LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palazzo Grassi, il Comune chiama Urbani
Sara D'Ascenzo
Corriere del Veneto


Ca' Farsetti pensa a una rete di musei in cui inserire le sale di casa Fiat. Il progetto piace al ministro della Cultura. Stretta sui soci: in tre potrebbero spartirsi il 20%. Resta il nodo della gestione

VENEZIA — Palazzo Grassi nella rete del sistema museale della città. L'idea piace al ministro dei Beni Culturali, Giuliano Urbani, cui è stata sottoposta nei giorni scorsi e che ha dato un benestare preventivo. Il modello è quello di Berlino, dove i musei statali collaborano con quelli della città per prestiti e contributi scientifici. Un'ipotesi di «rete» contenuta nel progetto culturale elaborato dal Comune in vista dell'acquisizione, tra meno di 15 giorni, del 51% del pacchetto azionario del Palazzo, ancora di proprietà della Fiat. Ma prima del 25 gennaio, data fissata per il preliminare d'acquisto con la casa torinese, il sindaco dovrà presentarsi alla maggioranza con un'ipotesi concreta di soci disposti ad accollarsi, da subito, un 20% minimo in grado di sforbiciare la percentuale del 51% a carico del Casinò e quindi la spesa per la casa da gioco: da 15 a 10 milioni di euro. Su questo, dunque, si lavora in queste ore. L'ipotesi più «gestibile» è quella di due soci pronti a spartirsi il 20 per cento. Qualche complicazione, però, arriva dal fatto che, come potenziali soci, si siano da subito presentati almeno due soggetti che avrebbero potuto essere contattati in seguito per affidare loro, con un accordo pluriennale, la gestione delle mostre: su tutte la casa editrice veneziana Marsilio (che già ha in gestione, con la Elemond, i musei civici veneziani) e la milanese Skira (che ha in gestione le Scuderie del Quirinale) , tra l'altro in concorrenza tra loro, seppure entrambe nella galassia Rcs.
Difficile che una delle due sia disposta a tirarsi indietro: così l'ipotesi più probabile potrebbe vedere entrambe come soci con a fianco un terzo soggetto, magari proprio la società di trasporti d'arte — Arteria — che si era fatta avanti nelle scorse settimane.
Una complicazione che potrebbe rallentare il reclutamento dei soci: non a caso l'idea iniziale era quella di raccogliere i soci potenziali nei diciotto mesi a disposizione tra la prima parte della transazione (per acquisire il 51%) e la seconda, per acquisire il 39%, lasciando così a Fiat il 10 per cento.
Nel frattempo il progetto va avanti: nei piani del Comune la direzione artistica dovrebbe essere affidata a Jean-Jacques Aillagon, ex ministro della Cultura francese, capace, per prestigio personale, di convocare un comitato scientifico d'alto livello tra cui potrebbe figurare anche il direttore del British Museum, Neil Mc-Gregor.
Palazzo Grassi potrebbe aprire una grande libreria, dotarsi di un bar e di un ristorante sempre aperti, non solo nel periodo di mostre. Questo perché, nei piani, il palazzo dovrebbe rimanere sempre in funzione, con due grandi mostre all'anno e una terza di nicchia, e con congressi. Tutto, pur di scongiurare la destinazione alberghiera: fino al 2007, infatti, la destinazione d'uso è bloccata a esposizione d'arte, ma poi le cose, in teoria, potrebbero anche cambiare.



news

23-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news