella culturale e museale. Concluso il periodo di pubblicazione delle delibere di variante all'albo pretorio ci sono dieci giorni di tempo per le eventuali osservazioni da parte dei cittadini che verranno prese in esame dal Consiglio comunale. Successivamente, e quindi a met gennaio, il provvedimento passer all'esame dell'assessorato regionale al Territorio e ambiente per l'approvazione del decreto di variante che far scattare la concessione.
Altri imprenditori hanno intanto contattato gli uffici del Centro storico annunciando li voler presentare a breve istanze per realizzare nuovi alberghi. Tra questi immobili ci sono anche Palazzo De Seta in viale Umberto I, alla Kalsa, e Palazzo Moncada in piazza San Domenico.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news