LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Duomo, il disastro si poteva evitare. A tre mesi dal processo depositate le motivazioni della sentenza (5 condanne e 7 assoluzioni)
Giorgio Ballano
STAMPA Torino



Il giudice: i vigili del fuoco chiamati troppo tardi

Una manciata di minuti. Trenta, al massimo quaranta. Il rogo del Duomo di Torino, incominciato come un piccolo incendio da spegnere in mezz'ora, si è trasformato in una catastrofe per un banale ritardo nel dare l'allarme. A tre mesi dalla fine del processo, che si è concluso con cinque condanne e sette assoluzioni, il giudice Giorgio Semeraro ha depositato le motivazioni della sentenza.
Le parole del giudice sono un severo j’accuse sia nei confronti dei responsabili della ditta Fantino, che stava completando il restauro della Cappella del Guarini; sia dei dipendenti del Ministero dei Beni Culturali incaricati di vigilare su Palazzo Reale, peraltro in gran parte assolti. «Deve ritenersi pacifico - scrive Semeraro nelle 48 pagine della sentenza -che un intervento (dei vigili del fuoco, ndr.) anticipato anche solo di 30-40 minuti, avrebbe consentito di limitare in maniera apprezzabile gli effetti dannosi dell'incendio».
Secondo la ricostruzione compiuta dai periti, infatti, le fiamme si sono sviluppate molto presto ma l'evoluzione è stata lenta e prolungata. «Alle ore 22,50 (quando cioè è scattato il primo allarme antifumo) le dimensioni dell'incendio all'interno della Cappella erano ancora assai modeste. Sicché proprio in un periodo in cui l'incendio iniziava rapidamente a diffondersi, un intervento dei vigili del fuoco anticipato di 30-40 minuti avrebbe sicuramente limitato in maniera rilevante i contorni e gli effetti dannosi del rogo, quanto meno contenendolo alla Cappella del Guarini».
Invece i custodi svolsero il sopralluogo nell'area interessata (la cosiddetta Zona 31 ) «con leggerezza, senza esaminare attentamente tutti i locali interessati, nella convinzione che si trattasse di uno dei frequenti falsi allarmi dovuti al vento e alla polvere». Una disattenzione fatale. Solo alle 23.45, quasi un'ora più tardi, l'allarme ai pompieri venne dato da un cittadino che aveva notato del fumo provenire dalla chiesa.
Sulle cause dell'incendio, e quindi sulla responsabilità della ditta Fantino, il giudice Semeraro non ha troppi dubbi: «l'assoluta certezza di ciò che è avvenuto non è stata - né potrebbe essere raggiunta», scrive il magistrato, «ma il processo ha chiarito che l'incendio ha avuto origine esclusivamente nella Cappella del Guarini, nel tardo pomeriggio, per una causa elettrica». Due le possibili spiegazioni: «l'irraggiamento da un utilizzatore lasciato acceso» (forse una lampada o un faretto) oppure un fenomeno conosciuto come «arco elettrico», che è una particolare specie di cortocircuito. Colpa, secondo il giudice, dei tecnici della ditta che stava svolgendo i lavori di restauro nel Duomo: l'impianto elettrico non era sicuro e nella cupola venne lasciato materiale infiammabile.
La sentenza liquida in poche righe l'ipotesi dell'attentato, avanzato nei giorni successivi all'incendio. Sposando le conclusioni della Digos, Semeraro giudica inattendibili le rivendicazioni arrivate a nome di «Luther Blisset», «Totò Riina» e di una sedicente «Lega Antialbanese».



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news