LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palermo: alberghi nei palazzi storici. Via libera alle varianti per 5 edifici del centro
Carmen Vella
Sole 24 Ore, 12/01/2005



Nel centro storico di Palermo nasceranno nuovi alberghi di lusso. Il Consiglio comunale ha dato il via libera alle varianti del Piano particolareggiato esecutivo del centro storico per cinque palazzi che saranno destinati a strutture alberghiere di lusso. A dicembre sono state approvate le cinque delibere che danno il via libera ad altrettante varianti per il cambio di destinazione d'uso degli immobili dalla condizione attuale a quella turistico-alberghiera. Via libera che arrivato dopo i pareri positivi di Asl, Genio civile, Sovrintendenza ai Beni culturali e assessorato regionale al Territorio.
Via libera per palazzo Di Napoli e palazzo Costantino, che si trovano tra via Maqueda, corso Vittorio Emanuele e Vicolo dei Mori. La richiesta di variante era stata presentata pi di un anno fa al Comune dalla Quattro canti, una societ costituita dal Gruppo Franza di Messina tramite la propria controllata Fratne invest e da Roberto Bilotti Rugg D'Aragona, un nobile palermitano residente da anni a Roma proprietario dei due immobili. I due palazzi (che sorgono l'uno accanto all'altro), saranno ristrutturati con un investimento complessivo di 10 milioni di euro e sono destinati a diventare un'unica struttura ricettiva a cinque stelle con 75 camere che dovrebbe essere completata, una volta ottenute tutte la autorizzazioni, entro due anni dalla posa della prima pietra. Si tratta per noi spiega Pietro Franza di un investimento importante, in una citt come Palermo capoluogo dell'isola e incrocio di mille culture. una cosa prestigiosa alla quale tenevamo tanto e per la quale abbiamo tanto lavorato.
Con un'altra delibera a dicembre il consiglio comunale di Palermo ha approvato la variante al Piano particolareggiato esecutivo del centro storico per il cambio di destinazione d'uso di palazzo de hrancisci. fra via Buteia. vicolo Martinez e vicolo Lo
presentata dall'Immobiliare Mediterranea. Cambio di destinazione d'uso anche pei palazzo Butera e palazzo Piraino, in via Butera (la richiesta di variante al Comune era stata presentata dalla societ immobiliare Piraino). Stessa sorte per palazzo ex Satris, che si trova tra corso Vittorio Emanuele, via dei Bottai e via del Parlamento. La richiesta di cambio di destinazione d'uso (per residenza collettiva) stata presentata dalla societ Italia Immobiliare.
Non sono mancate le polemiche invece per l'approvazione della variante d'uso di palazzo Villafranca. del 15 dicembre la delibera con cui l'Aula ha autorizzato l'utilizzo per attivit alberghiera. L'immobile, che si trova tra piazza Bologni, via Panormita e vicolo Castelnuovo, di propriet della Curia arcivescovile di Palermo, frutto di una donazione da parte di una famiglia nobiliare, e per il quale sono in programma due linee di interventi: la ristrutturazione, che prevede la spesa di cinque milioni di euro e il restauro dell'archivio storico e della biblioteca diocesana per una spesa di tre milioni, la met dei quali dovrebbe arrivare da un finanziamento della Regione che la Curia ha gi chiesto. Nel corso della seduta del consiglio comunale la commissione consiliare urbanistica ha presentato un emendamento, integrato con un sub-emendamento, che ha escluso dalla variante il piano nobile del palazzo, per il quale resta confermata come unica destinazione d'uso quella culturale e museale. Concluso il periodo di pubblicazione delle delibere di variante all'albo pretorio ci sono dieci giorni di tempo per le eventuali osservazioni da parte dei cittadini che verranno prese in esame dal Consiglio comunale. Successivamente, e quindi a met gennaio, il provvedimento passer all'esame dell'assessorato regionale al Territorio e ambiente per l'approvazione del decreto di variante che far scattare la concessione.
Altri imprenditori hanno intanto contattato gli uffici del Centro storico annunciando li voler presentare a breve istanze per realizzare nuovi alberghi. Tra questi immobili ci sono anche Palazzo De Seta in viale Umberto I, alla Kalsa, e Palazzo Moncada in piazza San Domenico.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news