LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Duomo, il disastro si poteva evitare. A tre mesi dal processo depositate le motivazioni della sentenza (5 condanne e 7 assoluzioni)
Giorgio Ballano
STAMPA Torino



Il giudice: i vigili del fuoco chiamati troppo tardi

Una manciata di minuti. Trenta, al massimo quaranta. Il rogo del Duomo di Torino, incominciato come un piccolo incendio da spegnere in mezz'ora, si trasformato in una catastrofe per un banale ritardo nel dare l'allarme. A tre mesi dalla fine del processo, che si concluso con cinque condanne e sette assoluzioni, il giudice Giorgio Semeraro ha depositato le motivazioni della sentenza.
Le parole del giudice sono un severo jaccuse sia nei confronti dei responsabili della ditta Fantino, che stava completando il restauro della Cappella del Guarini; sia dei dipendenti del Ministero dei Beni Culturali incaricati di vigilare su Palazzo Reale, peraltro in gran parte assolti. Deve ritenersi pacifico - scrive Semeraro nelle 48 pagine della sentenza -che un intervento (dei vigili del fuoco, ndr.) anticipato anche solo di 30-40 minuti, avrebbe consentito di limitare in maniera apprezzabile gli effetti dannosi dell'incendio.
Secondo la ricostruzione compiuta dai periti, infatti, le fiamme si sono sviluppate molto presto ma l'evoluzione stata lenta e prolungata. Alle ore 22,50 (quando cio scattato il primo allarme antifumo) le dimensioni dell'incendio all'interno della Cappella erano ancora assai modeste. Sicch proprio in un periodo in cui l'incendio iniziava rapidamente a diffondersi, un intervento dei vigili del fuoco anticipato di 30-40 minuti avrebbe sicuramente limitato in maniera rilevante i contorni e gli effetti dannosi del rogo, quanto meno contenendolo alla Cappella del Guarini.
Invece i custodi svolsero il sopralluogo nell'area interessata (la cosiddetta Zona 31 ) con leggerezza, senza esaminare attentamente tutti i locali interessati, nella convinzione che si trattasse di uno dei frequenti falsi allarmi dovuti al vento e alla polvere. Una disattenzione fatale. Solo alle 23.45, quasi un'ora pi tardi, l'allarme ai pompieri venne dato da un cittadino che aveva notato del fumo provenire dalla chiesa.
Sulle cause dell'incendio, e quindi sulla responsabilit della ditta Fantino, il giudice Semeraro non ha troppi dubbi: l'assoluta certezza di ci che avvenuto non stata - n potrebbe essere raggiunta, scrive il magistrato, ma il processo ha chiarito che l'incendio ha avuto origine esclusivamente nella Cappella del Guarini, nel tardo pomeriggio, per una causa elettrica. Due le possibili spiegazioni: l'irraggiamento da un utilizzatore lasciato acceso (forse una lampada o un faretto) oppure un fenomeno conosciuto come arco elettrico, che una particolare specie di cortocircuito. Colpa, secondo il giudice, dei tecnici della ditta che stava svolgendo i lavori di restauro nel Duomo: l'impianto elettrico non era sicuro e nella cupola venne lasciato materiale infiammabile.
La sentenza liquida in poche righe l'ipotesi dell'attentato, avanzato nei giorni successivi all'incendio. Sposando le conclusioni della Digos, Semeraro giudica inattendibili le rivendicazioni arrivate a nome di Luther Blisset, Tot Riina e di una sedicente Lega Antialbanese.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news